VENERDÌ 29 MAGGIO 2015, 19:15, IN TERRIS

FRANCIA E GERMANIA TENDONO LA MANO ALLA GRECIA: NON USCIRA' DALL'EURO

Dopo una conference call tra Merkel e Hollande i capi di Stato hanno offerto aiuto per arrivare a una soluzione

AUTORE OSPITE
FRANCIA E GERMANIA TENDONO LA MANO ALLA GRECIA: NON USCIRA' DALL'EURO
FRANCIA E GERMANIA TENDONO LA MANO ALLA GRECIA: NON USCIRA' DALL'EURO
“Angela Mekel e Francois Hollande hanno offerto aiuto alla Grecia”. Dopo le dichiarazioni della numero uno del Fondo monetario internazionale (Fmi), Christine Lagarde, sulla possibilità di un’uscita di Atene dall’euro, la tanto temuta Grexit, poi corrette attribuendole a un errore di traduzione, oggi a prendere posizione è il fronte dei Paesi che intendono invece tentare ogni strada per far sì che il Paese non abbandoni l’Eurozona. Con tutte le conseguenze per i creditori e per gli altri Stati “deboli” dell’area, a partire da Italia e Spagna. Il portavoce del governo tedesco Steffen Seibert ha fatto sapere che la Cancelliera e il presidente francese, nella conference call di giovedì sulla crisi greca, hanno proposto aiuto per arrivare a una soluzione che permetta che “Atene resti nell’euro”.  Quanto alle parole di Lagarde, “non partecipiamo a speculazioni”, ha detto Seibert. Che ha però risposto all’affermazione secondo cui gli Stati europei dovrebbero “dare più ossigeno ai greci”: “C’è sempre stata flessibilità da parte dei partner dell’eurozona e ci sono state delle proroghe”, ha ricordato.

Sulla stessa linea il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker, che ha confermato: “Stiamo lavorando su un unico scenario: tenere la Grecia nell’area euro”. E il nodo delle trattative “sarà risolto nei prossimi giorni o nelle prossime settimane”. Ma il tempo stringe, perché il 5 giugno il governo Tsipras deve rimborsare all’Fmi 305 milioni di euro. Soldi che in questo momento nelle casse elleniche non ci sono, dopo che il 12 maggio, per ripagare la rata precedente, il Paese ha utilizzato riserve depositate presso la stessa istituzione di Washington. Secondo indiscrezioni, però, c’è la possibilità di un accorpamento di tutte le scadenze di giugno in una “maxi-rata” da ripagare a fine mese, in modo da guadagnare tempo per procedere con il negoziato.

Dal G7 di Dresda è intervenuto ancora sulla situazione anche il segretario al tesoro Usa, Jacob Lew, che due giorni fa aveva chiesto a tutte le parti in causa di “fare un passo indietro” e risolvere la situazione. “È possibile che il 5 giugno non sia una scadenza cruciale per la Grecia”, ha detto, ma arriverà il momento in cui Atene “non sarà in grado di pagare i debiti”. Per cui lo stallo “deve essere risolto al più presto” e la Grecia deve presentare un “piano credibile”. In vista, ha aggiunto, ci sono comunque “trattative difficili”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Arte sacra, Calabria
ARTE SACRA

La Calabria della fede raccontata in un libro

Il volume raccoglie 173 santuari in altrettante schede con contenuti iconografici, bibliografici e archivistici
Il ciclista Chris Froome
CICLISMO

Chris Froome positivo al doping

Trovate tracce superiori al consentito di salbutamolo. Ad annunciarlo l'Uci
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"
Dia
CAMORRA

Arrestate quattro donne nel napoletano

L'accusa nei loro confronti è di delitto di ricettazione aggravata
Donna abusata

Stupri: chi non condanna è complice

Un nuovo efferato stupro ai danni di una donna italiana. Legata con filo telefonico, è stata violentata ad Asti...
Emmanuel Macron durante il summit (foto di ansa.it)
CLIMA

Macron: "Stiamo perdendo la battaglia"

Il presidente francese ha aperto lo "One Planet Summit" di Parigi. "Non dobbiamo sbagliare"
Rex Tillerson
CRISI COREANA

Tillerson apre a Pyongyang

Il segretario di Stato: "Disponibili a colloqui ma serve un periodo di tranquillità"
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo