LUNEDÌ 30 LUGLIO 2018, 09:57, IN TERRIS


SIRIA

Ritornano a casa 1200 rifugiati

Partito il piano di rientri tra Beirut e Damasco favorito dal governo russo

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
I primi siriani pronti a tornare a casa
I primi siriani pronti a tornare a casa
B

uone notizie dalla Siria. 1200 rifugiati, che avevano trovato ospitalità nel vicino Libano, sono tornati sabato scorso nelle loro case d'origine. Il via libera ai rientri è arrivato dopo l'incontro di due settimane fa ad Helsinki tra Putin e Trump. E' stato il presidente russo a portare l'argomento sul tavolo di discussione: "se non aiutiamo i rifugiati siriani che si trovano nei Paesi di confine" - ha detto Putin - la pressione migratoria sull’Europa aumenterebbe, noi speriamo invece diminuisca. Crediamo che si debbano trovare delle soluzioni". Il presidente Usa ha condiviso le preoccupazioni espresse dal suo omologo, pur senza prendere una posizione netta in tal senso. Tuttavia, questo rasseneramento del clima nelle relazioni tra Mosca e Washington ha permesso, così, al Cremlino di inviare un suo alto funzionario a Beirut per discutere l'attuazione del piano di rientri. L'intermediazione del governo russo dovrebbe consentire il ritorno in patria di più di un milione di siriani ora stanziati in Libano. Un'operazione concordata tra il governo di Damasco e Beirut, con l'intermediazione russa, che vedrà coinvolte le regioni siriane in cui Assad ha ripreso il controllo militare ed amministrativo dopo anni di guerra ed instabilità politica.


Ritorno a casa

Sabato pomeriggio i primi tre pullman su cui viaggiavano centinaia di rifugiati hanno attraversato la frontiera tra i due Paesi confinanti. Il canale Lebanon News 360 ha pubblicato sul suo profilo Twitter le immagini delle famiglie, con bagagli alla mano, pronte ad intraprendere il viaggio tanto desiderato verso la propria terra dopo anni di lontananza forzata. 


I numeri della crisi

Dall'inizio della crisi nel 2011, sono stati quasi undici milioni i siriani che si sono visti costretti ad abbandonare le loro abitazioni: sei milioni gli sfollati interni nel Paese mediorientale, quasi cinque milioni quelli che invece hanno preferito trovare rifugio altrove. A questi terribili numeri si aggiunge anche quello dei morti, quattrocento mila. Il Libano ha accolto più di un milione di rifugiati, secondo i dati certificati dalle Nazione Unite a cui poi si aggiungono quelli arrivati da clandestini. La Russia ha chiesto agli organismi internazionali e agli Stati europei di aiutare nella ricostruzione della nazione distrutta dal conflitto, ma prima di concedere finanziamenti a questo scopo, l'Ue chiede garanzie per l'apertura di un processo di transizione politica. 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Una foto di Mattia Torre sui social network
CULTURA

Addio allo sceneggiatore Mattia Torre

Famoso per aver scritto la serie tv di culto “Boris”, era malato da tempo
Un'immagine del Santuario di Lourdes
PELLEGRINAGGI

La diocesi del Papa in viaggio verso Maria

Pellegrinaggio mariano a Lourdes dal 26 al 29 agosto organizzato dal Vicariato
Palazzo Chigi
POLITICA

Orsina: "Alleanza Pd-M5s? Ecco quando potrebbe avvenire"

Il direttore della School of Government della Luiss analizza gli scenari a Palazzo Chigi e dintorni: "Situazione...
GRECIA

Terremoto in Grecia, paura ad Atene

Il sisma, di magnitudo 5.3, ha bloccato molti in ascensore
Per il 91% degli italiani, le recensioni di TripAdvisor sono attendibili
OCCHIO AL WEB

Recensione negativa per TripAdvisor

Il Consiglio di Stato ha multato la nota community di recensioni online
Bossoli
CAMORRA

Doppia "stesa" a Napoli: paura nella notte

Due bossoli davanti alla chiesa dove fu ucciso Genny Cesarano