SABATO 27 GIUGNO 2015, 13:01, IN TERRIS

JIHADISTI ACCERCHIATI A KOBANE, MA NELLA BATTAGLIA SONO MORTI 120 CIVILI

Secondo gli analisti l'attacco sarebbe una vendetta dei militanti, più volte sconfitti nel nord del paese

AUTORE OSPITE
JIHADISTI ACCERCHIATI A KOBANE, MA NELLA BATTAGLIA SONO MORTI 120 CIVILI
JIHADISTI ACCERCHIATI A KOBANE, MA NELLA BATTAGLIA SONO MORTI 120 CIVILI
Continua a infuriare lasciando dietro di se una scia di sangue la battaglia per la conquista di Kobane, ma potrebbe essere arrivata a una svolta. Secondo l’osservatorio siriano per i diritti umani, le forze curde sono riuscite ad accerchiare i miliziani dell’Isis penetrati giovedì nella cittadina siriana al confine con la Turchia. Negli ultimi giorni i morti sarebbero stati 146, in gran parte civili.

L’Ong siriana riferisce che i combattimenti tra i guerriglieri dell’autoproclamata Stato Islamico e le Unità di difesa del popolo curdo sono ancora in corso. In una nota sulla loro pagina web, le forze curde hanno spiegato di aver accerchiato da quattri lati gli jihadisti, che si sono infiltrati nei quartieri di Kani Korda e Butan e nelle zone della moschea dell’Hach Rashid e dell’ospedale di Medici senza Frontiere.

Intanto si aggrava il bilancio delle vittime in quella che un tempo era la terza città a maggioranza curda della Siria. Tra i 146 morti degli ultimi giorni, secondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani, 120 sarebbero civili. È pesante la denuncia del direttore dell’Ong, che sostiene che “i jihadisti sapevano che non potevano rimanere e controllare la città, visto il numero di forze curde. Sono andati solo per uccidere e infliggere una sconfitta morale ai curdi.  Secondo un giornalista originario di Kobane, che si trova alla periferia della città, “almeno 79 civili sono stati presi in ostaggio” dai jihadisti. Anche un militante curdo, Arin Sheikhmos, ha accusato l’Isis di aver compiuto “un massacro”, affermando che “ogni famiglia a Kobane ha perso ieri un familiare”. Secondo gli analisti, l’attacco è una sorta di vendetta dei militanti, che di recente sono stati sconfitti nel Nord della Siria dai combattenti delle Unità di protezione del popolo curdo.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L’albero di Natale Prosecco Doc a Venezia
FEDERALBERGHI

Tra Natale e Capodanno 15 milioni di italiani in viaggio

Il giro d’affari complessivo sarà di 9,9 miliardi di euro
SIRIA

La Russia accusa gli Usa: "Addestrano terroristi"

750 miliziani in un campo profughi nel Nord-Est della Siria
L'incontro con Uspi e Fisc
INCONTRO CON USPI E FISC

"Non cadete nei peccati della comunicazione"

Il Papa ha ricordato che la piccola editoria difende dai "polveroni mediatici"
Il Papa incontra Acr
AZIONE CATTOLICA RAGAZZI

Il Papa: "Fissate l'obiettivo sulle periferie"

Udienza del Pontefice ad Acr: "Siate buoni fotografi della realtà che vi circonda"
La caccia al killer (repertorio)
IGOR IL RUSSO

Caccia ai complici
del killer

Almeno 10 persone sono nel mirino degli inquirenti italiani. I media spagnoli: "Feher non collabora"
Una partecipante al corteo pro migranti a Roma
ROMA

Corteo pro migranti: "Diritti senza confine"

Gli organizzatori: "Oltre 15 mila partecipanti"