SABATO 23 FEBBRAIO 2019, 11:24, IN TERRIS


NIGERIA

L'ombra di Boko Haram sulle elezioni

In 83 milioni sono chiamati alle urne in un clima di paura. Esplosioni a seggi aperti a Maiduguri

EDITH DRISCOLL
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Nigeriani al voto
Nigeriani al voto
U

na serie di esplosioni ha scosso la città nord-orientale di Maiduguri, proprio prima dell'apertura dei seggi per le elezioni presidenziali e legislative. 


Nel mirino

Il centro abitato è stata spesso colpito da attentati del gruppo jihadista Boko Haram. Le deflagrazioni sono state udite dai residenti intorno alle 6.00 e le cause al momento sono ignote. Giovedì almeno 59 persone sono morte in un tentato attacco nel villaggio di Danjibga nel nordovest, respinto da forze paramilitari.


Il voto

Oggi milioni di nigeriani, gran parte dei quali di età inferiore a 35 anni, sono chiamati alle urne in un clima di tensione dopo il rinvio a sorpresa di una settimana per problemi logistici, deciso dalla Commissione elettorale (Inec) poche ore prima dell'apertura dei seggi in programma il 16 febbraio. Al voto sono chiamati 83 milioni di elettori (ne sono attesi circa 73 milioni) per eleggere il Parlamento e il presidente per i prossimi 4 anni, tra un numero record di 73 candidati. Si prevede un testa a testa tra il presidente uscente, Muhammadu Buhari, 76 anni, leader del Congresso di tutti i progressisti (Apc), e il suo principale sfidante, l'imprenditore del settore petrolifero Atiku Abubakar, 72 anni, alla guida del Partito democratico popolare (Pdp) di centro-destra. La Nigeria è la nazione africana più popolosa e la prima economia del continente.


Minaccia

La minaccia principale sul voto, come anticpato, è rappresentata da Boko Haram, gruppo jihadista assurto a notorietà mondiale col sequestro delle 276 studentesse di Chibok dell'aprile 2014. I terroristi hanno avvertito che votare equivale all'apostasia e in alcune aree si teme che il voto non possa svolgersi per paura di preannunciati attentati incendiari. L'Onu ha stimato che, solo da novembre, 59 mila persone hanno dovuto abbandonare le proprie abitazioni per sfuggire agli estremisti islamici e il mese scorso soltanto negli stati del Borno e dello Yobe sono stati registrati 39 attacchi.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
TREVISO

Morta dopo aver scelto una chemio non invasiva per partorie

La notizia del tumore al seno durante la gravidanza. Le cure meno forti le consentono di diventare madre, ma muore tre mesi dopo
TASSE

Fino al 25 ottobre è possibile integrare il proprio “730”

Nel caso si sia dimenticata una deduzione o una detrazione, si ricorre al modello integrativo. Per i rimborsi o le compensazioni...
La vittima, Melissa Trotter, e a dx Larry Swearingen
USA

Pena di morte, nuova esecuzione in Texas

Le ultime parole del condannato: "Perdonali, non sanno quello che fanno"
L'epicentro del sisma
LAZIO

Terremoto, scossa nel Tirreno vicino Roma

Non sono stati riportati danni a cose e persone né sulla costa né nella Capitale
Ufficio comunale chiuso
PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Quota 100: oltre 10mila domande nella Pa

E' boom di richieste di pensionamento ma è allarme "rimpiazzi" in comuni e ospedali
Carabinieri del Ros in azione
GIARDINI NAXOS

Ndrangheta: arrestato il latitante Riitano

Era ricercato per traffico internazionale di stupefacenti ed altro