GIOVEDÌ 16 MAGGIO 2019, 16:51, IN TERRIS


IL CASO

Filippine e Canada ai ferri corti per la spazzatura

Manila richiama l'ambasciatore. Da 5 anni chiede a Ottawa di riprendersi un carico di rifiuti

ALBERTO TUNO
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Il presidente filippino Duterte
Il presidente filippino Duterte
C'

è chi la chiama già la "guerra dei rifiuti". Da una parte il Canada, dall'altra le Filippine, nel mezzo 100 container carichi di spazzatura spediti 5 anni fa nello Stato insulare ed erroneamente definiti dal mittente canadese "residui di plastica". Erroneamente perché, in realtà, al loro interno si trova di tutto: rifiuti domestici, bottiglie, buste e persino pannoloni per adulti. 


Via lambasciatore

Dal 2014 Manila chiede vanamente alla controparte di riprendersi il carico. Così la disfida si è spostato sul piano diplomatico, con l'ultimo atto: il richiamo del personale diplomatico filippino (ambasciatore compreso) dal Canada. Per tutti, l'ordine è perentorio: "Prendete il primo aereo" e tornate a casa. In un tweet il ministro degli Esteri filippino, Teodoro Locsin jr ha spiegato che "il Canada non ha rispettato la deadline del 15 maggio. Manterremo una rappresentanza diplomatica ridotta in Canada fino a quando la spazzatura non tornerà lì". Quindi, ai funzionari si è rivolto in maniera lapidaria: "Avete i vostri ordini. Siete richiamati. Salite sul primo aereo".


La querelle

Il presidente delle Filippine, Rodrigo Duterte, aveva fissato l'ultimatum per il 15 maggio. Entro tale data, il Canada avrebbe dovuto riprendersi i rifiuti. In caso di mancata risposta, aveva avvertito Duterte, sarebbe esploso un caso diplomatico. E così è stato. Inizialmente il Canada aveva assunto l'impegno di farsi carico delle spese per il recupero della spazzatura. Ieri, però, il governo delle Filippine ha ricevuto da Ottawa una comunicazione relativa ad un ''leggero ritardo'' legato a procedure burocratiche. Manila non ha voluto sentire ragioni e l'ambasciatore è stato richiamato. "Più si ritarda, più persone torneranno indietro", ha detto Salvador Panelo, portavoce di Duterte. "L'atto di richiamare" l'ambasciatore "dimostra quanto sia seria la richiesta affinché si riprendano i rifiuti. In alternativa, siamo pronti a interrompere i rapporti con loro". 


La versione di Ottawa

Il Canada ha sempre sostenuto che l'invio dei rifiuti sia stato il risultato di una transazione privata, senza la partecipazione del governo. Duterte, ad aprile, ha prospettato un ulteriore passo: rispedire tutto in Canada, anche se questo dovesse portare ad un drastico peggioramento delle relazioni.

 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Carabinieri
MONDRAGONE

Pirata della strada investe una bambina: ricoverata in condizioni gravissime

L’uomo, che aveva assunto cocaina, è ai domiciliari accusato di omicidio stradale
Fiorentina-Napoli 3-4. L'esultanza degli Azzurri
SERIE A

Show e polemiche al Franchi, il Napoli fa il pieno

Gli azzurri replicano alla Juve e si impongono 4-3 sulla Fiorentina, furiosa per un penalty assegnato a Mertens
Alcuni dei migranti tratti in salvo
AGRIGENTO

Porto Empedocle: 20 migranti salvati in mare

Tragedia sfiorata: tra le persone tratte in salvo, anche una donna incinta
Cristiano Ronaldo
CAMPIONATO DI CALCIO

Riparte la Seria A con Parma-Juventus

Da quest'anno regole più severe sui falli di mano e cartellini per gli allenatori
Protesta dei navigator in Campania
REDDITO DI CITTADINANZA

Sciopero della fame dei navigator

In Campania braccio di ferro tra i vincitori del concorso e il governatore
Aula scolastica
ISTRUZIONE

In classe per diventare buoni cittadini

Il 5 settembre l’educazione civica torna ad essere materia obbligatoria. Cosa cambia per la scuola
Scontri a Hong Kong
ASIA

Guerriglia urbana a Hong Kong: 1 ferito

Nuovo lancio di molotov e cariche della polizia sui manifestanti
Macron al G7 da Biarritz
G7 BIARRITZ | FRANCIA

Macron: "Sarà un vertice ecoresponsabile"

Trump: "Io e il presidente francese abbiamo molto in comune e siamo amici da tempo"