MERCOLEDÌ 05 DICEMBRE 2018, 21:28, IN TERRIS


BREXIT

Il backstop divide, caos a Westminster

May pubblica il parere legale: l'accordo paracadute riguarderebbe non solo l'Irlanda del Nord ma l'intero Regno Unito

MATTIA DAMIANI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Cartello anti-Brexit ai piedi di Westminster
Cartello anti-Brexit ai piedi di Westminster
S

ra la partita Brexit inizia a farsi davvero difficile. La situazione si è complicata a Westminster, dove la premier Theresa May affronta il question time fra una schiera infinita di dubbi e parziali certezze. Durante la discussione in aula, la premier britannica ha reso pubblico il parere legale raccolto dall'attorney general Geoffrey Cox sull'impatto dell'accordo sulla Brexit, stilato ovviamente sul piano elaborato da May e sottoscritto dai 27. Un atto quasi dovuto dopo l'attacco frontale del ministro ombra dei Lab, Keir Starmer, il quale aveva avanzato richiesta formale di ottenere la versione integrale del documento, definendo "un oltraggio al Parlamento" l'iniziale rifiuto della premier. Theresa May, da parte sua, continua a ribadire che il suo governo andrà fino in fondo, che "non revocherà l'articolo 50" del Trattato di Lisbona e che l'uscita dall'Unione avverrà nei tempi previsti. Il problema del voto, però, è tutt'altro che risolto: la questione più intricata rischia di essere il backstop, ovvero la permanenza del Regno Unito nell'unione doganale per far sì che non vi sia un nuovo confine fisico fra l'Irlanda del Nord e l'Eire.


Il nodo backstop

Una soluzione, questa, per così dire di transizione che, in caso, trascenderebbe addirittura il limite previsto dai termini dell'accordo: qualora infatti non si trovasse una soluzione per la questione del confine irlandese entro il 31 dicembre 2020, il backstop partirebbe automaticamente, legando nuovamente la Gran Bretagna all'Europa fino a data da destinarsi (ovvero fin quando un'intesa sul confine non verrà trovata). Una soluzione che snaturerebbe la Brexit a detta di molti all'interno del Parlamento, i quali premono affinché il backstop non venga attuato. La situazione però è ancora più complessa: inizialmente, l'accordo avrebbe dovuto prevedere misure "salvagente" solo per l'Irlanda del Nord ma, ora, con il parere legale reso pubblico è apparso chiaro che la misura riguarderebbe tutto il Regno Unito. May continua a ripetere che la misura sarebbe "d'emergenza", versione che però non convince il Parlamento. Il consulente legale del governo, Geoffrey Cox, ha spiegato che i termini del backstop potrebbero essere modificate attraverso un nuovo esame della misura, rendendo Londra un unico territorio doganale con l'Ue, ma con solo l'Irlanda del Nord che andrebbe a seguire l'intero codice doganale dell'Ue.


Situazione complicata

La posizione ottimista di Theresa May in proposito (la premier resta convinta che l'accordo non sarà attivato perché l'intesa sul confine irlandese sarà trovata prima) non appare sufficiente a convincere gli scettici e i contrari. Anche gli indipendentisti scozzesi dell'Snp hanno sferrato la loro offensiva contro May, accusata di aver "fuorviato, forse inavvertitamente, il Parlamento" sui termini del backstop e, ora, anche gli alleati del Dup iniziano ad annunciare battaglia in fase di voto, visto che un'intesa ancora non c'è e che un'eventuale attivazione della mossa paracadute potrebbe equivalere a un salto nel buio per l'Irlanda del Nord.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Bandiera della Germania

Conoscete i confini della Germania?

Invitati alla trasmissione radiofonica "Un giorno da pecora", ben quattro alti leader di maggioranza...
Il regista sudcoreano durante la premiazione
CINEMA

Cannes, Bong Joon Ho trionfa sulla Croisette

Vince il sudcoreano con il suo "Parasite". Fra gli attori, premiati Antonio Banderas e Emily Beecham
L'arrivo dei soccorsi
CADICE

Italiani arrestati in Spagna per rissa

Sono quattro studenti Erasmus; il giovane pestato dal branco è grave
L'epicentro del terremoto
EMILIA ROMAGNA

Terremoto 3.4 vicino Parma

E' la seconda scossa di oggi; la prima stamattina nel Tirreno meridionale
Il ministro del Lavoro Luigi di Maio
FALLIMENTO

Mercatone Uno: la reazione "calda" dei politici

Di Maio: "Lunedì tavolo al ministero", poi Salvini, Fratoianni, Zingaretti, Furlan e Mise
Papa Francesco con un bimbo
UDIENZA

Il Papa: "Vita umana inviolabile, l'aborto non è mai la risposta"

Il Santo Padre ai partecipanti di "Yest to Life": "E' un problema umano. No alla diagnosi prenatale per...