GIOVEDÌ 02 MARZO 2017, 17:20, IN TERRIS

Francia, i medici chiedono l'eutanasia per una bimba di 15 mesi

MANUELA PETRINI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Francia, i medici chiedono l'eutanasia per una bimba di 15 mesi
Francia, i medici chiedono l'eutanasia per una bimba di 15 mesi
Il Consiglio di Stato di Parigi, la più alta istanza della giurisdizione amministrativa nell'ordinamento francese, è chiamato oggi a decidere sulla situazione della piccola Marwa Bouchenafa, una bimba di 15 mesi mantenuta in vita artificialmente in un ospedale di Marsiglia, dove è ricoverata dallo scorso 25 settembre dopo aver contratto un raro enterovirus che le ha causato danni neurologici che i medici hanno descritto come "gravi e definitivi".

I medici: "Staccate la spina"


Per il personale medico la situazione di Marwa è irreversibile e sostengono che non ci sia nulla da fare. Per questo vorrebbero "staccare la spina" dei macchinari che la tengono in vita. Ma a lottare accanto alla piccola ci sono i suoi genitori che si sono opposti fin da subito all'ipotesi di lasciar morire la loro bambina. "Non perdiamo la speranza", ripetono da mesi. Per salvare Marwa dalla morte si sono rivolti al Tribunale amministrativo di Marsiglia, che ha dato loro ragione. Però il personale medico ha deciso di portare il caso davanti al Consiglio di Stato di Parigi, parlando di una "irragionevole ostinazione" dei genitori della piccola. Secondo il parere dei dottori, Marwa ha subito danni irreversibili al cervello, sarà per sempre costretta a letto e per vivere dovrà essere costantemente attaccata a dei respiratori e ai sondini per alimentarsi.

#jamaissansmarwa


I genitori di Marwa, Mohamed e Anissa Bouchenafa, non si rassegnano al parere dei medici e, nei mesi scorsi, hanno anche diffuso alcuni video dove si vede che la piccola è sveglia. Inoltre la famiglia algerina creò una petizione online per chiedere l'estensione delle cure per la loro figlia. L'appello lanciato sulla pagina Facebook Jamais sans Marwa, raccolse più di 70 mila firme.

Solidarietà dal web e non solo


Per aiutare la famiglia algerina a sostenere le spese legali è stata anche fatta una raccolta fondi dalla quale sono arrivati 8 mila euro. Inoltre, durante la finale di Coppa di Francia tra Marsiglia e As Monaco, i tifosi del Marsiglia hanno esposto uno striscione dove campeggiavano due grandi cuori e la scritta "Jamais sans Marwa". La pagina Facebook al momento ha superato i 93 mila iscritti, mentre sulla piattaforma change.org, la petizione lanciata dai genitori per impedire ai medici di staccare il respiratore, ha superato le 243 mila firme.

La storia di Marwa


Marwa, lo scorso settembre, ha contratto una rara forma di un enterovirus che le ha causato gravi danni neurologici. Vive grazie alla respirazione artificiale ed alimentata grazie ad un sondino. Gli esperti dell'ospedale di Marsiglia affermano che è impossibile capire se soffra o meno, che le sue condizioni sono irreversibili e che anche il funzionamento del cervello è stato compromesso. Per loro mantenerla in vita significherebbe accontentare solo "l'irragionevole ostinazione" dei genitori. Per dimostrare che i medici sono in torto, la famiglia algerina ha pubblicato diverse foto e video che ritraggono la piccola nel suo letto d'ospedale. In un filmato dello scorso 22 febbraio, si vede Marwa rispondere agli stimoli vocali delle madre e mentre fa "l'occhiolino al padre".
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Un robot in esposizione alla fiera di Roma - Foto © Maker Faire Rome
NUOVE FRONTIERE

Idee per le aziende 4.0

In fiera a Roma l'innovazione tecnologica che cambia l’economia
Migranti al porto
MIGRANTI

In Ottobre sbarcate in Italia 762 persone

Viminale: da inizio anno sono 8.395 i migranti giunti sulle nostre coste
Bimbo davanti al pc
FIRENZE

Un "patentino digitale" contro i pericoli del web

Pensato per gli studenti delle scuole secondarie di primo grado e i loro familiari
Carabinieri
CAMPANIA

Camorra: 23 arresti ad Avellino

Smantellato il clan Partenio, l'operazione ha visto impegnati 250 militari dell'Arma
Bambino indigeno
SINODO AMAZZONIA

Focsiv, incontro a Roma con i leader dei popoli indigeni

"Difendere l’Amazzonia è difendere il diritto allo sviluppo umano integrale"

A quando l'Europa leader mondiale!

Dopo gli attacchi sferrati in questi ultimi anni contro la Unione Europea da parte degli euroscettici quando non da...
Le scarpe rosse, simbolo della protesta contro i maltrattamenti sulle donne
VIOLENZA SULLE DONNE

Lei lo vuole lasciare, lui la picchia a sangue

Massacra di botte la compagna, arrestato un moldavo nel Ferrarese. Boom di casi sommersi
Hevrin Khalaf, l'attivista siriana uccisa in un agguato nel nord-est della Siria
VICINO ORIENTE

Siria, uccisa l'attivista Khalaf

Morto anche un giornalista non lontano dal fronte. Si teme un ritorno dell'Isis
Un momento delle proteste degli ultimi giorni per le strade di Quito - Foto © AFP
AMERICA LATINA

Ecuador, i giorni degli scontri

Clima di guerra nelle strade di Quito. Si cerca la via del dialogo fra il presidente Moreno e i leader indigeni
Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte - Foto © AFP
POLITICA

Zanda (Pd): "Il premier chiarisca sul Russiagate"

In attesa della sua audizione al Copasir, nella maggioranza si chiede a Giuseppe Conte di "rassicurare l'opinione...
Foto di repertorio - Foto © Corriere Etneo
LA TRAGEDIA

Incidente stradale, morti quattro giovani

L'auto si schianta contro un guardrail nel Catanese. Il gruppo ritornava da una serata in discoteca
EMERGENZE DIMENTICATE

Senza sicurezza lavorare uccide

Nella 69° Giornata per le vittime del lavoro, manifestazioni e convegni per fermare la “strage silenziosa”