GIOVEDÌ 14 MARZO 2019, 18:34, IN TERRIS


VENEZUELA

Ecco quanto è costato il blackout

Danni per 875 milioni di dollari. Guaidò smentisce il governo sul ripristino del servizio elettrico

DANIELE VICE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Il blackout in Venezuela
Il blackout in Venezuela
I

l blackout, non ancora del tutto risolto, che negli ultimi giorni ha paralizzato il Venezuela è costato 875 milioni di dollari, pari all'1% del Pil del paese sudamericano. Lo ha detto Asdrubal Oliveros, economista della agenzia Ecoanalitica.


Danni

Oliveros ha spiegato che il blackout ha comportato un blocco totale di tutte le attività economiche nel Paese, il che equivale a un danno che oscilla fra 150 e i 200 milioni di dollari al giorno. "Bisogna tenere in conto che la nostra è una economia che era già in forte sofferenza, che si è ridotta alla metà rispetto al 2012 o il 2013, ma ci sono ancora aziende operative, che con questo blackout non possono produrre od offrire servizi", ha segnalato l'economista. Oliveros ha detto che il fattore più preoccupante è che, a causa della profonda recessione "non sarà facile ricostruire tutto quello che si è perso in questi giorni, perché l'economia è esanime: le banche non hanno capacità di credito, non ci sono capitali da investire e le assicurazioni sono in bolivar, e in questa iperinflazione quello che rimborsano non basta a niente".


Lo scontro

Sul blackout, fra l'altro, si sta consumando l'ennesimo scontro fra il regime di Nicolas Maduro e il leader dell'opposizione, Juan Guaidò. Quest'ultimo sostiene che il problema non sia stato risolto, contrariamente a quanto affermato da Caracas. Poche ore dopo l'annuncio del ministro della Comunicazione, Jorge Rodriguez, secondo il quale l'erogazione elettrica, sospesa dal giovedì della settimana scorsa, è stata "ristabilita al 100%" e "su tutto il territorio nazionale", Guaidò ha pubblicato su Twitter una mappa del Venezuela, nella quale è evidenziato lo stato della distribuzione dell'elettricità e l'acqua potabile nei 23 Stati in cui è diviso il Paese. La mappa pubblicata da Guaidò non indica Stati "senza servizio" elettrico, e registra invece due Stati "con servizio" (Amazonas e Falcòn), e quattro Stati con "servizio precario" (Zulia, Lara, Monagas e Nueva Esparta), mentre tutti gli altri Stati sono segnati come con "servizio parziale". In quanto alla mappa sull'erogazione dell'acqua potabile, uno Stato (Delta Amacuro) è registrato come "senza servizio", sette con "servizio parziale" (Amazonas, Apure, Guarico, Aragua, Anzoategui e Merida) e tutti gli altri con "servizio precario".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Sea Watch
MIGRANTI

Il comandante della Sea Watch ai pm: "Rifarei tutto"

Arturo Centore, interrogato alla Procura di Agrigento, si sarebbe assunto la piena responsabilità di quanto accaduto
Migranti
GOVERNO

Sicurezza bis, via il riferimento al soccorso dei migranti

Nuova bozza che punta a risolvere le criticità palesate dal Colle. Il Viminale: "Ora l'approvazione"
Manifesto con il volto di Stefano Cucchi
IL PROCESSO

Cucchi, Arma e Difesa chiedono di essere parte civile

Il gip Antonella Minunni si è riservata di decidere. Ilaria Cucchi: "Una cosa senza precedenti"
Van der Bellen e Kurz
AUSTRIA

Governo: c'è l'ok di Van der Bellen ai tecnici

Nelle prossime ore Kurz dovrebbe presentare la lista dei nuovi ministri
Incendio doloso alla sede della municipale di Mirandola (MO)
MIRANDOLA

Rogo nella sede dei vigili: due morti. Arrestato un uomo

Le fiamme di origine dolosa: fermato un nordafricano. Salvini: "Azzerare immigrazione clandestina"
Niki Lauda
F1

Lauda, il pilota che capiva la macchina

Un campione discreto, con l'orecchio assoluto per l'automobile