VENERDÌ 07 GIUGNO 2019, 10:18, IN TERRIS


MIGRANTI

Il Messico schiera 6mila soldati per salvarsi dai dazi

Le truppe presidieranno il confine col Guatemala. Ma per gli Usa potrebbero non bastare

L.L.M
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Truppe messicane
Truppe messicane
D

i fronte allo spettro dei dazi sull'export il governo messicano si sarebbe risolto a schierare curca 6mila soldati dellla Guardia Nazionale a presidio del confine meridionale


Sicurezza garantita

Secondo quanto riportato dal Washington Post funzionari messicani avrebbero assicurato agli omologhi statunitensi che il dispiegamento porterà a un'immediata diminuzione dei migranti centroamericani diretti verso il territorio Usa. Il tutto avviene mentre il ministro degli Esteri, Marcelo Ebrard, continua a trattare con la Casa Bianca per scongiurare le tariffe annunciate da Donald Trump la scorsa settimana.


Lo schieramento

Se il Messico "non intraprenderà azioni volte a ridurre drasticamente o a eliminare il numero di stranieri che attraverso il suo territorio raggiungono gli Stati Uniti" aveva avvertito il tycoon, a partire dal 10 giugno scatteranno dazi del 5%, destinati ad aumentare fino al 25% entro il prossimo autunno. Città del Messico ha assicurato lo schieramento di 10 contingenti da 450 o 600 soldati entro settembre alla frontiera del Guatemala. Questa mossa quadruplicherebbe i 1.500 uomini che attualmente presidiano la zona. "Si tratta di un notevole e significativo impegno in termini di risorse - ha detto un funzionario americano al Post - rispetto a quanto hanno fatto in passato sul fronte della lotta al traffico di esseri umani". 


La riforma

 

Secondo il Messico il contingente farà calare il numero di arrivi a 60mila migranti al mese, cioè ai livelli dello scorso autunno. Ma il governo Usa ha fatto sapere che si riterrà soddisfatto solo quando gli arrivi scenderanno a meno di 20mila al mese, come accaduto nei primi mesi della presidenza Trump. I due Paesi poi, riporta sempre il Post, starebbero discutendo su un piano per la revisione delle norme in materia di asilo in tutta la regione. In base alla riforma i migranti centroamericani sarebbero obbligati a fare richiesta di protezione al primo Stato raggiunto dopo aver lasciato il proprio Paese. Ciò significa che gli Usa potranno trasferire i migranti guatemaltechi in Messico e quelli honduregni e salvadoregni in Guatemala. 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Carlo Delle Piane
LUTTO NELLO SPETTACOLO

Il cinema piange Carlo Delle Piane

L'attore, 83enne, aveva lavorato con Alberto Sordi, Aldo Fabrizi, Totò, De Sica e Pupi Avati
Mons. Edgar Pena Parra
VATICANO

Venezuela, i vescovi difendono il Sostituto

In una nota l’episcopato denuncia le “false accuse” contro il “numero tre” della Santa Sede,...
La nave Ocean Viking
MIGRANTI

Intesa raggiunta: Ocean Viking attracca a Malta

Il premier maltese ne dà l'annuncio via Twitter: i 356 naufraghi saranno redistribuiti in altri 6 Paesi
La cattedrale di Notre-Dame a Ho Chi Minh
DIALOGO ED EVANGELIZZAZIONE

Vaticano e Vietnam mai così vicini

Incontro tra le delegazioni poi l’udienza con Papa Francesco. Nuovi spazi di libertà per la Chiesa
Pupi Avati
CINEMA

Ecco “Il signor diavolo” di Pupi Avati

Il regista cattolico trasforma in film il suo libro sulla presenza del male
SPAZIO

Nella Via Lattea fino a 10 milioni di "gemelli" della Terra

Lo ha calcolato l’università della Pennysilvania con i dati del telescopio Kepler. La prossima missione spaziale...