GIOVEDÌ 10 GENNAIO 2019, 18:21, IN TERRIS


MEDIO ORIENTE

Israeliani e palestinesi viaggiano divisi

Un muro separa il traffico sull'autostrada 4370. Protesta l'Anp: "E' apartheid"

REDAZIONE
Il muro lungo la strada
Il muro lungo la strada
N

uovo muro in Medio Oriente. A nord-est di Gerusalemme, in Cisgiordania, è stata aperta al traffico automobilistico una arteria di quattro chilometri dove i veicoli palestinesi sono separati da quelli israeliani da un muro alto otto metri.


Divisi

In Cisgiordania, rileva Haaretz, esistono già altre strade riservate esclusivamente al traffico palestinese, o a quello israeliano. Ma in questo caso, precisa, la suddivisione avviene mediante una parete che corre lungo il suo intero percorso. La arteria 4370 passa nelle vicinanze della città-colonia di Maale Adumim, situata fra Gerusalemme e Gerico. Essa faciliterà l'ingresso a Gerusalemme per gli israeliani che abitano negli insediamenti situati a sud di Ramallah. I palestinesi che volessero utilizzarla, secondo la televisione commerciale Canale 10, saranno bloccati all'ingresso dalla polizia israeliana: saranno così indirizzati sul versante occidentale della stessa arteria che sfocia in un villaggio palestinese vicino a Gerusalemme est. Il costo dell'opera, concepita secondo Israele per motivi di sicurezza, è stato di 150 milioni di shekel, circa 40 milioni di euro.


Proteste

Dura la reazione dell'Autorità nazionale palestinese. In un documento del Ministero degli esteri palestinesi, citato dalla agenzia di stampa ufficiale Wafa, si afferma che l'effetto di quella arteria sarà di "approfondire il regime di apartheid nella Palestina occupata". Le autorità israeliane, aggiunge il ministero, "continuano a minare alla base qualsiasi occasione per raggiungere una soluzione politica del conflitto". In particolare, secondo il ministero, quella arteria è stata concepita "per realizzare il progetto di espansione E-1" nell'area compresa fra Gerusalemme e la città-colonia di Maaleh Adumim. Un progetto che, secondo i palestinesi, rischia di costituire un cuneo che penetrerà fra la Cisgiordania settentrionale e quella meridionale.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Film La mia seconda volta
CINEMA

“La mia seconda volta”: un film... stupefacente

Una pellicola per sensibilizzare i giovani contro l’uso delle droghe: parla Federica Picchi, della casa di distribuzione
Imane Fadil
GIALLO IMANE FADIL

La Procura: "Cadmio e animonio nel sangue"

Il pm Francesco Greco: "Valori di cromo e molibdeno molto superiori alla norma". Ascolato il direttore...
MOZAMBICO

Ciclone Idai: le vittime potrebbero essere più di mille

Alluvioni anche nel sud del Malawi e in alcune zone dello Zimbabwe
Lorenzo Orsetti
SIRIA

Annuncio di Daesh: "Ucciso un crociato italiano"

Si tratterebbe del fiorentino Lorenzo Orsetti, volontario fra le forze curde. Pubblicata una foto e un documento
Mohammed bin Salman
ARABIA SAUDITA

Bin Salman creò un team contro i dissidenti?

Il Nyt: "Squadra formata un anno prima dell'omicidio di Jamal Khashoggi"
INDONESIA

Le alluvioni devastano Papua: almeno 80 morti

Combinazione di acquazzoni, frane e anche scosse sismiche