DOMENICA 20 SETTEMBRE 2015, 001:00, IN TERRIS

GUERRA IN SIRIA, KERRY: "ASSAD DEVE ANDARSENE MA NON NECESSARIAMENTE SUBITO"

Il Segretario di Stato Usa ha aperto spazi di mediazione per una trattativa. Giudizio positivo sull'intervento anti Isis della Russia

FRANCESCO VOLPI
GUERRA IN SIRIA, KERRY:
GUERRA IN SIRIA, KERRY: "ASSAD DEVE ANDARSENE MA NON NECESSARIAMENTE SUBITO"
Bashar Al Assad se ne deve andare ma non necessariamente dopo il raggiungimento di un accordo che ponga fine alla guerra civile. Lo ha detto il Segretario di Stato americano John Kerry. Parlando dopo colloqui con il ministro degli Esteri britannico Philip Hammond a Londra, il capo della diplomazia Usa ha così aperto spazi di mediazione per una trattativa.

"Per l'ultimo anno e mezzo abbiamo detto che Assad deve andare, ma non quando e con quale modalità...non deve essere nel primo giorno e nel primo mese e via dicendo", ha detto Kerry ai giornalisti. "C'è un processo al quale tutte le parti devono unirsi per raggiungere un'intesa su come questo debba essere ottenuto", ha continuato. Kerry ha espresso un giudizio positivo sugli sforzi della Russia contro lo Stato islamico (Isis) in Siria. "Noi siamo lieti di questo e siamo pronti a trovare il modo più rapido ed efficace per eliminare l'Isis", ha sostenuto il Segretario di Stato.

"Abbiamo bisogno - ha detto ancora - di andare al negoziato. Questo è il motivo per cui stiamo cercando e speriamo che l'influenza di Russia, Iran e altri paesi possa portare a questo", perché proprio la mancanza di un'unica strategia è "ciò che impedisce alla crisi di terminare".

Gli Usa, ha affermato ancora il capo della sua diplomazia, sono pronti a sedersi a un tavolo. "Noi siamo pronti a negoziare. Lo è anche Assad, realmente? E la Russia è pronta a portarlo al tavolo e trovare una soluzione a questa violenza?" Finora, ha proseguito, "Assad ha rifiutato di avere una discussione seria e la Russia ha rifiutato di portarlo al tavolo per affrontarla". Russia e Stati uniti hanno avviato colloqui militari sul conflitto siriano ieri, dopo che Mosca ha accresciuto la sua presenza militare nel paese. In una conversazione telefonica tra il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu e il suo omologo americano Ash Carter è stato sciolto un blocco alle relazioni militari durato 18 mesi e causato dal ruolo russo nella crisi ucraina.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
L'esondazione dell'Enza a Lentigione (ph Reggionline)
MALTEMPO

Esonda la Parma, allagata la Reggia di Colorno

Trovato senza vita sotto una valanga l'ex sindaco di Vogogna
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
Il Papa con alcuni migranti
CONVEGNO

Chiese unite contro la xenofobia

Da domani vertice ecumenico in Vaticano