DOMENICA 28 GIUGNO 2015, 10:50, IN TERRIS

GRECIA, DEFAULT DIETRO L'ANGOLO, MA IL PARLAMENTO APPROVA IL REFERENDUM

Dopo la rottura delle trattative la palla è in mano ai cittadini, che dai primi sondaggi non sembra vogliano un "Grexit"

CLAUDIA GENNARI
GRECIA, DEFAULT DIETRO L'ANGOLO, MA IL PARLAMENTO APPROVA IL REFERENDUM
GRECIA, DEFAULT DIETRO L'ANGOLO, MA IL PARLAMENTO APPROVA IL REFERENDUM
A 48 ore dall’ormai probabile default della Grecia e quindi la sua uscita dall’euro, il Parlamento ellenico ha approvato la richiesta del premier Alexis Tsipras di effettuare un referendum domenica prossima 5 luglio per ottenere l’avallo popolare a respingere l’ultima offerta avanzata dai creditori, Ue-Bce-Fmi e Esm. Il voto è arrivato nel corso di una seduta notturna dell’assemblea convocata proprio nel giorno della rottura dei negoziati a Bruxelles sulle nuove condizioni che i creditori internazionali vorrebbero imporre al Paese in cambio di un nuovo piano di aiuti.

Tsipras aveva chiuso il dibattito davanti all’assemblea chiedendo ai suoi connazionali di votare "no" al referendum di domenica per respingere quello che ha definito "l’insulto" ricevuto dai creditori. "Il momento della verità per loro è venuto, il momento di quando vedranno che la Grecia non si arrenderà, che la Grecia non è un gioco cui si può mettere fine. Sono certo che il popolo greco sarà all’altezza delle storiche circostanze ed emetterà un forte no all’ultimatum". "Non abbiamo voluto accettare la morte lenta dell’economia greca - aveva detto il capo del governo di Atene nel suo intervento -. In ogni caso la nostra volontà per individuare una soluzione percorribile sarà sempre sul tavolo. La Grecia non è semplicemente un turista nella Ue, è un membro con la stessa dignità e gli stessi diritti degli altri".

L’appello di Tsipras potrebbe però non essere recepito dagli stessi cittadini greci: da un primo sondaggio sulle intenzioni di voto realizzato dalla società demoscopica Alco emerge infatti che la maggioranza della popolazione sarebbe a favore di un nuovo piano di restrizioni pur di continuare ad avere in cambio gli aiuti economici. I sì sono accreditati del 57% dei consensi, contro il 29% di no, mentre il resto è di indecisi.

Con i deputati della sinistra radicale di Syriza hanno votato a favore del referendum quelli di estrema destra della formazione filo-nazista Alba Dorata. Contro la consultazioni i filo-europei di centro-destra di Nea Dimokratia, i socialisti del Pasok, i centristi di To Potami e i comunisti del KKE.

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Esempi di colture in una 'serra marziana' (fonte: Enea)
HORTEXTREME

Il primo "orto marziano" è Made in Italy

Ben 4 le prime verdure consegnate al Forum spaziale austriaco
 Rebecca Dykes, la vittima
LIBANO

Giallo sulla morte di una diplomatica britannica

Il cadavere della donna è stato rinvenuto lungo un'autostrada. E' stata strangolata
Igor il
SPAGNA

La confessione di Igor il "russo"

Ammessi i fatti contestati: usate 18 identità. Il killer ha accettato l'estradizione in Italia
Il luogo dell'esplosione
MOLOTOV CONTRO LA POLIZIA

S'indaga anche negli ambienti ultras

Il commissariato Prati gestisce il servizio d'ordine durante le partite all'Olimpico
Mattarella e il Papa
BUON COMPLEANNO FRANCESCO

Mattarella: "Auguri da tutti gli italiani"

Il Capo dello Stato: "Ha posto l'attenzione su persona e famiglia". Lo Judice: "Esempio per i giovani"
La locandina del film
STAR WARS

Il lato Chiaro e quello Oscuro de "Gli Ultimi Jedi"

Scelte coraggiose e azzardi, poesia ed errori pericolosi. Cosa pensiamo di Episodio VIII (SPOILER)