MERCOLEDÌ 12 SETTEMBRE 2018, 14:59, IN TERRIS


COPYRIGHT

Il Parlamento europeo approva la riforma

Tajani: "E' una vittoria per tutti i cittadini"

ANGELA ROSSI
"L

a direttiva sul diritto d'autore è una vittoria per tutti i cittadini. Oggi il Parlamento europeo ha scelto di difedere la cultura e la creatività europea e italiana, mettendo fine al far west digitale". Con queste parole, il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, ha commentato la riforma del Copyright approvata dall'assemblea di Strasburgo con 438 voti a favore, 226 contro e 39 astensioni. Inolte, è stato anche adottato a maggioranza il mandato per cominciare i negoziati con Consiglio e Commissioe Ue, necessari per arrivare alla definizione del testo legislativo finale. "E' un buon segnale per l'industria creativa e culturale europea", ha dichiarato il relatore del provvedimento, il popolare tedesco Axel Voss, che ha anche ringraziato i colleghi per il "risultato ottenuto insieme". 


Cosa prevede la riforma

L'obiettivo dell'Ue è quello di riformare la normativa del diritto d'autore e adattarla alla sempre più veloce e costante evoluzione tecnologica. La votazione di oggi nello specifico era necessaria per dare mandato a Commissione e Consiglio Ue per avviare i negoziati. Gli articoli più contestati sono l'11 e il 13. Il primo introduce la possibilità per gli editori di chiedere il pagamento per l'utilizzo anche di brevi frammenti di testo, la cosiddetta "link tax". Il secondo, invece, rappresenta una sorta di "filtro preventivo" che dovrebbe essere attuato da queste piattaforme, esercitando una sorta di controllo su ciò che viene caricato dai loro utenti: l'obiettivo è quello di impedire la pubblicazione di contenuti protetti dal copyright


Adinolfi (M5S): "Legalizzata la censura preventiva"

E in seguito all'approvazione della riforma non sono mancate le polemiche di considera la riforma un "bavaglio" al mondo digitale. L'europarlamentare Isabella Adinolfi ha parlato di "una pagina nera per la democrazia e la libertà dei cittadini. Con la scusa della riforma del copyright, il Parlamento europeo ha di fatto legalizzato la censura preventiva. Il testo approvato oggi dall'aula di Strasburgo contiene l'odiosa link tax e filtri ai contenuti pubblicati dagli utenti. E' vergognoso! Ha vinto il partito del bavaglio". 


Di Maio: "Scenario da 'Grande fratello' di Orwell"

Il via libera del Parlamento europeo alla riforma sui diritti d'autore non ha soddisfatto neanche il vicepremier Luigi di Maio che ha parlato di un "che legalizza la censura preventiva" e di ingresso in uno "scenario da 'Grande fratello' di Orwell". "Sarà un piacere vedere, dopo le prossime elezioni europee - ha tuonato il leader pentastellato - una classe dirigente comunitaria interamente rinnovata che non si sognerà nemmeno di far passare porcherie del genere. Un messaggio per le lobby: questi sono gli ultimi vostri colpi di coda, nel 2019 i cittadini vi spazzeranno via". 

 

 

 

 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La sede della Corte suprema polacca
GIUSTIZIA

Polonia deferita davanti alla Corte Ue

Secondo la Commissione la riforma della Corte suprema viola l'indipendenza dei giudici
Il viadotto Marco Polo, in via di Varlungo a Firenze, teatro dell'aggressione
FIRENZE

Aggredita e violentata una studentessa

La violenza è avvenuta poco dopo mezzanotte in via di Varlungo
TERREMOTO

Crollo del campanile di Accumoli, al via il processo

La torre campanaria piombò sul tetto dell'edificio adiacente uccidendo la famiglia Tuccio
Brexit
BREXIT

May al bivio, c'è lo spettro del voto bis

Ore calde per la premier dopo il flop di Salisburgo, Corbyn non chiude al nuovo referendum ma spinge per le elezioni anticipate
VACCINI

Nas scoprono false certificazioni: sette denunce

Il reato ipotizzato nei loro confronti è di falso ideologico
UGANDA

Le missioni aiutano mamme e neonati in ospedale

Al “St Luke Health Centre" acquistati un'ambulanza, incubatrici e macchinari per le ecografie
BOLOGNA

Frode fiscale internazionale: 16 indagati

Sequestrati beni mobili e immobili per quasi 25 milioni di euro
I soccorsi davanti l'archivio di Stato ad Arezzo il giorno della tragedia
TRAGEDIA NELL'ARCHIVIO DI STATO

Dipendenti morti ad Arezzo: 5 indagati

Disposta l'autopsia sui corpi dei due dipendenti deceduti a causa dell'intossicazione da argon
TUNISIA

Alluvioni a Cap Bon: almeno 6 morti

Le piogge torrenziali in Tunisia sono state provocate dal ciclone che si è formato nel Mar Tirreno e che nei giorni scorsi...
Arresti nella cosca Alvaro
REGGIO CALABRIA

‘Ndrangheta: smantellata la cosca Alvaro

Tra i 18 fermi anche il sondaco di Delianuova Francesco Rossi
Aleksei Navalny
RUSSIA

E' durata poco la libertà di Navalny

Oppositore scarcerato e poi arrestato. Ha partecipato a proteste non autorizzate
Il Papa durante l'incontro con le autorità lettoni - Foto © Vatican Media
VIAGGIO NEI PAESI BALTICI

Il Papa a Riga: "La libertà è costruita sulle radici"

Il Santo Padre incontra le autorità lettoni: "La maternità della Lettonia focalizza strategie per le...