GIOVEDÌ 16 GENNAIO 2020, 13:45, IN TERRIS

USA

Impeachment, la marcia di Trump verso il Senato

La Camera Alta prende in consegna gli articoli formulati dalla Camera, mentre il presidente riempie l'agenda

DM
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Donald Trump
Donald Trump
L'

intesa sui dazi lo aveva fatto passare quasi in secondo piano, ma è innegabile che la questione impeachment rivesta un ruolo di assoluto rilievo nell'economia della presidenza americana. E non solo perché Donald Trump è il terzo presidente sue 45 a incappare nel processo ma anche perché il dibattimento in Senato arriva in un momento particolarmente intenso per il Tycoon, reduce da un buon accordo commerciale con la Cina e attivo a tutto campo sulla questione Medio Oriente, tra intemperanze iraniane (mitigate dal disastro del Boeing ucraino che sembra aver improvvisamente portato disordini in una piazza finora concorde nel contestare gli americani) e la questione militari che rischia di minare ulteriormente la coalizione anti-Isis in Iraq. Il procedimento in Senato, per il quale sono stati già consegnati gli articoli contestati al presidente, verrà avviato solo dopo che la Camera Alta li avrà accettati formalmente. Il processo in sé inizierà martedì, dopo che sarà avvenuto il giuramento del capo della Corte suprema, John Roberts, e quello dei senatori giurati. Non un passaggio di consegne quindi, ma una vera e propria macchina formale, messa in moto per la sola presa visione e accettazione degli articoli, a sottolineare come, al di là dei pronostici, un processo di impeachment rappresenti comunque una questione capitale per la giustizia degli Stati Uniti.


Verso il processo

Di sicuro, al processo per impeachment Trump ci arriva con una posizione sostanzialmente di forza, visto il risultato ottenuto con i cinesi e, nondimeno, per la maggioranza che i repubblicani detengono al Senato, che rende estremamente improbabile un riconoscimento totale delle accuse (e quindi le dimissioni) al presidente. Non è mai successo nelle precedenti occasioni, né ad Andrews Johnson e nemmeno a Bill Clinton, sempre scartando Richard Nixon che, per lo scandalo Watergate, vi sarebbe quasi certamente incorso, dimettendosi però prima del processo. Al momento, contro il presidente degli Stati Uniti pendono le accuse di abuso di potere e di ostacolo al Congresso in merito alla vicenda delle indagini chieste a Zelenskij su Joe Biden e suo figlio Hunter in cambio di aiuti militari. E la sua eclatante azione politica delle ultime settimane, tra Medio Oriente e Cina, corrisponderebbe secondo i media americani (Cnn in testa) al desiderio di dimostrare che, nonostante tutto, alla Casa Bianca si continua a lavorare, continuando a bollare come "bufala" il processo chiesto a pieni polmoni dai democratici, in maggioranza fra i Rappresentanti.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
PISA

Scoppia air bag, muore neonato: indagati i genitori

La Procura di Pisa: atto dovuto in vista dell'autopsia
UDIENZA GENERALE

Il Papa: "I miti? Non sono fiacchi, sono fatti per il Cielo"

Continuano le catechesi del Pontefice sulle Beatitudini del Vangelo di Matteo
SENATO

Conte: "Il consiglio Ue? Si annuncia complesso e complicato"

Le dichiarazione del premier a Palazzo Madama alla vigilia del Consiglio europeo
Fayez al-Sarraj
CRISI LIBICA

Sarraj abbandona i colloqui di Ginevra

Dopo l'attacco di Haftar nel porto di Tripoli a una nave turca che trasportava armi
La Diamond Princess
CORONAVIRUS

Giappone: iniziato lo sbarco della Diamond Princess

E' partito l'aereo che porta il personale sanitario a Yokohama per soccorrere gli italiani
Pereira Carlos Alberto Salazar
OPERAZIONE ANTIDROGA

Colombia, catturato il "Pablo Escobar" dell'eroina

Sul trafficante di droga pende una richiesta di estradizione dagli Stati Uniti
Giuseppe Conte e Matteo Renzi
GOVERNO

Conte-Renzi, sfida ad alta tensione

Accordo sulla prescrizione ma l'estenuante giornata in Senato ha assestato un altro colpo alla maggioranza
Dia
IL BLITZ

Mafia, arrestato il fratello della vedova Schifani

Giuseppe Costa è accusato di associazione mafiosa nell'ambito dell'inchiesta sul clan dell'Arenella. Suo...
MODENA

Tre ragazzi lanciano sassi contro un treno: 14enne indagato

La Procura sta procedendo per attentato alla sicurezza dei trasporti e getto pericoloso di cose
Il cardinale, Christian Wiyghan Tumi, parla con il leader d'opposizione del Camerun, John Fru Ndi, durante la cerimonia di apertura del piano di dialogo nazionale a Yaounde il 30 settembre 2019 - Foto © AFP
AFRICA

Don Forka, il prete che accusa il suo governo di genocidio

Il sacerdote ha scelto YouTube per denunciare il massacro nelle regioni anglofone del Camerun
La Diamond Princess
L'EPIDEMIA

Diamond Princess, un italiano positivo al Coronavirus

Mille sbarcati dalla Westerdam senza quarantena: tra loro 1 infetto e 5 italiani, individuati in Cambogia
Flavio Bucci nei panni di don Bastiano ne
IL LUTTO

E' morto Flavio Bucci, il don Bastiano di Monicelli

L'attore torinese è deceduto nella sua casa di Passoscuro a 72 anni. Quasi cinquant'anni di carriera fra cinema,...
Liliana Segre
LA TESTIMONIANZA

Liliana Segre, laurea honoris causa alla Sapienza

La senatrice inaugura l'Anno accademico e riceve il titolo in Storia dell'Europa: "Conoscere è...
CONFLITTO

Siria, inventa un gioco per distrarre la figlia dalle bombe

Il video è virale. Le Nazioni Unite sugli attacchi: "Abbiamo raggiunto un livello orribile"
Il prof. Giovanni Rocchi
ROMA

Oggi i funerali del fondatore di "medicina solidale"

Giovanni Rocchi espresse "il carattere più autentico della medicina". Il cordoglio dell'Univ. di Tor...
POLITICA

Milleproroghe, chiesta fiducia. Incognita decreto sicurezza

Palazzo Chigi lavora a riscrivere il decreto. Ma la vera sfida è mettere tutti d'accordo