VENERDÌ 30 AGOSTO 2019, 17:55, IN TERRIS

MIGRANTI

In Grecia allarme per i minori non accompagnati

Nei centri ellenici di accoglienza e di identificazioni i bambini sono in pericolo

GIACOMO GALEAZZI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
A

ttualmente ci sono più di 32 mila bambini rifugiati e migranti in Grecia, di cui più di 4 mila non accompagnati e separati. Negli ultimi tre anni, l'Unicef ha sostenuto più di 60.000 bambini rifugiati e migranti e le loro famiglie in Grecia. Questo lavoro, evidenzia l'Adnkronos, include la garanzia che i bambini abbiano accesso a servizi vitali di protezione dell'infanzia, compresi il sostegno psicosociale, l'assistenza sanitaria e l'istruzione. L'Unicef collabora anche con il ministero della Salute, fornendo 85.000 vaccini per proteggere i bambini rifugiati e migranti dalle malattie prevenibili.


Disperazione e protezione negata

"Secondo l’Unicef il numero di bambini non accompagnati e separati, rifugiati e migranti, che vivono nei pericolosi e sovraffollati centri di accoglienza e di identificazione delle isole greche e nelle strutture di detenzione in tutto il paese, supera oggi i 1.100, il numero più alto dall'inizio del 2016 - evidenzia Adnkronos -. L'Unicef esorta gli Stati membri dell’Europa a fare di più per proteggere questi bambini particolarmente vulnerabili". L'Unicef ha diffuso un cortometraggio che documenta i sogni e la disperazione dei ragazzi che vivono nella 'Sezione B', un'area destinata a fornire una protezione specializzata per i bambini non accompagnati nel Centro di accoglienza e identificazione di Moria, sull'isola greca di Lesbo. Il film ritrae i bambini mentre raccontano gli orrori che li hanno fatti fuggire dalle loro case, i pericolosi viaggi intrapresi, le difficili condizioni del centro, le paure e le speranze che circondano il loro futuro incerto.


Nei centri di identificazione

"Lo scorso fine settimana un bambino ha perso la vita e altri due sono rimasti feriti in un violento incidente nel centro di accoglienza e identificazione di Moria. Quest'ultima tragedia ricorda con forza che la situazione nei centri di accoglienza in Grecia è a un punto di rottura- spiega all'Adnkronos, Afshan Khan, direttore regionale dell'Unicef per l'Europa e l'Asia centrale e coordinatrice speciale per la risposta dei rifugiati e dei migranti in Europa-. Continuiamo a fare appello alle autorità greche affinché trasferiscano i bambini in una sistemazione adeguata sulla terraferma, ma la Grecia non può sostenere da sola i bambini rifugiati e migranti. È vitale che i governi europei aumentino gli impegni per ricollocare i bambini rifugiati e migranti non accompagnati e separati, e accelerino i ricongiungimenti familiari per coloro che già hanno parenti in Europa". Il cortometraggio mostra alcuni operatori che si dedicano alla cura e alla protezione dei bambini, eppure sono esausti e sopraffatti. I servizi sono sovraccarichi, e i bambini rimangono a rischio di violenza e abusi, con un accesso limitato alla scuola, all'assistenza sanitaria e al supporto psicosociale.


Voci dalla sezione B

"Non ho potuto studiare perché non c'era sicurezza, la situazione mi ha costretto a lasciare il paese", spiega il 16enne Morteza (nome cambiato per garantire protezione) dall'Afghanistan, uno dei quattro ragazzi presenti nel cortometraggio. "Penso che giorno dopo giorno abbiano perso la testa", parlando di altri ragazzi della sezione B. "Per questo motivo, a volte si tagliano le mani. Non voglio essere così".  I bambini, riferisce l'Adnkronos, rimangono spesso nella "sezione B" per un periodo superiore al massimo di 25 giorni previsto dalla legge greca, perché in Grecia sulla terra ferma tutte le sistemazioni adeguate sono già al completo. Il centro di accoglienza di Moria è destinato ad accogliere 3.000 persone, ma attualmente ospita più di 8.700 persone, di cui 3.000 bambini. La Sezione B, compresa l'area adiacente, ha spazio per 160 bambini non accompagnati, ma ora ne ha più di 520.


