MARTEDÌ 16 APRILE 2019, 00:03, IN TERRIS


INCENDIO A NOTRE DAME

Jihadisti esultano sui social media

Decine di post di giubilo per il rogo da profili legati al mondo dell'islamismo radicale

DANIELE VICE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Jihadisti
Jihadisti
S

tavolta non c'è la rivendicazione. Non è stato il terrorismo internazionale a colpire Notre Dame de Paris, uno dei cuori pulsanti del cristianesimo europeo. Ma basta la tragica fatalità del rogo che divora il tetto della cattedrale sino a farlo collassare; è sufficiente vedere la guglia principale, con la croce in cima, ripiegarsi su se stessa e venire giù per far urlare di giubilo quella parte di mondo che, se non appartiene direttamente alla jihad, quanto meno la fiancheggia.


Esultanza online

Così, mentre la comunità internazionale, sgomenta, assiste impotente al crollo di un simbolo, sul web fioccano tweet e post di esultanza di utenti legati alla realtà dell'islamismo radicale. Manca la rivendicazione, appunto. Quella che c'era stata dopo Charlie Hebdo, il Bataclan, l'aereoporto Zaventem di Bruxelles, Manchester, Londra, Barcellona, Berlino e così via; ma i toni non cambiano. A rivelarlo Site, portale che segue da sempre le vicende del terrorismo di matrice islamica. "I jihadisti - si legge - si sono rallegrati per il fuoco che ha inghiottito la cattedrale di Notre Dame a Parigi, in Francia, condividendo le foto dei media con le fiamme e il fumo, e postando commenti che esprimevano la loro gioia". E ancora "gruppi affiliati all'Isis salutano l'incendio di Notre Dame". 


Complottismo

Dall'altra parte della barricata, in una guerra che per larghi tratti si combatte sui social network a colpi di ideologia, non mancano utenti che non credono alla storia dell'incidente, puntando il dito contro l'Islam in modo indiscriminato. Così i commenti si trasformano in teorie più o meno complottistiche che mettono in guardia dalle politiche di accoglienza. Proprio mentre in Libia (solo per citare l'ultimo teatro bellico) si continua a sparare, lasciando immaginare una ripartenza dei flussi migratori verso l'Europa. Lo scontro di civiltà è già qui...

 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Teste di cuoio
LOURDES

L'ex militare si arrende alla polizia

L'unica ferita è l'ex compagna dell'uomo: raggiunta da un colpo di arma da fuoco
L'Ilva di Taranto
ILVA

Si dimettono i commissari straordinari

Lettera recapitata al Mise. Di Maio: "Grazie per il lavoro svolto, inizia fase due"
Luigi Di Maio
25 APRILE

Di Maio attacca: "Chi lo nega era anche a Verona"

Il vicepremier critico: "Coloro che negano la festa della Liberazione passeggiavano con gli antiabortisti"
Simbolo Eurostat
COMUNITÀ EUROPEA

Eurostat: debito in crescita nel 2018

Il deficit è invece sceso al 2,1%, dal 2,4% del 2017
Armando Siri
IL CASO

Siri, Salvini: "Giudici facciano in fretta"

Il vicepremier: "Si è colpevoli solo con condanna". Morra: "Intollerabile presenza nel governo"
Coltello
ROMA

Gli vede il crocifisso al collo, tenta di sgozzarlo

Il fatto alla vigilia di Pasqua vicino la stazione Termini. Marocchino l'aggressore