GIOVEDÌ 16 APRILE 2015, 003:00, IN TERRIS

KENYA, EFFETTO GARISSA: 350 MILA PROFUGHI RISCHIANO IL RIMPATRIO

Dopo la strage al campus universitario, le autorità del Paese hanno deciso di chiudere il campo dei rifugiati a Daddab

HORTENSIA HONORATI
KENYA, EFFETTO GARISSA: 350 MILA PROFUGHI RISCHIANO IL RIMPATRIO
KENYA, EFFETTO GARISSA: 350 MILA PROFUGHI RISCHIANO IL RIMPATRIO
Dopo l'attentato al Campus di Garissa lo scorso 2 aprile, 350 mila rifugiati somali in Kenya rischiano di dover tornare forzatamente in patria. A confermarlo saranno le autorità di Nairobi qualora decidessero di chiudere, come hanno annunciato di voler fare, il campo profughi di Dadaab. La notizia è stata diffusa anche da William Ruto, vice presidente kenyonita, il quale, senza lasciar spazio a false speranze, ha dichiarato che da sabato partirà il rimpatrio per molti dei rifugiati.

Un'azione mirata e volta a rafforzare la propria sicurezza, messa profonda in crisi specie dall'assalto all'Università dove uomini armati di al-Shabaab hanno ucciso 148 persone, tra cui 142 studenti. Già nelle scorse settimane l'aviazione del Paese aveva iniziato a bombardare le postazioni del gruppo terroristico in Somalia, nel tentativo di scoraggiare gli estremisti.

Gli attacchi di al Shabaab iniziarono già nel 2011 quando i guerriglieri islamici somali cominciarono a rapire occidentali nel nord del paese per chiedere riscatti. Dopo il sequestro di 4 donne, il governo kenyano decide di inviare delle truppe in Somalia per neutralizzare i ribelli affiliati di al Qaeda, una mossa che provocò la reazione immediata degli estremisti i quali minacciarono attentati in Kenya come ritorsione. Da allora il Paese è segnato da numerosi e sanguinosi attentati di cui quello al Campus universitario è uno dei più spietati.

Intanto la decisione delle autorità kenyonite, ha suscitato le polemiche dell'Unhcr, l'organizzazione Onu per i rifugiati delle Nazioni Unite, i quali hanno affermato che tale provvedimento avrà "estreme conseguenze pratiche e umanitarie". L'agenzia si è detta pronta a collaborare con le autorità del Kenya per "rafforzare il rispetto della legge" nel campo, contro ogni eventuale intrusione da parte dei gruppi armati.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"
Arte sacra, Calabria
ARTE SACRA

La Calabria della fede raccontata in un libro

Il volume raccoglie 173 santuari in altrettante schede con contenuti iconografici, bibliografici e archivistici
Il ciclista Chris Froome
CICLISMO

Chris Froome positivo al doping

Trovate tracce superiori al consentito di salbutamolo. Ad annunciarlo l'Uci
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"
Recep Tayyip Erdogan
CAOS GERUSALEMME

Erdogan al vetriolo: "Israele terrorista"

Il presidente turco apre il vertice dell'Oic: "La Città santa sia capitale della Palestina"