VENERDÌ 07 DICEMBRE 2018, 002:57, IN TERRIS


ARRESTO MENG WANZHOU

Interviene Trudeau: "Nessun coinvolgimento"

Il premier canadese nega ruoli politici del Canada. Intanto emergono nuovi dettagli sull'indagine

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Meng Wanzhou
Meng Wanzhou
L'

arresto di Meng Wanzhou, figlia del fondatore nonché la vicepresidente di Huawei, si è riversato come un colpo di martello sul colosso cinese delle telecomunicazioni ma, viste le motivazioni dell'arresto, anche sui rapporti bilaterali fra Cina e Stati Uniti. Anche per questo, nelle ultime ore, è intervenuto anche il primo ministro canadese Justin Trudeau, il quale ha cercato di smorzare la tensione finendo poi per prendere le distanze da quanto accaduto, spiegando che il suo governo non ha avuto ruoli nel fermo della dirigente cinese. La situazione, tuttavia, resta complicata: fra qualche ora avrà luogo l'udienza per la cauzione ma, allo stesso tempo, dal consigliere di Donald Trump per la Sicurezza nazionale, John Bolton, non sono arrivate dichiarazioni circa le motivazioni dell'arresto anche se, tuttora, l'ipotesi più accreditata resta quella della violazione delle sanzioni nei confronti dell'Iran.


L'incertezza

Il superfalco, nonostante non abbia fatto accenno alla questione Iran parlando con i giornalisti, ha però manifestato "enormi preoccupazioni" sulle pratiche commerciali delle imprese cinesi e sulle loro possibili operazioni come "armi" del governo cinese. Un clima di incertezza che ha avuto ripercussioni anche sull'andamento dei mercati, con i principali titoli europei (ma anche i listini asiatici) crollati ben oltre il segno meno. Nonostante l'apertura in calo, invece, a Wall Street i listini hanno chiuso in rialzo, guadagnando terreno a fine giornata.


L'indagine

Nelle ultime ore, secondo quanto riferito dai media degli Stati Uniti, sarebbero emersi alcuni dettagli sull'arresto di Meng Wanzhou, i quali parlerebbero di un fermo scaturito per far luce su un presunto uso del sistema bancario mondiale per eludere le sanzioni americane all'Iran, avvenuto durante un'indagine in merito, in particolare su Hsbc Holdings Plc (la quale però non è al centro di alcuna inchiesta). A quanto pare, non tanto Meng quanto l'intera azienda Huawei sarebbe finita al centro delle indagini della giustizia americana almeno da un paio d'anni.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Un boccale dell'ex filanda
SAN FRANCESCO

Friar: l'ex filanda francescana che offre birra e serenità

Il "locale" di Monza gestito dai frati che permette a tanti giovani di conoscersi
Inter-Roma 1-1. Un contrasto fra Nainggolan e Dzeko
SERIE A

ElSha, poi Perisic: Inter-Roma è pari

Nella giornata dell'ottavo scudetto consecutivo bianconero, la lotta Champions si accanisce: 1-1 a San Siro
Uova di Pasqua

Una Santa Pasqua, In Terris festeggia grazie a te

Per continuare la nostra missione chiediamo un piccolo gesto di solidarietà e amicizia
Giuseppe Conte
CASI SIRI E ARATA

Pd, mozione di sfiducia al governo Conte

L'annuncio del capogruppo dem al Senato, Marcucci: "Chiarimenti sulla reale salute della coalizione"
Il passaggio del ciclone Idai in Mozambico
MOZAMBICO

Unicef: istruzione a rischio per 300mila bambini

Il ciclone Idai si è abbattuto nell'Africa centro-orientale in marzo provocando oltre 400 morti
Gilet gialli a Parigi
LA PROTESTA

Gilet gialli in piazza, scontri a Parigi

Tornano a sfilare i dimostranti, tensioni fra Polizia e black-bloc a Place de la Republique: 126 fermi