LUNEDÌ 24 AGOSTO 2015, 17:15, IN TERRIS

IL CALIFFATO ORGANIZZA LO STATO IN LIBIA

I jihadisti hanno diffuso in rete un video in cui invitano i militanti di Arabia Saudita, Egitto e Tunisia ad unirsi e a marciare su Tripoli

MANUELA PETRINI
IL CALIFFATO ORGANIZZA LO STATO IN LIBIA
IL CALIFFATO ORGANIZZA LO STATO IN LIBIA
Continua l'avanza dell'autoproclamato Califfato in LIbia, dove i militanti jihadisti stanno cercando sempre più insistentemente di creare una loro roccaforte, come ad esempio a Raqqa, una città della Siria considerata la roccaforte dei jihadisti. Ora, in un nuovo video diffuso in rete, lo Stato Islamico ha invitato i suoi militanti in Arabia Saudita, Tunisia, Egitto e Sudan a recarsi in Libia per combattere contro l'esercito del Paese. L'uomo che sprona i jihadisti alla "mobilitazione generale per la Jihad in Libia" è il saudita Ali el Gezrawi che ha sottolineato che il Paese "è la terra della jihad e dell'immigrazione, non appartiene solo ai libici, ma a tutti i musulmani che credono in Dio, ed è uno Stato del Califfato".

In Libia oramai è guerra aperta tra le due anime del terrorismo internazionale e ad  ufficializzarla è l'ala libica dello Stato Islamico che ha diffuso in rete "l'ordine di uccidere" il leader di al Qaeda, Aymen Al Zawahiri, colpevole, insieme all'algerino Mukhtar Belmkthtar, di aver guidato le brigate di blasfemi che lo scorso giugno cacciarono i jihadisti del Califfato di Derna. Sui social media infatti sono state diffuse le "schede" firmate dall'Isis con tanto di foto segnaletiche e informazioni su dove rintracciare i due "ricercati da uccidere". Ma il Consiglio dello Shura - sigla che rappresenta un'alleanza di milizie islamiche che hanno sconfitto i jihadisti a Derna, sostengono che il Califfato stia tentando di "mescolare le carte per attrarre un intervento straniero".

Nel frattempo i militanti del Califfato nero che si trovano a Sirte, hanno lanciato su Twitter l'hashtag "afflusso verso la Libia" e pubblicato alcuni video in cui mostrano la città in mano all'Isis. Alcuni testimoni hanno riferito che i jihadisti presenti nella cittadina libica hanno creato una sorte di "emirato", sostituendo i tribunali civili con una Corte islamica della Sharia, hanno distribuito dei volantini con il nuovo calendario in vigore e, inoltre, il cosiddetto "ufficio per l'educazione" dell'Is ha imposto un nuovo programma scolastico e stabilito la separazione della classe in maschi e femmine, sia nelle scuole che nelle università.

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Incendio in una fabbrica in India
INCIDENTI SUL LAVORO IN INDIA

Mumbai, rogo in una fabbrica di dolci: 12 morti

Il calore sprigionato dal rogo ha causato un rapido cedimento di parte della struttura
Pier Carlo Padoan
CASO BANCHE

Padoan: "Mai autorizzati colloqui dei ministri"

Il titolare del Mef: "Sugli istituti di credito la responsabilità è di via XX Settembre"
Luigi Di Maio
ELEZIONI

Di Maio apre alle alleanze

Il candidato premier M5s non esclude coalizioni: "Il 40% o governiamo con chi ci sta"
Marco Orsi e Luca Dotto
NUOTO | EUROPEI

Dotto, Orsi, Sabbioni: a Copenaghen brillano le stelle azzure

L'Italia vince la classifica per nazioni del torneo continentale di vasca corta con 959 punti
I due presunti assassini: Raffaele Rullo e Antonietta Biancaniello
OMICIDIO LA ROSA

Il presunto killer: "Non sono stato io"

La madre ha dichiarato di aver fatto tutto da sola
Jacqueline de la Baume Dürrbach, Il cartone del Guernica esposto in Sala Zuccari, Palazzo Giustiniani, Roma
PICASSO

In mostra "Guernica icona di pace"

Alla Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani dal 18 dicembre al 5 gennaio 2018