SABATO 14 SETTEMBRE 2019, 13:06, IN TERRIS


GOLFO PERSICO

Droni bombardano due giacimenti petroliferi in Arabia Saudita

Colpito il più grande impianto di lavorazione del greggio del paese. I sospetti sui ribelli Houthi dello Yemen

LORENZO CIPOLLA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Uno degli impianti colpiti
Uno degli impianti colpiti
B

rucia il Golfo Persico. Nella notte due droni hanno bombardato e incendiato il principale impianto di lavorazione di petrolio dell'Arabia Saudita gestito dalla compagnia nazionale Saudi Aramco a Buqyak, e un giacimento nel campo di estrazione nella zona del Khurais. I vigili del fuoco hanno dovuto lavorare molte ore per domare gli incendi causati dagli attacchi. Le autorità saudite hanno comunicato che la situazione è sotto controllo. L'entità dei danni non è ancora nota, né si sa sono ci sono state vittime in quello che è il peggior attacco subito dal paese dal 2015. L'anno dello scoppio della guerra civile in Yemen e dell'intervento militare saudita in favore delle autorità di San'a, avversate dal gruppo armato sciita degli Houthi.


I ribelli

Gli attacchi non sono ancora stati rivendicati, ma i sospetti di Riad si concentrano sulle milizie Houthi. Da anni i ribelli yemeniti, sostenuti dall'Iran nel conflitto che ha condotto il paese in una catastrofica crisi umanitaria, lanciano offensive con lanci di missili e bombardamenti con i droni contro l'Arabia Saudita. Nel mirino, le infrastrutture, le basi militari e le raffinerie del regno di Salman al Saud. Il mese scorso la formazione sciita dello Yemen aveva rivendicato un attacco all'impianto di liquefazione di Shaybah. In realtà esiste una minoranza sciita anche in Arabia Saudita, paese a maggioranza sunnita, che per alcuni anni ha portato avanti attività di guerriglia. Ma il tipo di droni usati negli ultimi attacchi non sarebbe di quelli che hanno in dotazione i ribelli sauditi. Inoltre gli Houthi disporrebbero anche di tecnologie avanzate che gli consentoni di inviare velivoli del tipo UAV-X in grado di spingersi per 1500 chilometri nei territori sauditi e arrivare al confine con gli Emirati Arabi Uniti, un altro paese intervenuto nella guerra civile yemenita.


Gli obiettivi

L'impianto di Buqyak sarebbe, stando a quando detto da Saudi Aramco, il più grande al mondo tra quelli in cui si stabilizza il greggio prima di inviarlo alle raffinerie per la lavorazione finale. Riuscirebbe a produrre fino a sette milioni di barili al giorno. Quello di Khurais, a poco più di 300 chilometri dalla capitale del Regno, arriverebbe a estrarre petrolio per un milione di barili giornalieri e disporrebbe di riserve fino a 20 miliardi

 

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Inquinamento in una città italiana
DATI EUROPEI

Rapporto choc: l'Italia primo Paese dove si muore per inquinamento

Tassi altissimi al nord. Torino più inquinata di Parigi
San Giovanni Paolo II abbraccia un bambino
INAUGURAZIONE

In Spagna la famiglia secondo Karol Wojtyla

Aperta la nuova sezione del Pontificio Istituto teologico Giovanni Paolo II a Madrid
16 ottobre 1943: il rastrellamento del ghetto di Roma
ANTISEMITISMO

Shoah, Raggi: "Roma non dimentica"

Oggi si commemora il rastrellamento del Ghetto avvenuto il 16 ottobre 1943
Ordinazione sacerdotale in Vaticano
LATINA-TERRACINA-SEZZE-PRIVERNO

Una lampada itinerante per le vocazioni

L'icona di una Madonna con il Bambino della famiglia di santa Maria Goretti accompagna il pellegrinaggio
Bus incidentato (immagine di repertorio)
VIA CASSIA

Bus si schianta contro un albero: 10 feriti

Il mezzo è finito fuori strada, ancora ignote le cause dell'incidente
La nave Ocean Viking in porto
PUGLIA

Ocean Viking: sbaracati a Taranto 176 migranti

Mons. Santoro: "Oggi fortunatamente possiamo parlare di vita e non di morte"
Chiara Lubich
FRASCATI

Chiara Lubich: si chiude la fase diocesana di beatificazione

Lo studio degli atti proseguirà presso la Congregazione delle cause dei santi
Spaccio
NUOVE MISURE ANTI-TRAFFICANTI

Giro di vite del Viminale contro la droga

Il Ministero dell’Interno chiede ai prefetti più vigilanza sulle piazze di spaccio
Liechtenstein-Italia 0-5. Bernardeschi festeggiato dai compagni dopo la rete del vantaggio - Foto © Twitter
QUALIFICAZIONI EURO 2020

Italia, pokerissimo al Liechtenstein e filotto da record

Mancini come Pozzo: nove successi di fila. A Vaduz è 5-0: doppietta di Belotti, a segno Bernardeschi, ElSha e Romagnoli
La corona di fiori gettata in acqua da Paa Francesco
MIGRANTI

Naufragio a Lampedusa, localizzati dodici corpi

Il barchino affondato la scorsa settimana è a 60 metri di profondità. Tra i corpi, anche un bimbo abbracciato alla...
Alcuni dei gesti più emblematici nella storia recente dello sport. In basso, lo stadio di Pyongyang vuoto
CASI STORICI

Sport e politica, un binomio complicato

Dal saluto militare turco alle proteste olimpiche, fino al match fantasma tra le Coree: gesti clamorosi che, nel bene o nel male,...
Don Oreste Benzi
FEDE

Don Benzi sulla strada della beatificazione

Si è chiuso il processo diocesano sul sacerdote Servo di Dio. La gioia della Comunità Papa Giovanni XXIII:...