SABATO 02 MAGGIO 2015, 001:01, IN TERRIS

IL PREMIER UNGHERESE CHIEDE IL RITORNO DELLA PENA DI MORTE, POI FA MARCIA INDIETRO

Viktor Orban è stato costretto a tornare sui suoi passi dopo il duro intervento del presidente della commissione Ue Jean Claude Juncker

CLAUDIA GENNARI
IL PREMIER UNGHERESE CHIEDE IL RITORNO DELLA PENA DI MORTE, POI FA MARCIA INDIETRO
IL PREMIER UNGHERESE CHIEDE IL RITORNO DELLA PENA DI MORTE, POI FA MARCIA INDIETRO
Sembrava quasi che il premier ungherese Viktor Orban ha dimenticato negli ultimi giorni l'Articolo 2 della Carta dei Diritti fondamentali dell'Unione europea, che dice che "ogni individuo ha diritto alla vita. Nessuno può essere condannato alla pena di morte, nè giustiziato", quando ha affermato che forse sarebbe stato il caso di "rimettere in agenda in Ungheria la questione della pena di morte". È stato però costretto a una precipitosa ritirati, dopo una durissima presa di posizione contro di lui da parte del presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker. Nel pomeriggio, il combattivo Orban ha dovuto cedere su tutta la linea, inviando il suo portavoce Janos Lazar a dichiarare alla stampa che il governo di Budapest "non prevede di reintrodurre la pena di morte" nel codice penale.

Per uno Stato membro, violare i diritti fondamentali significa violare l'Art. 2 del Trattato sull'Unione europea, e incorrere il rischio di far scattare il meccanismo sanzionatorio dell'Art. 7 dello stesso Trattato, che prevede la messa sotto accusa del paese interessato, con vari passaggi e votazioni del Consiglio europeo a cui ovviamente non partecipa quel paese. Le sanzioni allo Stato membro sotto accusa vanno fino alla privazione del suo diritto di voto in Consiglio.

Ieri mattina, si era mosso il Parlamento europeo: il suo presidente, Martin Schulz, aveva chiamato Orban chiedendogli spiegazioni. E la Conferenza dei presidenti dei gruppi politici, riunita a Strasburgo, aveva deciso la convocazione urgente della commissione europarlamentare per le Libertà civili, proprio per parlare della situazione in Ungheria, delle dichiarazioni sulla pena di morte e anche di un'altra discutibilissima iniziativa populista del premier di Budapest: la preparazione in corso di un questionario che Orban intende sottoporre ai cittadini ungheresi sull'immigrazione. Lo scopo del questionario è chiaramente quello di legittimare le politica nazionale di chiusura e repressione in questo campo che il governo intende perseguire, in contrasto con il tentativo della Commissione Juncker di arrivare a una politica comune Ue.

Ma l'apice del pressing Ue contro il premier ungherese è arrivato attorno a mezzogiorno di ieri, quando è intervenuto, durante un breve punto stampa a Bruxelles, il presidente Juncker. "La Carta dei Diritti fondamentali dell'Unione europea vieta la pena di morte, e Orban dovrà immediatamente spiegare in modo chiaro che non è sua intenzione" reintrodurla, ha detto il capo dell'Esecutivo comunitario, sottolineando di essere "decisamente contrario alla pena di morte, per varie ragioni". Juncker ha concluso con un avvertimento minaccioso: se Orban non cambia idea, ha osservato, allora "ci sarà battaglia".

Nel pomeriggio della giornata di ieri, da Budapest è arrivata la marcia indietro di Orban: "In Ungheria - ha detto il suo portavoce - esiste un dibattito sulla pena di morte, ma nello stesso tempo il primo ministro non ne prevede la reintroduzione nel Paese: il governo dibatterà la questione ma - ha concluso - ottempererà alle leggi europee".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Incendio in una fabbrica in India
INCIDENTI SUL LAVORO IN INDIA

Mumbai, rogo in una fabbrica di dolci: 12 morti

Il calore sprigionato dal rogo ha causato un rapido cedimento di parte della struttura
Pier Carlo Padoan
CASO BANCHE

Padoan: "Mai autorizzati colloqui dei ministri"

Il titolare del Mef: "Sugli istituti di credito la responsabilità è di via XX Settembre"
Luigi Di Maio
ELEZIONI

Di Maio apre alle alleanze

Il candidato premier M5s non esclude coalizioni: "Il 40% o governiamo con chi ci sta"
Marco Orsi e Luca Dotto
NUOTO | EUROPEI

Dotto, Orsi, Sabbioni: a Copenaghen brillano le stelle azzure

L'Italia vince la classifica per nazioni del torneo continentale di vasca corta con 959 punti
I due presunti assassini: Raffaele Rullo e Antonietta Biancaniello
OMICIDIO LA ROSA

Il presunto killer: "Non sono stato io"

La madre ha dichiarato di aver fatto tutto da sola
Jacqueline de la Baume Dürrbach, Il cartone del Guernica esposto in Sala Zuccari, Palazzo Giustiniani, Roma
PICASSO

In mostra "Guernica icona di pace"

Alla Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani dal 18 dicembre al 5 gennaio 2018