MARTEDÌ 15 GENNAIO 2019, 16:41, IN TERRIS


VENT'ANNI DI EURO

L'ammissione di Juncker: "Eccessiva austerità"

Il presidente della Commissione Ue riconosce pure che c'è stata "mancanza di solidarietà" con la Grecia

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Jean Claude Juncker
Jean Claude Juncker
S

uona come una sorta di "mea culpa" l'ammissione di Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione Europea, fatta oggi a Strasburgo nella plenaria del Parlamento Europeo, per il ventennale dell'Euro.


Il "mea culpa" sulla Grecia...

"Mi rincresce" - ha detto - che nella gestione della crisi finanziaria l'Eurozona abbia "dato troppo spazio al Fondo Monetario Internazionale. Se la California entra in crisi, gli Usa non si rivolgono al Fondo, e noi avremmo dovuto fare lo stesso". A differenza di quanto avverrebbe Oltreoceano, in Europa - osserva il presidente della Commissione Ue - "c'è stata una mancanza di solidarietà" nella gestione "della crisi greca. Abbiamo coperto di contumelie la Grecia: mi rallegro nel vedere che la Grecia e il Portogallo hanno ritrovato un posto, non dico un posto al sole, ma un posto tra le vecchie democrazie europee", osserva.


...e quello sull'austerità

Juncker ha anche riconosciuto che durante la crisi del debito “c’è stata dell’austerità avventata, ma non perché volevamo sanzionare chi lavora e chi è disoccupato: le riforme strutturali restano essenziali”. Egli ha parlato quindi dell'Euro, il "festeggiato" nel corso della plenaria a Strasburgo. Secondo lui, il progetto ha avuto successo. "Quando abbiamo lanciato il processo verso la moneta unica, ci prendevano per pazzi - ricorda  - dicevano che l'unione monetaria non avrebbe potuto funzionare". "Ne sentiamo di meno oggi - prosegue Juncker - deputati, giornalisti, professori di diritto ed economisti, soprattutto in Germania, tutti dicevano che sarebbe stata un'avventura che avrebbe condotto l'Ue al bordo dell'abisso. Ebbene, siamo ben lontani dall'abisso, perché possiamo constatare che il percorso intrapreso da vent'anni è stato coronato da successo". Anche se, aggiunge Juncker, "la convergenza economica e sociale tra gli Stati membri lascia tuttora a desiderare". Ci sono "dei punti deboli: è una grande debolezza che il coordinamento delle politiche economiche non sia perfetto. Non sarà mai perfetto, ma dobbiamo fare di più in materia di coordinazione delle politiche economiche, di bilancio e fiscali. E' una debolezza che rimane e non possiamo abbassare la guardia", conclude.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Casa di riposo per anziani
FRANCIA

Donna di 102 anni uccide la vicina di stanza

La vittima, una 92enne, è stata trovata nel suo letto con evidenti segni di violenza
EXTRATERRESTRI

Stati Uniti alla ricerca degli Ufo

Nel Paese americano le osservazioni sui dischi volanti non sono mai terminate
Giovanni Falcone

Giovanni Falcone

Ecco che la ventisettesima ricorrenza dell’uccisione del giudice Giovanni Falcone per mano della mafia, è...
Matteo Salvini
LA POLEMICA

Salvini: "Sbaglia chi fischia il Papa"

Il vicepremier torna a "Otto e mezzo" sul comizio in Piazza Duomo e i fischi al Santo Padre
Bandiera dei Paesi Bassi
ELEZIONI EUROPEE

L'Olanda ha votato, gli exit-poll premiano i laburisti

Al partito PvdA andrebbero addirittura 5-6 seggi, battuti Rutte e il Forum per la Democrazia
Polizia e manifestanti a Genova
EUROPEE

Genova, scontri al corteo antifascista

Gli antagonisti sono venuti in contatto con le Forze dell'ordine, mentre cercavano di raggiungere il comizio di CasaPound