SABATO 29 AGOSTO 2015, 001:30, IN TERRIS

IN TUNISIA UN PROGETTO PER AIUTARE LE MADRI SINGLE

Anche Santé Sud e Amen Enfance sono impegnate nel progetto

EDITH DRISCOLL
IN TUNISIA UN PROGETTO PER AIUTARE LE MADRI SINGLE
IN TUNISIA UN PROGETTO PER AIUTARE LE MADRI SINGLE
Stando ai dati pubblicati dalla Direzione Generale Tunisina della Promozione Sociale, in Tunisia sono oltre 1500 ogni anno i bambini che nascono fuori dal matrimonio. Alle proprie madre, che troppo spesso diventano oggetto di pressioni sociali e fisiche, che vivono in una società che fa fatica ad accetarne la presenza, è rivolto il progetto dell'ONG Santè Sud denomitao "Per un migliore inserimento sociale e professionale delle madri single nel Maghreb", attivo, oltre che in Tunisia, anche in altri paesi del nord Africa.

Il progetto, finanziato dall'Unione Europea e dall'Agenzia Francese per lo Sviluppo, mira a promuovere per tutte le madri che vivono questa difficile condizione, l'accesso ai diritti fondamentali della persona e allo sviluppo della loro emancipazione sociale. I partner locali tunisini sono la rete "Amen Enfance" (composta da 12 associazioni) personale medico, e forze dell'ordine (per le procedure di rintraccio della paternità) e dei vari ministeri competenti, tra i quali il ministero degli Affari sociali e della Salute.

Da parte di tutti questi personaggi, spiegano gli operatori di "Amen Enfance", vi è la volontà di far sentire a loro agio il più possibile queste donne ed in ultima analisi di cercare di cambiare la mentalità delle persone interessate dalla situazione; formarle affinché possano prendere meglio in carico queste madri rispettandone i diritti. Il progetto di Santé Sud mira soprattutto a coinvolgere gli operatori del microcredito perché contribuiscano all'inserimento economico di queste donne favorendo l'ottenimento di crediti senza garanzie in loro favore.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La missione Apollo 11
NASA

Sono online i dialoghi delle missioni Apollo

Le storiche frasi degli astronauti si possono riascoltare grazie ad un software ideato dai ricercatori texani
Esplosione in un impianto di stoccaggio di gas in Austria
AUSTRIA

Esplosione in un impianto di gas: 1 morto

Almeno 60 persone sono rimaste ferite
Medico in corsia (repertorio)
SCIOPERO DEI MEDICI

A rischio 40 mila interventi chirurgici

Incrociano le braccia in 134 mila. Lorenzin: "Sono al loro fianco"
Telefono in auto

Il rischio del telefono

Le norme draconiane annunciate per combattere l'uso del cellulare in auto, non si faranno perché la...
prostitute
PROSTITUZIONE

Cisl Campania contro la tratta

Una conferenza a Napoli per promuovere strumenti di contrasto al fenomeno
L'esultanza dei Granata
CALCIO | SERIE A

Lazio, Immobile-rosso: il Toro espugna l'Olimpico

I granata vincono 3-1 a Roma ma è furia biancoceleste per l'espulsione dell'attaccante
VAPRIO D'ADDA

Uccise ladro in casa: archiviata l'accusa di omicidio

Riconosciuta la legittima difesa a Francesco Sicignano: colpì a morte un giovane albanese nel 2015
Luigi Di Maio
FESTIVITÀ

Negozi chiusi a Natale,
Di Maio: "Famiglie più felici"

Il candidato premier torna sulla proposta di legge di Dell'Orco: "Tutti hanno diritto al riposo"