GIOVEDÌ 02 MARZO 2017, 17:20, IN TERRIS

Francia, i medici chiedono l'eutanasia per una bimba di 15 mesi

MANUELA PETRINI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Francia, i medici chiedono l'eutanasia per una bimba di 15 mesi
Francia, i medici chiedono l'eutanasia per una bimba di 15 mesi
Il Consiglio di Stato di Parigi, la più alta istanza della giurisdizione amministrativa nell'ordinamento francese, è chiamato oggi a decidere sulla situazione della piccola Marwa Bouchenafa, una bimba di 15 mesi mantenuta in vita artificialmente in un ospedale di Marsiglia, dove è ricoverata dallo scorso 25 settembre dopo aver contratto un raro enterovirus che le ha causato danni neurologici che i medici hanno descritto come "gravi e definitivi".

I medici: "Staccate la spina"


Per il personale medico la situazione di Marwa è irreversibile e sostengono che non ci sia nulla da fare. Per questo vorrebbero "staccare la spina" dei macchinari che la tengono in vita. Ma a lottare accanto alla piccola ci sono i suoi genitori che si sono opposti fin da subito all'ipotesi di lasciar morire la loro bambina. "Non perdiamo la speranza", ripetono da mesi. Per salvare Marwa dalla morte si sono rivolti al Tribunale amministrativo di Marsiglia, che ha dato loro ragione. Però il personale medico ha deciso di portare il caso davanti al Consiglio di Stato di Parigi, parlando di una "irragionevole ostinazione" dei genitori della piccola. Secondo il parere dei dottori, Marwa ha subito danni irreversibili al cervello, sarà per sempre costretta a letto e per vivere dovrà essere costantemente attaccata a dei respiratori e ai sondini per alimentarsi.

#jamaissansmarwa


I genitori di Marwa, Mohamed e Anissa Bouchenafa, non si rassegnano al parere dei medici e, nei mesi scorsi, hanno anche diffuso alcuni video dove si vede che la piccola è sveglia. Inoltre la famiglia algerina creò una petizione online per chiedere l'estensione delle cure per la loro figlia. L'appello lanciato sulla pagina Facebook Jamais sans Marwa, raccolse più di 70 mila firme.

Solidarietà dal web e non solo


Per aiutare la famiglia algerina a sostenere le spese legali è stata anche fatta una raccolta fondi dalla quale sono arrivati 8 mila euro. Inoltre, durante la finale di Coppa di Francia tra Marsiglia e As Monaco, i tifosi del Marsiglia hanno esposto uno striscione dove campeggiavano due grandi cuori e la scritta "Jamais sans Marwa". La pagina Facebook al momento ha superato i 93 mila iscritti, mentre sulla piattaforma change.org, la petizione lanciata dai genitori per impedire ai medici di staccare il respiratore, ha superato le 243 mila firme.

La storia di Marwa


Marwa, lo scorso settembre, ha contratto una rara forma di un enterovirus che le ha causato gravi danni neurologici. Vive grazie alla respirazione artificiale ed alimentata grazie ad un sondino. Gli esperti dell'ospedale di Marsiglia affermano che è impossibile capire se soffra o meno, che le sue condizioni sono irreversibili e che anche il funzionamento del cervello è stato compromesso. Per loro mantenerla in vita significherebbe accontentare solo "l'irragionevole ostinazione" dei genitori. Per dimostrare che i medici sono in torto, la famiglia algerina ha pubblicato diverse foto e video che ritraggono la piccola nel suo letto d'ospedale. In un filmato dello scorso 22 febbraio, si vede Marwa rispondere agli stimoli vocali delle madre e mentre fa "l'occhiolino al padre".
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Un pompiere
TREZZANO SUL NAVIGLIO (MILANO)

Incendio in un capannone, due feriti gravi

Ustionati tre operai, due in codice rosso. Sono i dipendenti di una ditta che lavora cannabis legale
La cantante Emma Marrone al Festival di Sanremo 2013
CANTANTI

Emma Marrone si ferma: "Devo affrontare un problema di salute"

La vicinanza dei colleghi, da Pausini a Nek: "Forza, siamo tutti con te"
Frame di uno dei video che riprende un oggetto volante non identificato - Video © U.S. Department of Defense
EXTRATERRESTRI

Gli Ufo esistono: parola della Marina Usa

Le prove nei filmati diffusi tra il 2017 e il 2018 dal New York Times
I disordini a Torino del 9 febbraio - Foto La Stampa
TORINO

Operazione della Digos contro anarchici: due arresti e 37 indagati

I divieti di dimora sono undici, anche cittadini stranieri. La sera della protesta fermate già undici persone
Staff dell'Oim in Libia - Foto © Organizzazione mondiale per le migrazioni
IMMIGRAZIONE

Libia: migrante in fuga ucciso con un colpo di arma da fuoco

L'uomo, di origini sudanesi, faceva parte di un di persone riportate a terra dalla Guardica costiera Libica
Washington. Transenne nella zona di Columbia Heights
USA

Spari a Columbia Heights: paura a Washington

Ancora non chiara la dinamica, i colpi esplosi non lontano dalla Casa Bianca. Almeno un morto e sei feriti, due gravi
Papa Francesco con un bambino malato - Foto © L'Eco di San Gabriele

Chi ha paura di Papa Francesco?

Se i social fossero uno specchio veritiero della realtà, dovrebbe esserci uno scisma al giorno. E invece,...
Roma-Basaksehir 4-0. Nicolò Zaniolo esulta dopo aver siglato il tris giallorosso - Foto © Twitter
EUROPA LEAGUE

Roma sul velluto, Basaksehir affondato: 4-0

All'Olimpico apre un'autorete di Caiçara, poi Dzeko, Zaniolo e Kluivert. La Lazio cade a Cluj
L'ex presidente Ben Ali
TUNISIA

Ben Ali, il presidente deposto dalla Primavera araba

Al potere dall'87 al 2011, quando la rivoluzione popolare lo destituì: l'ex presidente è morto in Arabia...
Palazzo Chigi, sede della Presidenza del Consiglio
GOVERNO

Consiglio dei ministri approva il "decreto cybersecurity"

Introdotto il "golden power" a garanzia del mercato azionario italiano. Assente il dl del ministro Costa
Tor Bella Monaca (Foto-Cgil Roma Rieti)
PERIFERIE

Tor Bella Monaca: famiglia di rom mandata via da una protesta

Il nucleo di quattro persone era legittimo assegnatario di un alloggio popolare, ora potrebbe rinunciare
Rider
L'INCHIESTA

Milano, la Procura indaga sul giro dei riders

Sotto la lente degli inquirenti le ipotesi di presunto caporalato e possibile violazione degli standard di sicurezza