MERCOLEDÌ 20 MAGGIO 2015, 19:30, IN TERRIS

GRECIA, IL PORTAVOCE DI SYRIZA: "NON CI SONO FONDI PER PAGARE IL FMI"

Dall'agenzia di rating Moody's l'allarme: "si rischia il congelamento dei depositi bancari"

MANUELA PETRINI
GRECIA, IL PORTAVOCE DI SYRIZA:
GRECIA, IL PORTAVOCE DI SYRIZA: "NON CI SONO FONDI PER PAGARE IL FMI"
"Non ci sono fondi per rimborsare l'enorme prestito al Fondo monetario internazionale, ma pagheremo stipendi e pensioni", è quanto ha dichiarato il portavoce del gruppo parlamentare di Syriza, Nikos Filis, durante un'intervista alla tv Antenna 1. Inoltre il portavoce del partito ha sottolineato l'impellente necessità di una ristrutturazione del debito greco. La Grecia entro la fine del mese di giugno è chiamata a restituire 1,5 miliardi di euro, il doppio del denaro che ha restituito nel mese di maggio.

Una delle tranche del prossimo mese scade il 5 giugno, data entro la quale la Grecia dovrà restituire 310 milioni di euro, ma come ha sottolineato il ministro del Lavoro greco Panos Skourletis, il primo ministro Alexis Tsipras "raggiungerà un accordo basato su prestiti in cambio di riforme nei prossimi giorni". "Vi assicuro che se ci dovessimo trovare di fronte a un dilemma tra pagare un creditore che si rifiuta di firmare un accordo con noi e un pensionato, pagheremo il pensionato. - ha aggiunto il ministro del lavoro - Spero saremo in grado di pagare entrambi".

Nel frattempo il premier greco Alexis Tsipras si appresta a presentare domani ai leader europei, che si riuniranno a Riga, il piano per la ristrutturazione del debito ellenico. Inoltre al termine del vertice il capo del governo greco potrebbe incontrare la cancelliera tedesca Angela Merkel, il presidente francese Francois Hollande e il presidente della Commissione Ue Jean Claude Junker.

A peggiorare il quadro ellenico arriva anche l'ultimo rapporto redatto dall'agenzia di rating Moody's, che mette in guardia dal "grave deterioramento" che coinvolgerebbe liquidità e accesso ai fondi delle banche della Grecia, dalle quali dallo scorso dicembre sono stati ritirati oltre 30 miliardi di dollari, circostanza che non fa che aumentare la dipendenza delle banche stesse dai finanziamenti della Bce, fondi che al momento sono assicurati tramite il canale di emergenza Ela gestito dalla Banca di Grecia.

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Incendio in una fabbrica in India
INCIDENTI SUL LAVORO IN INDIA

Mumbai, rogo in una fabbrica di dolci: 12 morti

Il calore sprigionato dal rogo ha causato un rapido cedimento di parte della struttura
Pier Carlo Padoan
CASO BANCHE

Padoan: "Mai autorizzati colloqui dei ministri"

Il titolare del Mef: "Sugli istituti di credito la responsabilità è di via XX Settembre"
Luigi Di Maio
ELEZIONI

Di Maio apre alle alleanze

Il candidato premier M5s non esclude coalizioni: "Il 40% o governiamo con chi ci sta"
Marco Orsi e Luca Dotto
NUOTO | EUROPEI

Dotto, Orsi, Sabbioni: a Copenaghen brillano le stelle azzure

L'Italia vince la classifica per nazioni del torneo continentale di vasca corta con 959 punti
I due presunti assassini: Raffaele Rullo e Antonietta Biancaniello
OMICIDIO LA ROSA

Il presunto killer: "Non sono stato io"

La madre ha dichiarato di aver fatto tutto da sola
Jacqueline de la Baume Dürrbach, Il cartone del Guernica esposto in Sala Zuccari, Palazzo Giustiniani, Roma
PICASSO

In mostra "Guernica icona di pace"

Alla Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani dal 18 dicembre al 5 gennaio 2018