VENERDÌ 28 APRILE 2017, 10:55, IN TERRIS

Israele: media scettici sullo spostamento dell'ambasciata Usa a Gerusalemme

Secondo gran parte degli opinionisti Trump non manterrà la promessa nell'immediato a causa della pressione dei Paesi arabi

EDITH DRISCOLL
Israele: media scettici sullo spostamento dell'ambasciata Usa a Gerusalemme
Israele: media scettici sullo spostamento dell'ambasciata Usa a Gerusalemme
I media israeliani non pensano che Donald Trump sposterà nell'immediato l'ambasciata americana da Tel Aviv a Gerusalemme, come aveva più volte annunciato. La tesi è sostenuta da diversi commenti comparsi su alcuni giornali israeliani che, non solo citano le pressioni da parte dei paesi arabi, ma riprendono a questo proposito anche una dichiarazione rilasciata dal presidente Usa la scorsa notte in un'intervista alla Reuters.

Ad una domanda sul possibile trasferimento dell'ambasciata, Trump ha evitato di rispondere invitando a porgli lo stesso quesito "tra un mese", epoca in cui dovrebbe arrivare in Israele. Ha sottolineato comunque di voler vedere "la pace tra israeliani e palestinesi. Non c'è alcuna ragione perché non ci sia". Haaretz - che cita fonti al corrente dei fatti - sottolinea che Trump alla fine firmerà, come hanno fatto altri presidenti Usa, l'ordine presidenziale che sospende la legge che impone il trasferimento dell'ambasciata a Gerusalemme e che scade proprio ai primi del prossimo giugno.

Israele, intanto, si appresta a celebrare il suo 69esimo compleanno e l'Ufficio centrale di statistica ha diffuso i dati sulla popolazione. Nel Paese mediorientale vivono oggi 8.680 mila cittadini, con 10 volte più ebrei dalla sua fondazione nel 1948 (sono 6 milioni e 484 mila, il 74.7% del totale). Gli arabi israeliani sono 1 milione e 808 mila (il 20,8%), mentre il restante 4,5% (circa 388 mila cittadini) sono cristiani, appartenenti ad altre religioni o senza affiliazione di credo provenienti per la gran parte dall'ex Unione Sovietica.

Se nel 1948, gli ebrei nel mondo erano 11 milioni e 500 mila e di loro il 6% viveva in Israele, nel 2015 la cifra era salita a 14 milioni e 411mila con un 43% che risiede nello Stato ebraico. Nell'anno scorso sono state 30 mila le persone che hanno fatto "aliya", la definizione che indica il ritorno in Israele. Secondo i dati, oggi i 3/4 della popolazione ebraica è nata nel Paese ebraico, un numero più del doppio di quello del 1948. Tra gli ebrei israeliani, circa il 44% si identifica come laico, il 24% tradizionalista ma non religioso, l'11% religioso e il 9% come "ultraortodosso".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Papa Francesco ha reso omaggio a Benedetto XVI
PREMIO RATZINGER

Benedetto, maestro nella ricerca della verità

L'omaggio di Francesco al predecessore: "Il suo magistero eredità preziosa"
PENSIONI

L'esecutivo presenta due nuove proposte tra cui un fondo per la proroga dell'Ape sociale
Il sottomarino argentino Ara San Juan
ARGENTINA

Nessuna traccia del sottomarino Ara San Juan

Scomparso da due giorni, a bordo 44 uomini
La struttura in cui è rimasto ferito il clochard
AVELLINO

Molotov contro un rifugio di clochard

Senzatetto ucraino ustionato alle gambe
Jost Sustermans, Ritratto di Galileo, 1636, olio su tela, Firenze, Galleria degli Uffizi (particolare)
PADOVA

Galileo: in mostra il genio che ha ridisegnato l'universo

Dal 18 novembre 2017 al 18 marzo 2018 a Palazzo Monte di Pietà
Kim Jong Un
COREA DEL NORD

Pyongyang: "Sul nucleare non si tratta"

Il regime avverte: "Questione di sicurezza. La spada dell'autodifesa va ulteriormente affilata"