MERCOLEDÌ 12 GIUGNO 2019, 19:05, IN TERRIS


BALCANI

Kosovo, l'ambasciatrice in Italia: "Più pressione sulla Serbia"

Parla la rappresentante del Paese kosovaro: "Oggi un giorno di ringraziamento"

LUCA COLLODI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
L'ambasciatrice Alma Lama
L'ambasciatrice Alma Lama
V

enti anni fa, il 12 giugno 1999, l’ingresso dei militari della Nato in Kosovo e il ritiro delle truppe serbe di Milosevic, dopo settimane di bombardamenti su Belgrado. Per celebrare la liberazione del Paese, l’ambasciata della Repubblica del Kosovo in Italia ha premiato “personalità italiane per il contributo e il sostegno dato al Kosovo nel percorso verso la libertà”. Premiato anche il programma della Radio Vaticana “Speciale Balcani, in onda nel 1999 durante la guerra a sostegno della Chiesa locale e dei profughi in collaborazione con Caritas Albania, la Cooperazione, l’Esercito e l’aeronautica militare italiana. La cerimonia si è tenuta a Roma presso il Centro Studi Americani alla presenza dell’ambasciatrice del Kosovo, Signora Alma Lama

Cosa rappresentano i vent'anni dalla liberazione del Paese? 
"Senza dubbio questa è la data più importante nella storia del nostro popolo. Venti anni fa, per la prima volta, il Kosovo è stato liberato dalla Serbia, senza dimenticare che nei secoli passati era sotto il giogo dell'Impero Ottomano. Grazie all'intervento umanitario dei Paesi Nato, i Paesi democratici hanno portato la libertà e poi aiutato il Kosovo nel percorso di indipendenza e riconoscimento internazionale. Stiamo affrontando diverse sfide ma con l'aiuto della comunità internazionale queste sfide saranno superate. Per noi oggi è senza dubbio un giorno di ringraziamento, non solo degli Stati che hanno liberato il Paese ma anche dei loro cittadini che hanno aiutato la causa del Kosovo. Perché hanno fatto conoscere la repressione attuata dalla Serbia di Slobodan Milosevic".

Come è cambiato il Kosovo in questi due decenni?
"E' cambiato molto rispetto a venti anni fa. A dieci anni dal termine delle guerra è stata dichiarata l'indipendenza. Oggi, seppure con i suoi problemi, è un Paese normale. E' chiaro che alcune criticità siano conseguenze della guerra. Restano dei problemi con la Serbia che ci toglie energia sotto il profilo politico-istituzionale, energia che vorremmo spendere nello sviluppo economico e nel completo riconoscimento internazionale. Non facciamo parte delle Nazioni Unite perché il Consiglio di Sicurezza ha bloccato la nostra adesione. Ne consegue che non siamo membri in tantissime Organizzazioni Internazionali. Ciò genera un riconoscimento a metà. Si nota che la Russia, insieme alla Serbia, stia cercando di usare il caso del Kosovo nel modo peggiore possibile per i loro interessi. Dunque restano delle sfide, ma dai Paesi dell'Unione Europea ci aspettiamo più pressione nei confronti della Serbia. In modo tale che il conflitto nella nostra regione venga risolto una volta per tutte. Noi siamo costruttivi, abbiamo partecipato al dialogo con la Serbia, e non è stato facile, perché migliaia di persone sono state uccise. Belgrado non rispetta gli accordi che abbiamo sottoscritto". 

I kosovari che hanno partecipato al conflitto del 1999 sono tornati nelle loro case?
"Sì. Il nostro è stato un caso particolare che ci ha sorpreso, infatti è tornato a casa quasi il 100% delle persone fuggite per la guerra". 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
TAGS
kosovo serbia
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'Hindu Raj
PAKISTAN

Alpinisti italiani travolti da una valanga

L'ambasciata: "Non ci sono vittime fra i nostri connazionali". Morto un pachistano
Franco Zeffirelli
CINEMA

Zeffirelli, Firenze rende omaggio al suo maestro

La camera ardente del regista allestita a Palazzo Vecchio
Salvini arriva a Washington
WASHINGTON

Salvini all'Ue: "Non accettiamo più briciole"

Da Oltreoceano il vicepremier manda un messaggio alle istituzioni europee: "Flat tax sì, fatevene una ragione"
Francesco Belsito
LA SENTENZA

Processo Siram: assolto Belsito

Il pm aveva chiesto 4 anni per l'ex tesoriere della Lega Nord
Luca Poniz
NOMINE

Csm, Poniz: "Politica si assuma responsabilità"

Il neo presidente dell'Anm: "Da tempo criticavo la magistratura associata"
BERGAMO

Travolto al posto di controllo, morto un carabiniere

Investimento nella notte, il conducente forse era ubriaco
INCIDENTI STRADALI

Roma, donna investita da autobus è grave

Sulla ricostruzione della dinamica sta lavorando la Polizia Locale
Paramilitare
AMERICA LATINA

Nicaragua: i paramilitari attaccano due chiese

Lanciate bombe “stordenti” e colpiti i fedeli all'uscita delle celebrazioni eucaristiche
Il blackout
L'EVENTO

Maxi-blackout, al via le indagini in Argentina e Uruguay

Servizio ripristinato dopo oltre 15 ore. L'inchiesta accerterà le cause del guasto
LOTTA AGLI STUPEFACENTI

Palermo: sbarca con 21 chili di droga, arrestato

Misura cautelare effettuata nei confronti di un incensurato
Bomba carta (immagine di repertorio)
RIONE SAN GAETANO

Bomba carta e "stesa" a Napoli: scene da guerriglia

L'ordigno artigianale è esploso davanti l'ingresso di una palazzina di via Teano
La petroliera in fiamme nel golfo di Oman
MARE DI OMAN

Attacco alle petroliere: gli Usa valutano l'invio di truppe

Ma il Giappone chiede agli Usa "Prove concrete" contro l'Iran "oltre le speculazioni"
Joshua Wong
ASIA

Hong Kong: è libero il leader degli ombrelli

Scontata la pena di due mesi per le manifestazioni del 2014
Mario Conoci
ELEZIONI COMUNALI IN SARDEGNA

Mario Conoci è il nuovo sindaco di Alghero

Centrodestra in testa anche a Cagliari, il Centrosinistra a Sassari
Lavoro

Zero, qualcosina

In questi ultimi giorni si è data enfasi sulla crescita dell'occupazione in modo tale che i media potessero...
Italia-Spagna 3-1. Chiesa festeggia la doppietta con Orsolini - Foto © Twitter
EUROPEO U-21

Notte magica per l'Italia, la Spagna è ribaltata: 3-1

Sfatato il tabù iberico: Chiesa (doppietta) e Pellegrini (rigore) portano gli azzurri in testa al girone