MERCOLEDÌ 13 FEBBRAIO 2019, 12:27, IN TERRIS


RUSSIA-USA

Inf: appello di Gorbaciov agli Usa

L'ex leader sovietico preoccupato dalla sospensione del Tratto da parte americana

EDITH DRISCOLL
Mikhail Gorbaciov
Mikhail Gorbaciov
M

ikhail Gorbaciov in campo sulla questione dell'Inf, il Trattato sulle armi nucleari a medio raggio che gli Stati Uniti hanno sospeso unilateralmente accusando la Russia di ripetute violazioni.


La lettera

"Mi appello agli americani, in particolare ai democratici e ai repubblicani del Congresso Usa - ha scritto l'ex segretario del Pcus in un articolo pubblicato dal quotidiano Vedemost - rammaricandomi per il fatto che le tensioni politiche interne negli Stati Uniti stiano ostacolando il dialogo tra i nostri due Paesi su ogni punto all'agenda, a cominciare dalle armi nucleari. E' ora di mettere da parte le divergenze ed iniziare un dialogo serio. Sono sicuro che la Russia da parte sua sia pronta". 


Preoccupazione

L'ex leader sovietico fa esplicito riferimento al fatto che fu lui a firmare il Trattato Inf nel 1987 insieme all'allora presidente Usa Ronald Reagan: "Non sono preoccupato solo per il fatto che sono stato io a firmare l'accordo, insieme a Reagan. Il punto è che vedo gli attuali eventi come un'altra evidenza delle pericolose e dannose tendenze nella politica globale".  Non mancano critiche agli Usa: "E' ovvio che la decisione degli Stati Uniti di lasciare il trattato ha altre ragioni rispetto a quelle citate dai leader americani. Washington vuole liberarsi di ogni limitazione sugli armamenti per ottenere l'assoluta supremazia militare", scrive ancora Gorbaciov. Il presidente Trump, afferma l'uomo della perestrojka, "ha detto che hanno più denaro di qualsiasi altro Paese e che costruiranno le loro armi finché gli altri non accetteranno le loro ragioni. Credo che vogliano imporre la loro volontà sul mondo, cos'altro può essere? Ma questo è un obiettivo illusorio. L'egemonia di un solo Paese è impossibile nel mondo moderno". 


Possibili conseguenze

Gorbaciov conclude che "questo momento distruttivo avrà conseguenze diverse: la destabilizzazione della situazione strategica globale e una politica mondiale sempre più caotica e imprevedibile. Con l'effetto che sarà messa in pericolo la sicurezza di tutti i Paesi, compresi gli Stati Uniti. Questa è la logica di tutti questi processi anarchici e incontrollati".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Migranti
LIBIA

Msf: "Emergenza malnutrizione nei centri per migranti"

Un pasto ogni 2-3 giorni: "La Libia non è un porto sicuro"
Lavorazione industriale del cuoio
LOCRI

Scoperta evasione fiscale da 10 mln di euro

Denunciati i legali rappresentanti di due società operanti nella concia del cuoio
Spaccio di droga
NAPOLI

Traffico di droga ed estorsioni, 11 arresti

I destinatari dei provvedimenti sono residenti tra Frattamaggiore e Frattaminore
Sergio Mattarella
QUIRINALE

Via della Seta: Mattarella dice sì

Il capo dello Stato: "Accordo importante anche sul piano culturale". Ma invita anche a tutelare la sicurezza
Il bus incendiato a San Donato
L'ATTACCO

Bus incendiato: studenti ancora sotto choc

Buona parte degli alunni coinvolti non tornerà a scuola oggi. Sy sotto stretta sorveglianza
Auto di lusso
PORDENONE

Maxi truffa su auto di lusso: 835 persone raggirate

Decine di indagati. Eseguiti anche ingenti sequestri di immobili e valori in tutt'Italia
Tribunale

Chi ha buone orecchie intenda

La vicenda triste del capogruppo dei M5stelle al Comune di Roma insegna a tutti, ancora una volta, che non basta...
Il bus arso dal rogo e l'autista
SAN DONATO MILANESE

Autista da fuoco al bus, il pm: "Azione premeditata"

Il 47enne che ha minacciato 51 bambini ascoltato dagli inquirenti: "Il caso Mare Jonio la causa scatenante"