VENERDÌ 15 MAGGIO 2015, 13:58, IN TERRIS

IRAN, OBAMA TRANQUILLIZZA GLI ALLEATI DEL GOLFO: SIAMO PRONTI A DIFENDERVI

Anche se l'amministrazione Usa non ha voluto un accordo di cooperazione militare, la collaborazione verrà rafforzata

AUTORE OSPITE
IRAN, OBAMA TRANQUILLIZZA GLI ALLEATI DEL GOLFO: SIAMO PRONTI A DIFENDERVI
IRAN, OBAMA TRANQUILLIZZA GLI ALLEATI DEL GOLFO: SIAMO PRONTI A DIFENDERVI
Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama, ha cercato di rassicurare i paesi del golfo Persico, i cui rappresentanti hanno partecipato al vertice tra Stati Uniti e i sei paesi del consiglio di cooperazione del Golfo, organizzato a Camp David il 14 maggio. L’intenzione dell’amministrazione statunitense era quella di rafforzare i legami con le potenze sunnite della regione (Bahrein, Kuwait, Oman, Qatar, Arabia Saudita e Emirati Arabi Uniti), preoccupate dall’avanzamento delle trattative con Teheran sul suo programma nucleare. Il re Salman dell’Arabia Saudita ha invece boicottato il vertice. La decisione è stata interprestata come una critica del governo saudita all’amministrazione statunitense per i negoziati in corso con l’Iran.

Le potenze del Golfo temono che se le sanzioni contro Teheran saranno alleggerite, l’Iran potrebbe svolgere un ruolo militare ancora più importante nella regione, per esempio nello Yemen, in Siria, il Libano e in Iraq. In particolare, accusano l’Iran di sostenere e finanziare i ribelli houthi yemeniti.

Gli Usa intanto sperano di raggiungere un accordo sul nucleare iraniano entro giugno e avrebbero voluto avere il sostegno dei paesi arabi in questa sfida diplomatica. Ma non ci sono riusciti. L’ostilità dei governi arabi e di Israele è infatti uno dei principali ostacoli a un’intesa con l’Iran. A questa si aggiunge l’opposizione dei repubblicani al congresso statunitense. Il 14 maggio la camera ha approvato una legge, già sottoposta al vaglio del senato, che costringe l’amministrazione a sottoporre al parlamento un eventuale accordo con Teheran che comporti un alleggerimento delle sanzioni.

I paesi del Golfo volevano che a Camp David fosse firmato un vero e proprio accordo di cooperazione militare con gli Usa, ma per l’amministrazione Obama un trattato è fuori discussione. La collaborazione militare sarà solo rafforzata e includerà accordi sulla difesa antimissile, sul pattugliamento in mare, sull’antiterrorismo, sul reclutamento e l’addestramento delle truppe.

“Aumenteremo la nostra cooperazione, già considerevole, in materia di sicurezza. Aumenteremo le esercitazioni e la nostra assistenza militare per rispondere a tutte le minacce, soprattutto al terrorismo”, ha detto Barack Obama.

In concomitanza con il vertice di Camp David, cinque navi della marina militare iraniana hanno aperto il fuoco contro un mercantile di Singapore nelle acque internazionali del golfo Persico. Al termine dell’incontro, il ministro degli esteri dell’Arabia Saudita Adel al Jubeir ha commentato: “L’obiettivo è garantire che l’Iran non riesca a ottenere le armi atomiche, ma è ancora presto per dire cosa accetteremo e cosa no”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"
Un dipendente Ryanair
RYANAIR

Calenda: "Lettera indegna", il Garante: "Incostituzionale"

Il ministro: "Chi è sul mercato deve rispettare le regole". Furlan: "Compagnia arrogante"
Doug Jones durante un comizio (repertorio)
USA|VOTO IN ALABAMA

Vince Jones, schiaffo a Trump

Il candidato dem prevale su Moore. I repubblicani perdono una roccaforte del sud