DOMENICA 15 OTTOBRE 2017, 10:00, IN TERRIS

SIRIA

Jihadisti in rotta da Raqqa: la caduta è vicina

Molti combattenti optano per la resa dopo l'offensiva finale della coalizione. Si lavora all'evacuazione ma è rischio foreign fighters

EDITH DRISCOLL
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Un bombardamento a Raqqa
Un bombardamento a Raqqa

E’ ormai vicinissima la capitolazione definitiva di Raqqa, la roccaforte dell’Isis in Siria divenuta, negli anni, una sorta di capitale del sedicente Stato islamico. La città, come annunciato già nelle scorse ore, sarebbe ormai a un passo dalla liberazione definitiva da parte delle forze curdo-arabe sostenute dagli Stati Uniti, con i militanti jihadisti che, stando a quanto riportato da alcune fonti locali, starebbero deponendo le armi ed evacuando i quartieri ancora occupati. Sarebbero in corso delle trattative tra miliziani e autorità per una resa che eviti un bagno di sangue: fra loro ci sarebbero anche alcuni foreign fighters. Al netto di qualsiasi sviluppo nelle prossime ore, la caduta di Raqqa segna un passaggio decisivo per la caratura dell’Isis in Medio Oriente, costituendo la seconda grande sconfitta dopo la battaglia che, pochi mesi fa, aveva portato alla liberazione di Mosul, l’altra importante roccaforte del Califfato.


Ultime resistenze

La città siriana, occupata nel 2014, costituiva il nucleo amministrativo dei jihadisti nonché meta finale dei numerosissimi (almeno 40 mila fra il 2014 e il 2015) combattenti stranieri (anche europei) giunti in territorio mediorientale per unirsi alla causa del sedicente Stato islamico. La più strenua resistenza alle ultime avanzate della coalizione sarebbe opposta proprio dai foreign fighters o, più precisamente, da coloro indottrinati dalla campagna propagandistica dell’Isis perpetrata attraverso il web. Secondo le notizie arrivate da Raqqa, gli ultimi scontri si starebbero consumando nella cittadella medievale, fra le aree più soggette ai bombardamenti. Molti di questi combattenti, però, sarebbero tra quelli in corso di trattativa per l’evacuazione pacifica.


La caduta di Raqqa

Inizialmente era stata diffusa la notizia che ai combattenti stranieri sarebbe stato negato il permesso di allontanarsi dalla città, nel timore di possibili ripercussioni in altri Paesi. Nel frattempo, ossia dall’inizio dell’offensiva finale, l’arretramento dell’Isis a Raqqa è stato (come a Mosul) pressoché costante. L’avanzamento delle truppe coalizzate aveva portato al taglio dei rifornimenti, dei beni di prima necessità e di fattori importanti come la luce elettrica. Al contempo, è cresciuto esponenzialmente il dramma della popolazione civile, priva delle più basilari norme igienico-sanitarie e ridotta a 25 mila persone (molte delle quali usate come scudi umani dai miliziani) dalle originarie 200 mila.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La Skoda coinvolta nell'incidente
MILANO-VENEZIA

In bici sull'A4: muore sul colpo travolto da un'auto

Non è stato ricostruito il motivo per cui la vittima fosse in bicicletta in autostrada
I soccorsi a Rigopiano
COMMEMORAZIONE

"Aspettiamo ancora giustizia"

Nel terzo anniversario della tragedia di Rigopiano i familiari delle 29 vittime aspettano di conoscere la verità
Maximilien de Robespierre

Chi semina vento raccoglie tempesta

Tiene ancora banco tra i media la vicenda della pentastellata Elisabetta Trenta ex ministro della difesa, a causa...
Agenti di polizia
PUGLIA

Lamorgese: "Da lunedì 20 nuovi poliziotti a Foggia"

Specializzati nella tutela delle persone sottoposte a protezione personale
Emmanuel Macron
FRANCIA

Parigi, dura contestazione contro Macron

Una trentina di manifestanti tentano un blitz al Theatre Bouffes du Nord: nel mirino la riforma delle pensioni
Laboratorio

La madre di tutte le battaglie

Purtroppo, ormai da molto tempo, gli attacchi ai valori antropologici che costituiscono il fondamento di una...
Memoriale per Daphne Caruana Galizia
MALTA

Caso Caruana Galizia: il capo della polizia si dimette

L'annuncio è stato fatto dal nuovo premier maltese Abela: presto riforma su procedura di nomina. Il commento del...
ARTE

Ritratto di signora di Klimt è autentico

La conferma dell'autenticità del quadro arriva dai periti a poche settimane dal ritrovamento nello stesso luogo dove...
Deborah Dugan
MUSICA

Caos Grammy: silurata la prima presidente donna

A pochi mesi dalla sua nomina, Deborah Dugan è stata rimossa dal suo incarico e c'è chi parla di un vero e...
Il Politeama di Catanzaro
CALABRIA

Catanzaro, Arlia e Mogol inaugurano la stagione sinfonica

Il celebre direttore d'orchestra e il grande autore aprono l'annata del Politeama, con un incontro fra musica classica e...
Tribunale di Milano
IL CASO

Condannato per l'omicidio del suocero: “Abusava di mia figlia”

A quasi un anno dal fatto, arriva la sentenza di condanna: 20 anni a chi ha sparato, 18 al complice
I segni di tortura sulla schiena di uno dei minori salvati - Foto © Melquiadez Vásquez per Panamá América
PANAMA

Sette, una donna incinta e 5 bambini uccisi in un rito

La scoperta shock del 'rituale satanico': i sopravvissuti legati e percossi fino alla morte
UDIENZA ECUMENICA

Papa: "Chi offre ospitalità diventa più ricco"

Appello di Francesco alla Chiesa Luterana: ""Camminiamo insieme come messaggeri di umanità"
Ali Khamenei
IRAN

Khamenei guida la preghiera, folla a Teheran

L'ayatollah torna dopo otto anni a parlare durante la preghiera del venerdì: "Nucleare? Il dialogo con...