LUNEDÌ 08 GIUGNO 2015, 18:30, IN TERRIS

G7, OBAMA AVVERTE PUTIN: "CONTRASTEREMO L'AGGRESSIONE A KIEV"

Tra gli altri temi trattati l'accelerazione di un libero mercato tra Usa e Ue, il clima e le economie mondiali

CLAUDIA GENNARI
G7, OBAMA AVVERTE PUTIN:
G7, OBAMA AVVERTE PUTIN: "CONTRASTEREMO L'AGGRESSIONE A KIEV"
Si è concluso il G7 nel castello bavarese. Sembra proprio che i leader si siano accordati per dare un’accelerazione di libero scambio tra Ue e Usa, il cosiddetto “Ttip” (Trattato transatlantico sul commercio e gli investimenti). “Accelereremo immediatamente il lavoro su tutti i temi Ttip”, si legge in un passaggio della bozza del documento finale del vertice in Germania, “con l’obiettivo” di arrivare a un accordo “il più presto possibile, preferibilmente entro la fine dell’anno”. Ma la padrona di casa Angela Merkel frena l’entusiasmo, ricordando che bisogna “essere consapevoli che ci sono punti difficili da concordare” per entrambe le parti.

L’accordo tra Usa e Europa dovrebbe allargare l’accesso dell’Ue nel mercato americano, ma non indebolire gli standard comunitari né il diritto di disciplinare l’interesse pubblico. Ma non tutti sono d’accordo. Il testo è fortemente contestato dalla sinistra unitaria, dai Verdi e dagli euroscettici, compresi gli europarlamentari grillini. Motivo al centro dello scontro è la mancanza di un esplicito pronunciamento contro i contestatissimi Isds, ovvero gli arbitrati internazionali privati, accusati di minacciare la democrazia e la sovranità degli Stati.

Altro tema caldo affrontato durante il G7 è stata la situazione Ucraina. Il presidente degli Usa, Barack Obama, e il capo di Stato francese Francois Hollande si sono dichiarati d’accorso sul fatto che le sanzioni alla Russia debbano rimanere finchè Mosca non applicherà a pieno i trattati di Minsk, finora ripetutamente violati da entrambe le parti. I due, riferisce la Casa Bianca, a margine del summit hanno discusso anche di clima, commercio, lotta all’Isis e della necessità che la comunità internazionale sia unita sul dossier nucleare iraniano.

Parlando dei temi economici emersi al G7, la Merkel nella conferenza stampa di chiusura ha spiegato che “la ripresa c’è e tutti i paesi del G7 sono in crescita quest’anno”. Il comunicato, precisa che la ripresa procede, e il calo dei prezzi dell’energia sta avendo effetti positivi su molte delle economie. Ma molte operano ancora sotto il loro potenziale e c’è molto lavoro ancora da fare per una crescita sostenibile e bilanciata. Resta l’allarme lavoro: “I tassi di disoccupazione sono ancora troppo elevati anche se ci sono stati consistenti miglioramenti negli ultimi anni”, si scrive nel comunicato. Altri problemi che il summit ha identificato sono "bassi tassi di inflazione da tempo, domanda debole e bassa attività di investimento, alti livelli di indebitamento pubblico e privato, continui squilibri a livello interno ed esterno, tensioni geopolitiche e volatilità sui mercati finanziari". Il G7 rinnova l'impegno a risolvere questi punti negativi e a continuare gli sforzi perchè la crescita "sia per tutti".

I leader del G7 hanno superato anche le divisioni sul clima, tema su cui Angela Merkel ha fatto molta pressione in questi giorni a Elmau. Per la cancelliera tedesca, era fondamentale che venisse inserito nel documento finale un passaggio dedicato al contenimento di due gradi della temperatura globale. L’obiettivo è stato raggiunto, nonostante sembra che Giappone e Canada abbiano fatto resistenza.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"
Arte sacra, Calabria
ARTE SACRA

La Calabria della fede raccontata in un libro

Il volume raccoglie 173 santuari in altrettante schede con contenuti iconografici, bibliografici e archivistici
Il ciclista Chris Froome
CICLISMO

Chris Froome positivo al doping

Trovate tracce superiori al consentito di salbutamolo. Ad annunciarlo l'Uci
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"
Recep Tayyip Erdogan
CAOS GERUSALEMME

Erdogan al vetriolo: "Israele terrorista"

Il presidente turco apre il vertice dell'Oic: "La Città santa sia capitale della Palestina"