GIOVEDÌ 09 APRILE 2015, 003:00, IN TERRIS

IL NUOVO CODICE PENALE DEL MAROCCO SCATENA LA PROTESTA DEL POPOLO

Il progetto delle nuove riforme è stato reso pubblico sul sito web del Ministero della Giustizia il primo aprile, ma i cittadini non sembrano aver gradito le novità

HORTENSIA HONORATI
IL NUOVO CODICE PENALE DEL MAROCCO SCATENA LA PROTESTA DEL POPOLO
IL NUOVO CODICE PENALE DEL MAROCCO SCATENA LA PROTESTA DEL POPOLO
Il Marocco è segnato da un'ondata di proteste a causa del nuovo codice penale messo a punto dal Ministero della Giustizia, sul cui sito era apparso il primo aprile l'anteprima del progetto di riforma. A spingere in piazza il popolo è il contenuto delle nuove modifiche che sembra non abbiano portato eccessivi cambiamenti. Se da una parte infatti si introducono misure penalizzanti per le aggressioni sessuali e misure alternative per alleggerire le carceri, dall'altra non sono state apportate modifiche in materia di libertà civili e individuali.

Per esempio mangiare in pubblico durante il Ramadan, il mese del digiuno islamico, è considerato ancora un reato penale punito con il carcere, così come accade per il proselitismo verso altre religioni e le relazioni sessuali al di fuori del matrimonio. La società civile ha risposto avviando una petizione attraverso internet e i social network. Su Facebook e Twitter si moltiplicano le pagine e gli hashtag che denunciano il governo di essere "passatista". Tacciato di eccessiva approssimazione, persino dai giuristi di fama è un codice che lascia troppi spazi all'interpretazione. Al centro della riforma l'articolo 503 sulle aggressioni sessuali che dimostra come quella che doveva essere un'apertura alla modernità si è rivelata il completo opposto.

Si legge che viene considerato colpevole "chiunque aggredisca un altro in luogo pubblico, con comportamenti, parole e gesti di natura sessuale, a scopo sessuale". Ed è su questo punto che fanno leva gli esperti, definendolo "inapplicabile". Tra gli articoli più discussi inoltre anche il 420 che non ha subito modifiche. Riguarda il "delitto d'onore o passionale". Nel caso si sorprenda il partner con altri, se lo si aggredisce, magari uccidendolo, è prevista una attenuante per "colpi inferti senza intenzione di uccidere, anche se hanno causato la morte".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'incendio al Cameron House Hotel in Scozia
SCOZIA

Fiamme in un hotel di lusso: 2 morti

Le fiamme hanno distrutto una grande porzione della struttura turistica
Incendio in una fabbrica in India
INCIDENTI SUL LAVORO IN INDIA

Mumbai, rogo in una fabbrica di dolci: 12 morti

Il calore sprigionato dal rogo ha causato un rapido cedimento di parte della struttura
Altero Matteoli
POLITICA IN LUTTO

Morto l'ex ministro Matteoli

Fatale un incidente all'altezza di Capalbio. Cordoglio nel mondo delle istituzioni
Pier Carlo Padoan
CASO BANCHE

Padoan: "Mai autorizzati colloqui dei ministri"

Il titolare del Mef: "Sugli istituti di credito la responsabilità è di via XX Settembre"
Il premier austriaco Sebastian Kurz
AUSTRIA

Il governo Kurz giura tra le proteste

L'esecutivo sostenuto dall'ultradestra dell'Fpoe entra in carica. Manifestazioni a Vienna
Luigi Di Maio
ELEZIONI

Di Maio apre alle alleanze

Il candidato premier M5s non esclude coalizioni: "Il 40% o governiamo con chi ci sta"
Marco Orsi e Luca Dotto
NUOTO | EUROPEI

Dotto, Orsi, Sabbioni: a Copenaghen brillano le stelle azzure

L'Italia vince la classifica per nazioni del torneo continentale di vasca corta con 959 punti
Un tunisino durante le proteste del 2011
PRIMAVERE ARABE

La Tunisia celebra la "rivoluzione dei gelsomini"

Sette anni fa scoppiava la rivolta che portò alla caduta di Ben Ali
I due presunti assassini: Raffaele Rullo e Antonietta Biancaniello
OMICIDIO LA ROSA

Il presunto killer: "Non sono stato io"

La madre ha dichiarato di aver fatto tutto da sola
Jacqueline de la Baume Dürrbach, Il cartone del Guernica esposto in Sala Zuccari, Palazzo Giustiniani, Roma
PICASSO

In mostra "Guernica icona di pace"

Alla Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani dal 18 dicembre al 5 gennaio 2018