MARTEDÌ 16 FEBBRAIO 2016, 001:00, IN TERRIS

EUROPEAN MEDICAL CORPS: IL TEAM DELL'UE PER FRONTEGGIARE LE EMERGENZE SANITARIE

Con il nuovo sistema, gli Stati membri e i PAesi che vi aderiscono consentiranno alle equipe mediche di rispondere in maniera efficiente e più rapida alle possibili pandemie

AUTORE OSPITE
EUROPEAN MEDICAL CORPS: IL TEAM DELL'UE PER FRONTEGGIARE LE EMERGENZE SANITARIE
EUROPEAN MEDICAL CORPS: IL TEAM DELL'UE PER FRONTEGGIARE LE EMERGENZE SANITARIE
L'Unione europea si dota di un corpo medico per fronteggiare le emergenze. E' la nuova sfida che i Paesi membri, più altri Stati che aderiranno al progetto, vogliono intraprendere. Si tratta di un team che sarà incaricato di mobilitare di medici e sanitari e attrezzature di emergenza all'interno e all'esterno dell'Unione per migliorare e rispondere con maggiore efficienza alle emergenze sanitarie.

“Lo scopo del corpo medico europeo è quello di creare un sistema molto più veloce ed efficace di risposta alle crisi sanitarie quando esse si verifichino. Dobbiamo imparare dalla lezione della risposta al virus ebola. Ringrazio gli Stati membri che hanno già contribuito finora e incoraggiamo altri ad unirsi, in modo che la risposta dell'Ue sia in grado di soddisfare le esigenze crescenti e consenta una migliore prevenzione di ogni disastro”, ha dichiarato il commissario europeo per gli aiuti umanitari e la gestione delle crisi, Christos Stylianides. Al nuovo meccanismo aderiscono 33 paesi europei – i 28 Stati membri più l'ex Repubblica jugoslava di Macedonia (Fyrom), l’Islanda, il Montenegro, la Norvegia e la Serbia – mentre la Turchia è in procinto di entrarvi.

Del reparto europeo potrebbero entrare a far parte squadre mediche d’emergenza, esperti in materia di sanità pubblica e di coordinamento sanitario, mentre tra le dotazioni previste vi sono laboratori di biosicurezza mobili, aeromobili per l’evacuazione medica e squadre di supporto logistico. Il corpo medico europeo s’iscrive nel quadro della nuova capacità europea di reazione alle emergenze (chiamata anche “pool volontario”) del meccanismo di protezione civile dell’Unione europea. I paesi che hanno già messo in campo squadre e attrezzature da destinare al pool sono Belgio, Repubblica ceca, Finlandia, Francia, Lussemburgo, Germania, Spagna, Svezia e Paesi Bassi.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
L'esondazione dell'Enza a Lentigione (ph Reggionline)
MALTEMPO

Esonda la Parma, allagata la Reggia di Colorno

Trovato senza vita sotto una valanga l'ex sindaco di Vogogna
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
Il Papa con alcuni migranti
CONVEGNO

Chiese unite contro la xenofobia

Da domani vertice ecumenico in Vaticano