MARTEDÌ 25 DICEMBRE 2018, 09:46, IN TERRIS


IRAQ

Il Natale diventa festa nazionale

Il governo: "La nascita di Cristo sarà celebrata da tutti". Riconciliazione più vicina?

DANIELE VICE
L'albero di Natale allestito a Baghdad
L'albero di Natale allestito a Baghdad
I

l Natale è stato ufficialmente riconosciuto come festa in Iraq. Il governo di Baghdad ha, infatti, approvato un provvedimento che eleva quella del 25 dicembre - "in occasione della nascita di Gesù Cristo" - a ricorrenza da celebrare in tutto Paese.


Festa per tutti 

Come conseguenza della misura adottata dal Consiglio dei ministri, dunque, il Natale diventa una festa per tutti gli iracheni, non solo per quelli di religione cristiana, com'è stato sino a oggi. "Buon Natale ai nostri cittadini cristiani, a tutti gli iracheni e a tutti coloro che celebrano in tutto il mondo", si legge in un tweet dell'esecutivo.


Persecuzione

Prima dell'invasione dell'Iraq condotta dagli Stati Uniti nel 2003, c'erano circa 1,4 milioni di cristiani nel Paese. Tuttavia, il loro numero è sceso a 300.000 a causa della fuga di centinaia di migliaia di persone, vittime di violenze e attacchi da parte di diversi gruppi armati. L'ascesa dell'Isis ha fatto il resto: la comunità cristiana è entrata nel mirino delle milizie jihadiste, numerose sono state le uccisioni. Nel 2016 l'antica città cristiana irachena di Bartella ha celebrato il Natale per la prima volta in due anni dopo essere stato liberata dal Califfato.


L'albero

Louis Raphael Sako, capo della Chiesa cattolica caldea di Baghdad, nei giorni scorsi ha dichiarato all'Associated Press che i cristiani in Iraq rimangono emarginati. "I loro diritti sono stati violati, molte delle loro case e proprietà sono state invase e portate via da loro, inoltre sono stati esclusi dal lavoro". Rasha al-Taie, cittadino di Baghdad, ha elogiato l'installazione di un albero di Natale nel parco di al-Zaura. E' segno, ha detto, di "amore, pace e solidarietà" tra musulmani e cristiani. "Noi, come musulmani, dichiariamo solidarietà con loro (cristiani), a Dio piacendo, tutti gli anni a venire saranno anni di gioia e pace per l'Iraq e tutta la sua diversità".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Migranti
LIBIA

Msf: "Emergenza malnutrizione nei centri per migranti"

Un pasto ogni 2-3 giorni: "La Libia non è un porto sicuro"
Lavorazione industriale del cuoio
LOCRI

Scoperta evasione fiscale da 10 mln di euro

Denunciati i legali rappresentanti di due società operanti nella concia del cuoio
Spaccio di droga
NAPOLI

Traffico di droga ed estorsioni, 11 arresti

I destinatari dei provvedimenti sono residenti tra Frattamaggiore e Frattaminore
Il bus incendiato a San Donato
L'ATTACCO

Bus incendiato: studenti ancora sotto choc

Buona parte degli alunni coinvolti non tornerà a scuola oggi. Sy sotto stretta sorveglianza
Auto di lusso
PORDENONE

Maxi truffa su auto di lusso: 835 persone raggirate

Decine di indagati. Eseguiti anche ingenti sequestri di immobili e valori in tutt'Italia
Tribunale

Chi ha buone orecchie intenda

La vicenda triste del capogruppo dei M5stelle al Comune di Roma insegna a tutti, ancora una volta, che non basta...