MERCOLEDÌ 13 SETTEMBRE 2017, 10:31, IN TERRIS

Israele: stop della Corte Suprema alla legge sul servizio militare degli ebrei ortodossi

Annullato il provvedimento che consentiva esoneri di massa. Insorge il mondo rabbinico: "Astio innato contro di noi"

EDITH DRISCOLL
Israele: stop della Corte Suprema alla legge sul servizio militare degli ebrei ortodossi
Israele: stop della Corte Suprema alla legge sul servizio militare degli ebrei ortodossi
La Corte Suprema di Gerusalemme ha annullato la legge sul servizio militare degli ebrei ortodossi, che di fatto assicurava loro esoneri di massa. Secondo i giudici non ha ridotto le diseguaglianze nel servizio militare dei laici e dei nazional-religiosi da un lato (che sono chiamati ad arruolarsi) e degli ortodossi dall'altro, fra i quali solo una esigua minoranza indossa la divisa o presta un servizio civile sostitutivo. Il parlamento ha ora 12 mesi per ovviare alla situazione.

I due partiti ortodossi che fanno parte della coalizione di Benjamin Netanyahu sono subito scesi sul sentiero di guerra accusando i giudici della Corte Suprema di avere un "astio innato" verso il mondo rabbinico. Ma per il momento, a quanto pare, non lasceranno un governo che in questi due anni ha finanziato le loro istituzioni ben più che in passato. La tattica che si profila è semmai quella di colpire la Corte Suprema alla base: ossia di far approvare una legge che impedisca ai giudici di annullare le leggi passate alla Knesset, almeno quelle approvate a larga maggioranza. E su questo terreno gli ortodossi hanno già un alleato prezioso: il partito nazional-religioso Focolare ebraico (estrema destra), un altro importante pilastro dell'attuale coalizione governativa. Da parte sua l'esercito si limita ad assistere. L'arruolamento in massa di legioni di seminaristi ortodossi cresciuti in totale isolamento dalla società israeliana viene visto infatti più come un incubo logistico che non come un rafforzamento delle unita' combattenti.

La Corte Suprema di Gerusalemme, portabandiera dei valori laici israeliani, e il rabbinato ortodosso sono quindi tornati in rotta di collisione. Da un lato vi è l'esigenza espressa dalle forze laiche che tutti i giovani israeliani prestino un servizio militare, o un servizio civile sostitutivo, a beneficio della Nazione. Ma nell'ortodossia rabbinica prevale invece l'obbligo prioritario di una vita dedicata allo studio costante della Torah. "Non i carri armati ma la Torah garantisce la sicurezza del Paese", dicono i predicatori ortodossi. Dunque chi studia nei collegi rabbinici va esonerato.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Carlo Calenda
ALITALIA

Calenda: "Offerta Lufthansa va migliorata"

Il ministro dello Sviluppo economico a 'Circo Massimo': "Collegamenti più efficienti possibile"
La portaerei USS Ronald Reagan, dove il velivolo era diretto
GIAPPONE

Aereo militare Usa precipita nel Pacifico

A bordo c'erano 11 passeggeri: recuperati in 8, stanno bene. L'incidente a sud-est di Okinawa
CORLEONE

Salma di Riina tumulata. Nessun funerale

Ad accompagnare il feretro alcuni parenti. Il prete ha dato una benedizione
Silvio Berlusconi
STRASBURGO

Berlusconi candidato: la Corte europea decide

Udienza sul ricorso presentato nel 2013 dal Cavaliere contro gli effetti della Legge Severino
La piramide di Cheope
EGITTO

Il trono di Cheope in una stanza segreta della piramide

L'archeoastronomo Magli ha suggerito di tentare una nuova esplorazione della piramide con l'ausilio di un robot
I fotogrammi della drammatica fuga del disertore
COREA DEL NORD

Disertore inseguito oltre confine: violato l'armistizio

Il fuggitivo nordcoreano è stato colpito 5 volte e rincorso nella zona demilitarizzata