GIOVEDÌ 04 GIUGNO 2015, 12:10, IN TERRIS

GRECIA: CONTINUA IL NEGOZIATO. TSIPRAS: “SIAMO A UN PASSO DALL'ACCORDO”

Il vertice segna un passo avanti verso il raggiungimento di un'intesa

AUTORE OSPITE
GRECIA: CONTINUA IL NEGOZIATO. TSIPRAS: “SIAMO A UN PASSO DALL'ACCORDO”
GRECIA: CONTINUA IL NEGOZIATO. TSIPRAS: “SIAMO A UN PASSO DALL'ACCORDO”
Ancora di fatto non c'è un'intesa tra Grecia e creditori, ma lasciando la Commission Ue a tarda ora, Jeroen Dijsselbloem, il presidente dell'eurogruppo, fa sapere che quello di ieri "è stato un buon incontro" che proseguirà nei prossimi giorni. Altrettanto fiducioso è sembrato Tsipras: “Sono ottimista, siamo molto vicini ad un accordo, abbiamo una base su cui discutere e nei prossimi giorni faremo ulteriori progressi. Tra tutte le parti - ha aggiunto il premier greco – si è raggiunta un'intesa per mettere fine all'austerità e alle misure del passato, nessuno vuole più fare gli stessi errori”. E ha rassicurato sul pagamento della rata in scadenza venerdì.

Si entra nella fase finale del negoziato tra la Grecia e i suoi creditori. Un passaggio che non sembra presentarsi meno burrascoso dei precedenti ma che la scia intravedere uno spiraglio di speranza. Il primo ministro Tsipras era volato a Bruxelles con la sua proposta, per incontrare a cena il presidente Juncker che ha sul tavolo una controproposta messa a punto con Merkel, Hollande, Draghi e Lagarde. La pressione per raggiungere un'intesa - anche dalla Casa Bianca - è alta, visto che Atene minaccia di far scattare il default venerdì.

I creditori sono disposti a negoziare ma "deve essere un accordo forte", spiega il presidente della Bce, in quanto bisogna incontrare le esigenze dei greci che vogliono la crescita, dei creditori che vogliono far quadrare i conti e dei Governi dell'Eurozona che non vogliono 'sconti' speciali per Atene. Intanto le Borse europee vedono spiragli d'intesa e chiudono positive.

Nella cena di Bruxelles è stato coinvolto anche il presidente dell'Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem, non invitato ufficialmente per non urtare il premier ellenico con cui non corre buon sangue. Ma serve la voce di tutti i rappresentanti dei creditori per far avanzare il negoziato tecnico, e quindi Juncker si terrà in contatto anche con Bce ed Fmi. Sul tavolo ci sono ancora due proposte: quella greca, che per Atene contiene il massimo delle concessioni possibili e che i creditori giudicano insufficiente, e quella dei creditori che invece si può limare ancora, ma si cerca una convergenza.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Igor il
SPAGNA

Igor il "russo" accetta l'estradizione in Italia

Sarà consegnato dopo i processi per i tre omicidi commessi in territorio spagnolo
La locandina del film
STAR WARS

Il lato Chiaro e quello Oscuro de "Gli Ultimi Jedi"

Scelte coraggiose e azzardi, poesia ed errori pericolosi. Cosa pensiamo di Episodio VIII (SPOILER)
La tomba della regina Elena
IL RITORNO DEL RE

La salma di Vittorio Emanuele III è in Italia

Sarà sepolto a Vicoforte (Cuneo). Emanuele Filiberto: "Dovrebbe riposare al Pantheon"
Vittorio Emanuele III

Il ritorno del Re

Vittorio Emanuele III tornerà dall'esilio e la sua salma sarà trasferita da Alessandria...
L’albero di Natale Prosecco Doc a Venezia
FEDERALBERGHI

Tra Natale e Capodanno 15 milioni di italiani in viaggio

Il giro d’affari complessivo sarà di 9,9 miliardi di euro
Reliquia della Beata Anna Maria Adorni
VATICANO

Presentato il nuovo documento sulle reliquie

Pubblicato dalla Congregazione delle Cause dei Santi