MARTEDÌ 26 MAGGIO 2015, 11:31, IN TERRIS

ISRAELE, NETANYAHU ALLE STRETTE: "OK AI NEGOZIATI CON I PALESTINESI"

Durante l'incontro con la Mogherini il premier di Tel Aviv si è detto pronto ai colloqui sui confini del blocco degli insediamenti in Cisgiordania

HORTENSIA HONORATI
ISRAELE, NETANYAHU ALLE STRETTE:
ISRAELE, NETANYAHU ALLE STRETTE: "OK AI NEGOZIATI CON I PALESTINESI"
Dopo l'incontro della scorsa settimana con il capo della diplomazia Ue, Federica Mogherini, il premier israeliano si è detto intenzionato a riavviare i negoziati con i palestinesi con l'obiettivo di raggiungere un'intesa sui confini del blocco degli insediamenti in Cisgiordania che Israele vuole mantenere in qualunque accordo di pace. Lo riferisce il quotidiano israeliano Haaretz, nel quale si sottolinea che per la prima volta da quando ha assunto l'incarico di primo ministro, Netanyahu ha espresso la volontà di discutere delle colonie e delle rispettive suddivisioni con i palestinesi.

La notizia risulta una vera novità se si considera che nei colloqui di pace intercorsi tra il 2009 e il 2011, alla proposta di Washington di definire i territori, Netanyahu si era fortemente opposto, così come accadde anche nei successivi negoziati tra il 2013 e il 2014. Secondo un alto funzionario israeliano, nell'incontro con la Mogherini il leader del Likud avrebbe voluto dimostrare la propria disponibilità di fronte alla sfiducia nutrita nei suoi confronti da parte di Bruxelles ma soprattutto, in seguito alla minaccia di sanzioni europee contro i prodotti realizzati nelle colonie e la presenza di un progetto di risoluzione Onu per risolvere il conflitto israelo-palestinese.

Il capo della diplomazia Ue ha comunque ribadito la necessità di "vedere iniziative" sul campo, a conferma di quanto dichiarato da Netanyahu sull'impegno verso la soluzione dei "due Stati per due popoli". "E' chiaro che queste zone rimarranno sotto controllo israeliano in un ogni eventuale accordo, come è altrettanto chiaro che ci sono aree che rimarranno sotto controllo palestinese in ogni eventuale accordo - avrebbe detto il primo ministro di Tel Aviv - quindi, possiamo procedere verso un'intesa per definire in quali zone continuare a costruire, dal momento che rimarranno sotto gli israeliani". La Mogherini avrebbe definito tale incontro positivo, sebbene la fiducia nei confronti del governo israeliano non siano ancora totali, soprattutto dopo la formazione dell'esecutivo con un orientamento radicale verso destra.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"