VENERDÌ 03 APRILE 2015, 13:17, IN TERRIS

GERMANWINGS, QUELLO DI LUBITZ FU UN ATTO PREMEDITATO

Nei giorni prima dello schianto il copilota si era informato sul web sui metodi di suicidio e sulle porte di sicurezza della cabina

CLAUDIA GENNARI
GERMANWINGS, QUELLO DI LUBITZ FU UN ATTO PREMEDITATO
GERMANWINGS, QUELLO DI LUBITZ FU UN ATTO PREMEDITATO
Continuano le indagini sul volo Germanwings che si è schiantato lo scorso 24 marzo. Ieri è stata ritrovata la seconda scatola nera, scavando in un burrone, fatto importante per gli inquirenti che, nonostante le cattive condizioni del dispositivo, sperano di ricavare nuove informazioni dalla sua decodifica, utili a fare completa chiarezza su quanto accaduto. Il dispositivo è stato inviato nei laboratori Bea (Ufficio inchieste e analisi) di Roissy, vicino Parigi. il responsabile delle indagini ha aggiunto che questa seconda scatola nera consentirà di “constatare che a partire da un certo momento un solo pilota agisce nella cabina di pilotaggio”, ma anche la velocità, l’altitudine, il regime del motore e l’azione dei piloti durante gli ultimi minuti di volo.

Il copilota Lubitz, responsabile di aver fatto precipitare volontariamente il volo, cercò nei giorni prima della tragedia, informazioni online su metodi suicidi e sulle porte di sicurezza delle cabine di pilotaggio. La ricostruzione emerge da un tablet trovato nella sua casa. Inoltre, il procuratore di Marsiglia ha dichiarato che l’uomo ha “azionato due volte i comandi per evitare un’allerta, ed era quindi cosciente”. La prima scatola nera, recuperata il giorno dopo il disastro, era il cosiddetto “voice recorder”, contenente le registrazioni audio di quanto avvenuto nella cabina di pilotaggio, il cui ascolto ha consentito di arrivare a una ricostruzione di massima degli ultimi minuti del volo. La seconda scatola nera, con i parametri di volo, potrebbero confermare o meno l’ipotesi di azione volontaria da parte di Andreas Lubitz.

Continua intanto il mistero del video estrapolato da un cellulare di una vittima che sarebbe stato visionato dal Paris Match, esistenza confermata dalla testata tedesca Bild, ma smentita dalla procura di Marsiglia. Da quanto si riesce a capire dal filmato non ci sono dubbi sulla consapevolezza che i passeggeri fossero consapevoli di quanto stava accadendo. Scetticismo sull’autenticità del video è stato espresso anche da Lufthansa, che ritiene impossibile che il cellulare possa essere uscito intatto dallo schianto. Infatti sul luogo del disastro sono stati recuperati 40 telefoni cellulari, ma le loro condizioni ne renderanno l’utilizzo ai fini delle indagini “molto difficile”, ha detto il generale Galtier, uno dei responsabili delle ricerche.

Intanto sono stati isolati tutti i profili Dna dei 150 passeggeri, ha aggiunto il procuratore, ma ha precisato che per compararli con i prelievi sui familiari delle vittime ci vorranno tra le 3 e le 4 settimane, e il lavoro “potrà cominciare dall’inizio della settimana prossima”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Igor il
SPAGNA

Igor il "russo" accetta l'estradizione in Italia

Sarà consegnato dopo i processi per i tre omicidi commessi in territorio spagnolo
La locandina del film
STAR WARS

Il lato Chiaro e quello Oscuro de "Gli Ultimi Jedi"

Scelte coraggiose e azzardi, poesia ed errori pericolosi. Cosa pensiamo di Episodio VIII (SPOILER)
La tomba della regina Elena
IL RITORNO DEL RE

La salma di Vittorio Emanuele III è in Italia

Sarà sepolto a Vicoforte (Cuneo). Emanuele Filiberto: "Dovrebbe riposare al Pantheon"
Vittorio Emanuele III

Il ritorno del Re

Vittorio Emanuele III tornerà dall'esilio e la sua salma sarà trasferita da Alessandria...
L’albero di Natale Prosecco Doc a Venezia
FEDERALBERGHI

Tra Natale e Capodanno 15 milioni di italiani in viaggio

Il giro d’affari complessivo sarà di 9,9 miliardi di euro
Reliquia della Beata Anna Maria Adorni
VATICANO

Presentato il nuovo documento sulle reliquie

Pubblicato dalla Congregazione delle Cause dei Santi