DOMENICA 19 APRILE 2015, 002:00, IN TERRIS

IRAQ: OFFENSIVA DELL'ESERCITO PER STRAPPARE RAMADI AL CALIFFATO

L'operazione è scattata dopo gli attentati che hanno insanguinato la città venerdì notte. Grana per al-Abadi, si dimette il suo portavoce per aver inneggiato a Saddam

FRANCESCO VOLPI
IRAQ: OFFENSIVA DELL'ESERCITO PER STRAPPARE RAMADI AL CALIFFATO
IRAQ: OFFENSIVA DELL'ESERCITO PER STRAPPARE RAMADI AL CALIFFATO
Prosegue incessante in Iraq la lotta per Ramadi. Persa l'occasione di prendere Tikrit lo stato Islamico ha lanciato una vasta offensiva sulla città. Conquistarla significherebbe indebolire il già fragile governo nazionale che sta cercando di ricostruire il Paese dalle macerie della guerra e degli attentati fondamentalisti. Ieri l'esercito regolare ha dato il via ad operazioni di terra per fermare l'avanzata del Califfato nel capoluogo della provincia di Anbar. Nell'attacco le forze irachene sono affiancate dalla milizia sciita "Unità di mobilitazione popolare". Ma gli uomini di Al Baghdadi non sono disposti a rinunciare all'invasione iniziata la scorsa settimana. Vittoria dopo vittoria i jihadisti sono penetrati sempre più a fondo nel territorio e ora si preparano ad assestare il colpo decisivo.

Tra venerdì e sabato un attacco suicida ha ucciso 8 agenti della sicurezza irachena. Nell'attacco sarebbe rimasto ferito anche il generale delle forze di sicurezza irachene Numan al Zubadei. E' stata la reazione dell'Isis alla riconquista di parte del centro urbano da parte dell'esercito che era stato annunciato dal governatore Mahdi Saleh Naumann.  Intervistato dal quotidiano iracheno "Iraq News", Naumann aveva precisato che i rinforzi comprendono diverse migliaia di uomini delle forze regolari e membri delle forze di Mobilitazione popolare sciite.

Intanto si registrano tensioni anche sul fronte politico in Iraq. Ieri Rafid Jaboori, portavoce del premier Haider al-Abadi, ha dato le dimissioni dopo la diffusione di un video che lo mostra mentre inneggia all'ex dittatore Saddam Hussein. Il video risale in realtà a una quindicina di anni fa, ma Jaboori ha ritenuto comunque di doversi dimettere per "non imbarazzare ulteriormente l'ufficio del premier", come lui stesso ha scritto sul suo profilo Facebook. Nel video pubblicato sul Web l'ormai ex portavoce di Abadi si esibisce in una canzone che descrive Saddam come "la spada della giustizia contro il male". "I tuoi nemici, oh Saddam, cadono tutti mentre tu resti", recita ancora la canzone, che Jaboori ha spiegato di aver cantato perché era "giovane e inesperto" e senza essersi mai iscritto al partito Baath di Saddam.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il Papa incontra Acr
AZIONE CATTOLICA RAGAZZI

Il Papa: "Fissate l'obiettivo sulle periferie"

Udienza del Pontefice ad Acr: "Siate buoni fotografi della realtà che vi circonda"
Il cardinale Camillo Ruini
BIOTESTAMENTO

Card. Ruini: “Così si apre all’eutanasia”

Il porporato intervistato su Repubblica
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau
Paolo Gentiloni e Maria Elena Boschi in una foto d'archivio
BRUXELLES

Gentiloni difende il ministro Boschi

Il premier: "Ha chiarito, sarà candidata Pd"
Rahul Gandhi
INDIA

Rahul Gandhi è il leader del Partito del Congresso

Nipote di Indira, succede alla madre, l'italo-indiana Sonia
Il Muro del Pianto
GERUSALEMME

La Casa Bianca: "Il Muro del Pianto è parte di Israele"

Fonti dell'amministrazione: "Impensabile uno scenario diverso". Scontri e morti nella regione