LUNEDÌ 18 MAGGIO 2015, 10:10, IN TERRIS

EMERGENZA UMANITARIA NEL SUDEST ASIATICO: L'ONU OFFRE IL SUO SOSTEGNO

In una conversazione telefonica il segretario generale delle Nazioni unite, Ban Ki-moon ha espresso la crescente apprensione per la situazione dei migranti

CLAUDIA GENNARI
EMERGENZA UMANITARIA NEL SUDEST ASIATICO: L'ONU OFFRE IL SUO SOSTEGNO
EMERGENZA UMANITARIA NEL SUDEST ASIATICO: L'ONU OFFRE IL SUO SOSTEGNO
Continuano le preoccupazioni internazionali per la questione dei migranti nel Sudest asiatico. Anche il segretario generale Onu Ban Ki-moon ha espresso crescente apprensione per la crisi umanitaria dei barconi alla deriva. In una conversazione telefonica con i primi ministri di Malesia e Thailandia ha infatti offerto ai Paesi l’aiuto delle Nazioni Unite. “Nelle conversazioni con i leader della Regione, è stata sottolineata la necessità di proteggere le vite umane”, di “rispettare l’obbligo di salvataggio in mare” e di non respingere i profughi, come si legge in un comunicato dell’Onu.

Ma già nella scorsa settimana l’interesse internazionale stava crescendo, con pressioni del governo americano verso i Paesi del Sudest asiatico, perché possano accogliere le migliaia di migranti, le cui condizioni peggiorano ogni momento di più. Inoltre, le piccole imbarcazioni stanno per cedere e rischiano di affondare da un momento all’altro. Il segretario di Stato Usa, John Kerry, ha avuto un colloquio telefonico con il suo omologo thailandese per discutere la questione, evocando la possibilità per la Thailandia di fornire loro assistenza. Anche l’Alto commissario Onu per i diritti dell’uomo Zeid Ra’ad Al Hussein, si è detto costernato e teme numerosi decessi. Nonostante gli appelli però, l’Indonesia rimane irremovibile, perché se autorizzasse l’entrata dei migranti si potrebbero creare “problemi sociali”, come spiega il generale Moeldoko, capo dell’esercito.

Comunque il governo della Malesia ha annunciato che il ministro degli esteri incontrerà i suoi omologhi di Indonesia e Thailandia. Esattamente il politico malese, Anifha Aman, incontrerà quello indonesiano Retno Marsudi nella giornata di oggi. Il colloquio sarà seguito da un incontro separato tra Anifah e il ministro degli esteri tailandese, Tanasak Patimapragorn, nel corso della settimana, probabilmente il 20 maggio. Sabato 17 maggio il governo della Birmania ha escluso qualunque sua responsabilità nella crisi dei migranti rohingya e ha detto che potrebbe non partecipare al summit sulla migrazione nell’oceano Indiano convocato il 29 maggio a Bangkok.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"