GIOVEDÌ 11 GIUGNO 2015, 16:15, IN TERRIS

GUATEMALA: LA CORTE SUPREMA AUTORIZZA L'INCHIESTA SUL CAPO DELLO STATO

Otto Perez Molina sarà dunque indagato per uno scandalo per corruzione

CLAUDIA GENNARI
GUATEMALA: LA CORTE SUPREMA AUTORIZZA L'INCHIESTA SUL CAPO DELLO STATO
GUATEMALA: LA CORTE SUPREMA AUTORIZZA L'INCHIESTA SUL CAPO DELLO STATO
Guai in vista per il capo dello Stato del Guatemala: la Corte suprema ha infatti stabilito che Otto Perez Molina sarà indagato nell’ambito di uno scandalo per corruzione, ha infatti dato il nullaosta al Congresso per decidere se togliere o meno l’immunità, e già il Parlamento aveva chiesto di revocarla. La decisione potrebbe risultare in una sorta di impeachment per il presidente, se una Commissione del Congresso dovesse raccomandare di processarlo.

Secondo le accuse di un parlamentare, Perez Molina sarebbe coinvolto in scandali legati la parlamento di tangenti e l’inchiesta nei suoi confronti era stata reclamata dall’opposizione.di recente, diversi membri dello staff di Perez sono già stati arrestati dell’ambito di uno scandalo. Il capo dello Stato è stato eletto nel settembre 2011, ed è il primo presidente del Guatemala dalla fine delle dittature degli anni settanta e ottanta ad aver ricoperto in passato un ruolo militare.

Lo scorso mese era stato proprio Otto Perez Molina a rimuovere dal loro incarico i ministri dell’interno, dell’Energia, dell’Ambiente e il capo dell’Intelligence, in quella che è stata la più grande crisi politica che ha attraversato il Paese dalla fine della guerra civile nel 1996. Le rivelazioni sui casi di corruzione sono state pubblicate lo scorso 16 aprile dalla Commissione Internazionale contro l’Impunità in Guatemala, un’agenzia sponsorizzata dalle Nazioni Unite. I politici corrotti prendevano mazzette da imprenditori che si occupavano di import-export, che in cambio potevano avvantaggiarsi di dazi doganali agevolati.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Bibbia su smartphone
GERMANIA

In un'App la nuova traduzione della Bibbia

La versione in tedesco della Sacra Scrittura è gratuita per iOs e Android
La missione Apollo 11
NASA

Sono online i dialoghi delle missioni Apollo

Le storiche frasi degli astronauti si possono riascoltare grazie ad un software ideato dai ricercatori texani
Esplosione in un impianto di stoccaggio di gas in Austria
AUSTRIA

Esplosione in un impianto di gas: 1 morto

Almeno 60 persone sono rimaste ferite
Medico in corsia (repertorio)
SCIOPERO DEI MEDICI

A rischio 40 mila interventi chirurgici

Incrociano le braccia in 134 mila. Lorenzin: "Sono al loro fianco"
La bandiera del Puerto Rico
I LEADER RELIGIOSI DEL PUERTO RICO

"Stop all'aumento delle tasse o la ripresa sarà impossibile"

Cattolici ed evangelici in una lettera al Congresso Usa: "Non siamo cittadini di serie b"
Catalani al voto (repertorio)
CATALOGNA

Sondaggi incerti: sul voto peserà il dato dell'affluenza

Si recherà alle urne l'82% dei cittadini e questo potrebbe spostare gli equilibri
Telefono in auto

Il rischio del telefono

Le norme draconiane annunciate per combattere l'uso del cellulare in auto, non si faranno perché la...