VENERDÌ 23 FEBBRAIO 2018, 03:39, IN TERRIS

SIRIA

Ghouta, 400 civili morti sotto i bombardamenti

Saltato l'accordo per il 'cessate il fuoco', la situazione a Duma e dintorni resta drammatica

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Siria, bombe sulla città
Siria, bombe sulla città
N

on ci sarà, almeno per ora, l'auspicato "cessate il fuoco" per fermare il massacro della Ghouta, in Siria: la bozza di risoluzione, proposta in Consiglio di sicurezza da Svezia e Kuwait con l'appoggio degli Stati Uniti, ha incontrato la bocciatura da parte della Russia, la quale ha così vanificato i tentativi di un accordo che avrebbe potuto far momentaneamente tacere le armi. Va da sé che la situazione nella Ghouta orientale, dove sono in corso continui e pesanti bombardamenti governativi che hanno messo in ginocchio la popolazione civile anche a causa delle pesantissime perdite subite in termini di vite umane.


Numeri tragici

E' da quasi una settimana che lo sganciamento di ordigni sull'intera area (occupata da numerosi gruppi ribelli facenti capo a diversi Paesi, come l'Arabia Saudita e la Turchia stessa) prosegue in modo tassativo: al momento, secondo quanto riferito dall'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus), sarebbero almeno 400 il numero delle persone civili (21 solo nella giornata del 22 febbraio) che sono rimaste uccise sotto le bombe. Tra queste, è stato spiegato, vi sarebbero almeno 94 minori, fra bambini e adolescenti. Particolarmente intensi i bombardamenti nella Ghouta orientale, non lontano dalla capitale Damasco: nella cittadina di Duma, l'ultimo raid ha provocato la morte di 13 persone.


Inferno a Duma

L'ultima offensiva, messa in atto con dei razzi, si è concentrata proprio su Duma, il centro più importante della regione e distante non più di 15 chilometri da Damasco. A ogni modo, negli ultimi 5 giorni, l'intenso fuoco governativo aveva colpito anche altri centri, andando a toccare con violenza gli obiettivi più disparati: nella giornata di ieri, un sanitario di Medici senza frontiere ha spiegato che la struttura presso la quale stava lavorando è stata più volte colpita, così come altri 12 ospedali nell'arco di una mattinata: "Le strutture supportate dall'organizzazione - ha sottolineato Msf in un comunicato - hanno terminato completamente le scorte di sacche di sangue, anestetici e antibiotici endovenosi, fondamentali per i principali interventi chirurgici". L'ennesima riprova di come la situazione umanitaria nella Ghouta sia ormai giunta ben al di fuori dei limiti del concepibile, fra massacri di civili e conseguente difficoltà (enorme) per i corridoi umanitari.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Mario Sossi durante il rapimento
MAGISTRATURA

E' morto il giudice Mario Sossi: fu rapito dalle Br

Pubblico ministero nel processo alla XXII Ottobre: il suo sequestro durò oltre un mese
Il vertice di maggioranza
GOVERNO

Manovra, braccio di ferro sulle microtasse

Frizione Italia Viva-Pd, sospeso il vertice. Bellanova: "Con plastic e sugar tax si rischia il disastro occupazionale"
Pedoni solitari
53° RAPPORTO CENSIS

Italiani sempre più ansiosi e dipendenti da smartphone

Lo scenario politico odierno è affollato da "non decisioni"
Bimba in lacrime al nido
VARESE

Maltratta i bimbi e si apparta col compagno: maestra sospesa

"Guardati, fai schifo", "piangi che così ti passa" sono le frasi rivolte alle piccole vittime del...
Volontarie della croce rossa e personale ospedaliero
SALUTE

Firmato accordo tra Croce rossa e Campus bio-medico

Le crocerossine, con la loro attività di volontariato, supporteranno l’attività infermieristica
Un bambino migrante
MIGRANTI

Quasi 6500 minori non accompagnati vivono in centri d’accoglienza

Unicef: "Altri 5000 giovani migranti e rifugiati arrivati nel nostro Paese soli sono irreperibili"
Parte del manifesto blasfemo apparso a Bologna

Un'offesa alla Mamma Celeste

A Bologna, una festa universitaria diventa blasfema
Donald Trump
KIEVGATE

Via libera all'impeachment: cosa rischia Trump

L'annuncio della speaker Nancy Pelosi ha mandato su tutte le furie il presidente. Ma c'è lo scoglio del Senato
Concilio Vaticano II

Pietro non fa politica

La tentazione è vecchia di due millenni: cercare di tirare la bianca veste verso una parte,...
Palazzo Chigi
GOVERNO

Manovra, salta l'intesa in Cdm

Ok alla riforma del processo civile ma Italia viva fa muro su sugar e plastic tax. Conte: "L'esecutivo va avanti"
AFRICA

Ecco chi sono le 14 persone rapite dall'Isis

La notizia è stata diffusa dal Site
L'elemosiniere di Sua Santità, Konrad Krajewski, e Andrea Riccardi, fondatore della Comunità di Sant'Egidio, mentre accolgono i 33 profughi provenienti da Lesbo a Roma Fiumicino - Foto © Sir
CHIESA IN USCITA

L'elemosiniere del Papa: "Se aprissimo le nostre parrocchie, a Lesbo non ci sarebbero più profughi"

Parla il cardinale Krajewski, giunto a Fiumicino ad accogliere 33 rifugiati