LUNEDÌ 26 SETTEMBRE 2016, 10:30, IN TERRIS

GIORDANIA, SCRITTORE ASSASSINATO PER UNA VIGNETTA BLASFEMA

Hattar era stato fermato il mese scorso, con l'accusa di avere condiviso su Facebook una vignetta considerata offensiva per i musulmani

EDITH DRISCOLL
GIORDANIA, SCRITTORE ASSASSINATO PER UNA VIGNETTA BLASFEMA
GIORDANIA, SCRITTORE ASSASSINATO PER UNA VIGNETTA BLASFEMA
Nahed Hattar, scrittore e vignettista giordano ateo, ma di origini cristiane, è stato barbaramente ucciso con tre colpi di arma da fuoco davanti a un tribunale del centro di Amman, dove doveva comparire per avere pubblicato una vignetta considerata blasfema per l'Islam. Le sue opere, infatti, sono state sempre molto criticate perché ritenute offensive nei confronti dei musulmani.

Hattar era stato fermato il mese scorso, con l'accusa di avere condiviso su Facebook una vignetta considerata offensiva per i musulmani. Dopo essere stato interrogato, lo scrittore era rimasto in carcere con l'accusa di "razzismo e settarismo", secondo l'agenzia ufficiale giordana Petra. Abdullah Abul-Ghanam, il pm che si occupava del caso, lo aveva inoltre incriminato per "insulto alla religione", essendo proibito di "pubblicare materiale, immagini o disegni con l'intenzione di colpire i sentimenti religiosi e la fede".

La vignetta incriminata si intitola "in Paradiso..." ed è un duro attacco contro i jihadisti dell'Isis, accusati di volere un paradiso con Dio al loro servizio. Un uomo - un combattente dell'Isis - si trova a letto con due donne in una lussuosa tenda, e Dio si affaccia dall'esterno, chiedendogli: "Buona giornata, Abu Saleh, hai bisogno di qualcosa?". Il jihadista risponde: "Sì Signore, mi porti un altro bicchiere di vino e chieda a Jibril (l'arcangelo Gabriele) di portarmi noccioline. Dopo, mi mandi un servitore eterno per pulire il pavimento e sparecchiare insieme a lei".

Hattar, per tentare di sdrammatizzare e placare le numerose critiche piovute dopo la pubblicazione della vignetta, aveva spiegato su Facebook che non intendeva offendere i musulmani, ma semplicemente far capire come l'Isis "vede Dio e il Paradiso".

 

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Milano, il parco di Villa Litta
CHOC A MILANO

Donna trovata morta a Villa Litta

La 67enne presentava una profonda ferita alla gola: si sospetta un omicidio
Un buco nero
TEORIE SCIENTIFICHE

Nuovo studio rivela: non esiste la materia oscura

La comunità scientifica si divide: tanti i dubbi e le polemiche
Paolo Gentiloni
VITERBO | RIQUALIFICAZIONE PERIFERIE

Gentiloni firma la convenzione: "E' la fase 2"

Il premier nella città laziale, bando da 22 milioni con il Comune: "Importante investire"
La Euyo, l'Orchestra Giovanile Europea
BREXIT

L'Orchestra Giovanile Europea si trasferisce a Ferrara

E' la prima istituzione culturale a lasciare Londra a causa dell'uscita del Regno Unito dalla Ue
VERCELLI

Maltrattamenti all'asilo: tre maestre ai domiciliari

Gli arresti arrivati nell'ambito dell'operazione "Tutti giù per terra", avviata a maggio
Mdp

Rotture

Rottura definitiva in queste ore, tra il Pd e i fuorusciti bersianiani. Sarà dunque impossibile costruire una...
Facebook
INSERZIONI PERICOLOSE

Nuove accuse a Facebook

Secondo ProPublica il social network non farebbe abbastanza per bloccare gli spot discriminatori
Una scena di violenza in Congo
I VESCOVI DEL CONGO

"Ambiguità nelle leggi che regolano le libertà"

Secondo il rapporto della Cenco sono stati uccisi decine di manifestanti negli ultimi mesi