LUNEDÌ 24 AGOSTO 2015, 12:11, IN TERRIS

JUNCKER: "NO AD UN'EUROPA DIVISA DA MURI ANTI-MIGRANTI"

Il presidente della Commissione Ue ribadisce l'importanza di Frontex e della redistribuzione dei profughi perché "nessuno Stato può farcela da solo"

AUTORE OSPITE
Mentre non accenna a placarsi l'emergenza migranti e la Macedonia decide di innalzare l'ennesimo muro in Europa, ad intervenire sull'argomento è Jean-Claude Juncker che mette in guardia "contro la miopia di chi vorrebbe un'europa divisa da muri anti-migranti". Il presidente della Commissione dell'Unione Europea, in un lungo intervento pubblicato oggi da Repubblica, torna a ribadire che quando si parla di migrazioni "non bisogna dimenticare che parliamo di esseri umani" e sottolinea che l'unica differenza è che queste persone non possono vivere la loro vita "perché non hanno avuto la fortuna di essere nati come noi in una delle regioni più ricche e stabili del mondo. Mi preoccupa vedere che una parte della popolazione le respinge".

Infatti la maggior parte dei profughi, che ogni giorno tentanto disperatamente di lasciare i loro Paesi di origine - la Siria devastata dalla guerra, la Libia scossa dalle atrocità dell'Is, o dall'Eritrea che vive sotto dittatura - per arrivare in Europa, dove sperano di trovare una stabilità. "Non esistono soluzioni nazionali efficaci. Nessuno stato membro può regolare le migrazioni efficacemente per conto suo - ha dichiarato Juncker -. Non servono solo i vertici straordinari dei Capi di Stato e di governo. Si è già tenuto un vertice sulle migrazioni, a novembre ci rincontreremo a Malta. Dobbiamo fare si che tutti gli Stati dell’Ue approvino subito le norme europee necessarie, dando loro immediata attuazione".

In realtà il presidente della Commissione Ue non fornisce nuove soluzioni o nuove proposte, ma ribadisce le decisioni prese sul ruolo di Frontex e sulla redistribuzione dei migranti. "Non esistono soluzioni nazionali efficaci. Nessuno Stato membro può regolare le migrazioni efficacemente per conto suo - conclude il suo intervento Jean-Claude Junker -. L'Europa fallisce se la paura pende il sopravvento. L'Europa fallisce quando gli egoismi hanno più voce della solidarietà presente in ampie porzioni della nostra società".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La locandina del film
STAR WARS

Il lato Chiaro e quello Oscuro de "Gli Ultimi Jedi"

Scelte coraggiose e azzardi, poesia ed errori pericolosi. Cosa pensiamo di Episodio VIII (SPOILER)
Vittorio Emanuele III

Il ritorno del Re

Vittorio Emanuele III tornerà dall'esilio e la sua salma sarà trasferita da Alessandria...
L’albero di Natale Prosecco Doc a Venezia
FEDERALBERGHI

Tra Natale e Capodanno 15 milioni di italiani in viaggio

Il giro d’affari complessivo sarà di 9,9 miliardi di euro
Reliquia della Beata Anna Maria Adorni
VATICANO

Presentato il nuovo documento sulle reliquie

Pubblicato dalla Congregazione delle Cause dei Santi
SIRIA

La Russia accusa gli Usa: "Addestrano terroristi"

750 miliziani in un campo profughi nel Nord-Est della Siria
L'incontro con Uspi e Fisc
INCONTRO CON USPI E FISC

"Non cadete nei peccati della comunicazione"

Il Papa ha ricordato che la piccola editoria difende dai "polveroni mediatici"