VENERDÌ 23 SETTEMBRE 2016, 16:00, IN TERRIS

IRAN: UOMO GIUSTIZIATO ALL'INTERNO DI UNO STADIO, ANCHE BAMBINI TRA GLI SPETTATORI

Era stato condannato per omicidio e violenza sessuale. Gli attivisti: "Solo Teheran e l'Isis usano impianti sportivi per le esecuzioni"

AUTORE OSPITE
IRAN: UOMO GIUSTIZIATO ALL'INTERNO DI UNO STADIO, ANCHE BAMBINI TRA GLI SPETTATORI
IRAN: UOMO GIUSTIZIATO ALL'INTERNO DI UNO STADIO, ANCHE BAMBINI TRA GLI SPETTATORI
Una persona, condannata a morte per omicidio e violenza sessuale, è stata impiccata in pubblico nello stadio di Neyriz, nella provincia di Fars, nell'Iran meridionale. Lo ha reso noto l'agenzia di stampa semiufficiale Mehr, citando una nota dell'ufficio stampa dell'autorità giudiziaria della provincia.

Dalle foto dell'esecuzione pubblicate da "Iran Human Rights", Ong che si batte contro la pena di morte nella Repubblica islamica, emerge la presenza anche di bambini tra gli 'spettatori'. Non è la prima volta che le autorità iraniane eseguono una condanna a morte in uno stadio: nel 2013 ci fu un episodio analogo in una città del nord-est che suscitò la condanna della Fifa.

"Facciamo appello alla comunità internazionale e agli organi sportivi internazionali, tra cui la Fifa, perché condannino l'ultimo atto barbaro", ha commentato il portavoce di "Iran Human Rights", Mahmood Amiry-Moghaddam. "La Repubblica islamica e i territori controllati dall'Isis (il sedicente Stato islamico, ndr) sono gli unici posti dove le arene sportive vengono usate per eseguire condanne a morte in pubblico".

La pena di morte in Iran è prevista per omicidio, adulterio, stupro, omosessualità, pratiche non sessuali ma erotiche tra uomini per 4 volte, reati legati alla prostituzione, reati legati alla droga, blasfemia, estorsione, corruzione, contrabbando d'arte, terrorismo e rapina a mano armata. Possono essere giustiziati i maschi con più di 15 anni e le femmine con più di 9 anni. I metodi di esecuzione sono impiccagione e fucilazione.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Polizia
ORRORE A FOGGIA

Violenta la figlia davanti alla nipotina

Arrestato il padre di 48 anni per i reati di violenza sessuale aggravata e atti persecutori
Banca Etruria
BANCA ETRURIA

Consob: "Taciute criticità ai risparmiatori"

Il vice dg della Consob Giuseppe D'Agostino in audizione alla commissione d'inchiesta sulle banche
LINKIN PARK

"One More Light Live", l'album in cui rivive Chester

Il 15 dicembre esce la nuova raccolta dedicata al cantante scomparso
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"
polizia somala
SOMALIA

Sangue a Mogadiscio: attentato in una scuola di polizia

Un uomo del gruppo al-Shabaab si è fatto saltare in aria: almeno 17 morti
La navetta Soyuz
MISSIONE VITA

Rientrata la Soyuz con a bordo Paolo Nespoli

La navetta è atterrata nella steppa del Kazakistan dopo 139 giorni nello spazio
Valeria Fedeli

La ministra

La ministra dell'Istruzione, in un'intervista al ‘Mattino’ di Napoli, ha annunciato che...
Il ministro Mohamed Taher Siala
MIGRANTI

Tripoli replica ad Amnesty: "Rapporto esagerato"

Il ministro libico degli Esteri: "L'Italia ci sta aiutando. Abusi? C'è una commissione al lavoro"