DOMENICA 08 APRILE 2018, 23:00, IN TERRIS

UNGHERIA

Orban stravince col 49,5%

Il premier uscente verso la conferma al potere: è il terzo mandato consecutivo. Affluenza oltre il 70%

MATTIA DAMIANI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Il premier uscente ungherese Viktor Orban su un manifesto elettorale
Il premier uscente ungherese Viktor Orban su un manifesto elettorale
E'

fatta, Viktor Orban resta (salvo cataclismi) premier dell'Ungheria e con addirittura il 49,5% dei voti. Lo spoglio, in fase di conclusione, sta legittimando quelle che erano state le previsioni dei giorni scorsi (i sondaggi lo davano al 40%) e concretizzato una tornata elettorale che l'intera Europa ha guardato col fiato sospeso. Il leader del Fidesz era il favorito e incassa una preferenza che gli varrà due terzi dei seggi. In serata, l'affluenza alta (oltre il 70%, superato il record del 2002) e le accuse sindacali avevano gettato qualche ombra sulle sue possibilità di vittoria, fino a qualche ora prima date quasi per scontate. Alla fine però nessuno scherzo: Orban vince ancora e potrà proseguire nella sua azione politica, da molti vista come l'emblema del populismo in Europa. Consensi discreti (20%) per i rivali di Jobbik, guidati dal candidato Gabor Vona, leader di un partito profondamente rinnovato dai vecchi mantra dell'ultradestra a una politica più moderata. I socialisti si attestano al 12% complessivo. Poco probabile che i voti all'estero possano intaccare sullo scenario in via di definizione.


Presupposti

E' stato il giorno del voto in Ungheria e, a quanto pare, il giorno di Viktor Orban. Il leader magiaro, come già ampiamente emerso dai sondaggi dei giorni scorsi, appariva fortemente lanciato verso il terzo mandato consecutivo (il quarto complessivo) che, in caso, avrebbe rafforzato ulteriormente il suo ruolo di emblema dei populismi europei, del quale è assurto a modello continentale. I principali siti di previsione politica parlavano del 40% di gradimento, principalmente fondato sul mantra politico del candidato e premier uscente: "Dieci milioni di migranti musulmani sono pronti a invadere l’Europa dall’Africa e dal Medio Oriente". Ergo, il voto per Orban non solo arresterebbe l'ondata ma, d'altro canto, impedirebbe a figure come quella del filantropo George Soros di consentire l'accesso entro i confini ungheresi dei migranti, come accaduto nel 2015.


Il messaggio di Orban

Una linea semplice e capace, a quanto sembra, di far presa sulla popolazione magiara, già data come fortemente propensa a riconfermare Orban al timone del Paese. Ma la linea dell'attuale Primo ministro va oltre: Soros e le sue ong, infatti, non starebbero solo pianificando l'accesso dei profughi in Ungheria ma una sorta di invasione europea, che trasformerebbe il continente in un melting-pot culturale, spostando l'attenzione anche sulla religione e sulla probabile riduzione della cristianità a una minoranza nell'Europa occidentale. Un messaggio che sembra esser filtrato a sufficienza e che, sostanzialmente, si basa su una distopia vista da più parti come qualcosa di fattibile, pur nella sua esagerazione. Ma non solo la sua campagna pareva aver dato a Orban la quasi certezza di vittoria: a giocare un ruolo fondamentale è stata anche l'opposizione, poco coesa e mirante a far bene nei collegi uninominali a maggioranza semplice, e anche un periodo di buona crescita economica.


Gli sfidanti

A giocarsela con il favorito del Fidesz erano i verdi-socialisti con il loro candidato Gergely Karacsony (sindaco del 14esimo distretto di Budapest) e soprattutto i nazionalisti Jobbik di Gabor Vona, che hanno posto le loro ambizioni politiche nelle mani di 8,3 milioni di ungheresi. Il Partito nazionalista si presentava con qualche aspirazione in più, forte di un'importante salita alle elezioni del 2014: un 20,5% con tanto di rielezione all'Assemblea nazionale per Vona. Il leader Jobbik si è recato alle urne attorno alle ore 9, vaticinando che le recenti elezioni avrebbero determinato il futuro ungherese per lungo tempo, ben più dei quattro anni di legislatura. I seggi sono stati chiusi alle 19.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
UNGHERIA

Orban: "C'è un piano contro l'Europa cristiana"

A una settimana dal voto, il premier magiaro punta il dito contro Soros e alcune ong

Giovani militanti di Fidesz a Budapest
Domenica 8 aprile gli elettori ungheresi saranno chiamati a votare per un governo sovrano o per un esecutivo "internazionalista fondato da...
NEWS
ECONOMIA GREEN

Bio e sostenibile, boom in Italia dell'agricoltura verde

Tre italiani su quattro chiedono alle aziende attenzione all’ambiente. 60 mila aziende certificate con il bollino verde
Il filosofo Emanuele Severino
BRESCIA

Addio a Emanuele Severino

Il filosofo è morto il 17 gennaio ma la notizia è stata diffusa oggi per suo volere
Sagra paesana
TORINO

Sgominata banda dell'ammoniaca: 5 arresti

Rubavano nelle abitazioni usando uno spray per neutralizzare gli animali di guardia
La casa il giorno del rogo
FERMO

Bimba morta nel rogo in casa: madre fermata per omicidio

La donna avrebbe ucciso la figlia maggiore e abbandonato il corpo tra le fiamme per coprire le prove
L'aereo ucraino abbattuto
TEHERAN

L'Iran conferma: aereo ucraino abbattuto da due missili

Il Paese ha chiesto aiuto a Francia e Stati Uniti per decrittare i dati delle scatole nere
Il nuovo leader dell'Isis
TERRORISMO

L'Isis annuncia il nuovo leader: è il "Califfo" Abu Ibrahim

Guidò la persecuzione sulla minoranza yazidi in Iraq. Su di lui una taglia da 5 milioni di dollari
L'epicentro del sisma
PUGLIA

Terremoto 3.6 nel foggiano

Due scosse di lieve entità nella notte anche in provincia di Bologna
SBARCHI

A processo per la nave Gregoretti, la sfida di Salvini

Il leader leghista: "Sono il primo politico che chiede di essere processato"
WELFARE E ISTRUZIONE

Un'impresa su 3 è guidata da donne

E’ la fotografia delle aziende scattata dall’Osservatorio per l’imprenditorialità femminile di...
VIVERE IN CITTÀ

Se vivi a Roma 254 ore all'anno le passi nel traffico

La Global card scorecard di Inrix pubblica l'analisi dei trend della mobilità e della congestione urbana in 200...
ROMA

Colosseo, si apre voragine in strada: evacuato un palazzo

La Raggi: "Tecnici al lavoro. Entro sera tutte le famiglie ricollocate"
SALUTE

Il virus misterioso che spaventa la Cina

Accertata la terza vittima, 140 i nuovi casi di contagio
Il Papa in visita alla sinagoga di Roma
MONITO PAPALE

“Condannare fermamente ogni forma di antisemitismo”

Il Papa al Centro Simon Wiesenthal: "La memoria dell’Olocausto per non annientare il futuro"
NEW ECONOMY

Smart&Start Italia: da oggi si possono inviare le domande

Al via la misura che sostiene la nascita e lo sviluppo di startup innovative. Cosa prevede la circolare ministeriale