Servizi essenziali

Per l'Unicef, tra le azioni che i governi europei e le istituzioni dell'Ue dovrebbero intraprendere per proteggere i diritti dei bambini rifugiati e migranti, vi sono: aumentare gli impegni a ricollocare i bambini non accompagnati e separati (in particolare quelli che si trovano in Grecia, Italia e Spagna), accelerare i ricongiungimenti familiari per i bambini che hanno parenti che già vivono nel resto d'Europa; infine, aumentare urgentemente i fondi per sostenere e rafforzare gli impegni di risposta dei Paesi europei che accolgono il maggior numero di rifugiati e migranti.  Una volta che i bambini entrano in Europa, racconta all'Adnkronos l'organizzazione, i governi dell'Ue dovrebbero lavorare insieme per garantire che tutti i bambini rifugiati e migranti - accompagnati o meno - abbiano accesso ad una sistemazione sicura e adeguata, eliminando la detenzione come opzione. I bambini hanno bisogno di un accesso immediato ai servizi essenziali e in tutte le fasi del loro viaggio. Vanno garantiti allo stesso tempo rotte e percorsi legali sicuri. Alloggi specializzati, accoglienza, affidamento, tutela e altre misure sono necessarie per garantire che ogni bambino non accompagnato o separato realizzi il suo diritto di crescere in un ambiente adeguato.

 

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
I vescovi in Kenya durante una celebrazione press il santuario mariano di Subukia, ottobre 2019 - Foto © ACI Africa
CHIESA IN USCITA

Kenya, i vescovi dicono basta alla corruzione

L'appello di purificazione dall'illegalità nella Quaresima. Il problema? Il tribalismo
L'autosalone di Ginevra
CORONAVIRUS

Annullato il Salone dell'Auto di Ginevra

Primo caso in Lituania: è una donna tornata da Verona il 24 febbraio scorso
Sun Yang
NUOTO

Doping, il Tas stanga Sun Yang: 8 anni di squalifica

Il nuotatore cinese, campione olimpico in carica nei 400 stile libero, avrebbe distrutto la provetta di un controllo antidoping
SPAZIO

La stella Betelgeuse brilla di nuovo

Dal 2019 è impallidita perdendo circa il 36% della sua luminosità
Un bambino siriano approdato sull'isola di Lesbo - Foto © Giorgos Moutafis per Reuters
EMERGENZA UMANITARIA

Nei campi profughi i bambini siriani muoiono di freddo

Un dramma senza precedenti. Polemiche sul silenzio internazionale
ECONOMIA

Ecco l'effetto del coronavirus sulle Borse

Lo spread tra Btp e Bund ha toccato un picco di 182,7 punti base per poi ripiegare a 176 punti.
Lavoratori stranieri
RAPPORTO CNA 2019

In Italia 600mila imprese condotte da lavoratori immigrati

Sono un decimo di tutte le aziende registrate presso le Camere di Commercio nazionali
TRASPORTO AEREO

Alitalia, cigs per 3.960 dipendenti: pesa anche epidemia coronavirus

La compagnia nelle scorse ore è stata informata che su due voli del 17 febbraio ha viaggiato un passeggero con patologia...
UAE Tour
EMIRATI ARABI

Cancellate due tappe di ciclismo: 2 italiani positivi al virus

Primo contagio in Nigeria: è italiano. Primo caso in Olanda: è stato in Italia. Hyundai chiude in Corea del Sud
La Finanza sul luogo del blitz
L'AQUILA

Avezzano, maxi operazione antidroga: 10 arresti

Impegnati oltre 100 finanzieri: perquisiti 12 locali e sequestrate varie autovetture
Jeanine Áñez
FONDAZIONE JUBILEO

Bolivia: "Elezioni libere, pulite e trasparenti"

"Tu voto cuenta": la campagna in vista delle presidenziali post Maduro del 3 maggio
Carabinieri
MESSINA

Colpo al clan dei Barcellonesi: 59 arresti

Il clan imponeva estorsioni in tutta la provincia ma nessuno ha mai denunciato
Mezzi militari turchi
MEDIO ORIENTE

Siria, soldati turchi massacrati in un raid

Escalation in corso nel Paese: almeno 29 militari di Ankara uccisi da una serie di attacchi delle forze di Assad
Coronavirus

Gli effetti collaterali (politici) del coronavirus

Il Governo ha affrontato l’emergenza del Coronavirus venendo da un periodo abbastanza turbolento di polemiche...
Mascherina
L'EPIDEMIA VISTA DAI BAMBINI

"Dobbiamo mettere quelle buffe mascherine?"

Il racconto di un'allieva della prima media: "Sono preoccupata soprattutto per i mei nonni"

Coronavirus: cos'è, le cure disponibili e il vaccino

Mentre il coronavirus SARS-CoV2 annuncia la fine del mondo e degli eventi che la preparano, le istituzioni Italiane...