DOMENICA 28 GIUGNO 2015, 001:01, IN TERRIS

DEFAULT GRECIA PIU' VICINO: "IL REFERENDUM DI TSIPRAS BLOCCA IL NEGOZIATO"

Nonostante i 5 incontri in 10 giorni sembra non si riesca a trovare un accordo per il debito greco

CLAUDIA GENNARI
DEFAULT GRECIA PIU' VICINO:
DEFAULT GRECIA PIU' VICINO: "IL REFERENDUM DI TSIPRAS BLOCCA IL NEGOZIATO"
I ministri delle Finanze si sono riuniti nel pomeriggio di ieri a Bruxelles per la quinta volta in 10 giorni. Tema delle discussioni: il futuro della Grecia, e soprattutto della zona euro. Alla luce dell’inattesa decisione del governo Tsipras di indire un referendum sulla proposta dei creditori, molti ministri hanno spiegato che sul tavolo ci sono ormai le misure da prendere per meglio affrontare l’ormai probabile fallimento della Grecia. I controlli dei capitali sono alle porte.

Se fino a giovedì sembrava ancora possibile trovare l’accordo, la scelta del referendum ha scombussolato i programmi, tanto più che il governo di Atene ha suggerito ai suoi cittadini di respingere le proposte dei creditori. Arrivando a Bruxelles nella sede del Consiglio europeo, i ministri erano evidentemente scossi da una decisione inattesa. Il falco tedesco delle Finanze, Wolfgang Schaeuble ha detto che erano “stati convocati per trovare un’intesa. Ora che la Grecia ha lasciato il tavolo negoziale non c’è più nulla di cui parlare se non delle conseguenze del loro gesto”.

Era da settimane ormai che sul tavolo c’era un continuo scambio di riforme economiche da un lato e nuovi aiuti finanziari dall’altro. Tra le righe c’era anche l’idea di una estensione dell’attuale programma che scade martedì. Prima della riunione, Varoufakis ha detto che ne chiederà comunque un’estensione. Ma su quest’aspetto molti ministri sono stati categorici, come ha spiegato Schaeuble: “È impossibile immaginare un’estensione del memorandum in assenza di negoziati”. Dello stesso avviso il finlandese Alexander Stubb: “C’è un consenso tra noi che l’estensione non è possibile”. Sempre Stubb ha ammesso che a questo punto “il piano B si sta rapidamente trasformando nel piano A”.

Dietro alla scelta del referendum ci sono molti motivi. Tsipras è consapevole infatti della preoccupazione dei partner dell’eurozona di una instabilità politica del suo Paese. Con questa mossa ha pensato forse di strappare nuove concessioni per evitare al Paese il baratro finanziario, ma finora senza successo. I toni sono stati di risentimento, sfiducia e rabbia. Molti esponenti politici europei temono di essere di fronte a un ricatto della Grecia.

Ora, attrezzarsi per la situazione d’emergenza, che verrà probabilmente provocata dalla fine del memorandum e dal mancato rimborso di 1,7 miliardi di euro al Fmi, significa probabilmente inserire un controllo dei capitali, per evitare nuove fuoriuscite di denaro dal Paese. Comunque sono ormai giorni che i bancomat sono presi d’assalto dai cittadini che prelevano il loro denaro. I ministri dovranno anche immaginare possibili aiuti umanitari, nel caso di una crisi di liquidità.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Andrea La Rosa
MILANO

Trovato morto l'ex calciatore La Rosa

Il 35enne era scomparso lo scorso 16 novembre: il suo corpo è stato rinvenuto nel bagliaio di un'auto
Maria Elena Boschi
BANCA ETRURIA

Boschi: "Mai mentito al Parlamento"

Presidente della Consob: "Parlai della questione con lei"
Le
F1

Niente più "ombrelline" sulla griglia di partenza

Chase Carey: "Una giusta decisione per il futuro dello sport è necessaria"
Il premier italiano, Paolo Gentiloni
MIGRANTI

Gentiloni: "Le quote obbligatorie sono il minimo sindacale”

Il Premier al termine del V4: "Serve più impegno da parte della Ue"
Il vicepresidente Usa, Mike Pence
GERUSALEMME CAPITALE

Rinviata la visita di Pence

Viaggio spostato "di qualche giorno". Sulla decisione pesano anche le tensioni con la Palestina
Polizia
ORRORE A FOGGIA

Violenta la figlia davanti alla nipotina

Arrestato il padre di 48 anni per i reati di violenza sessuale aggravata e atti persecutori
Banca Etruria
BANCA ETRURIA

Consob: "Taciute criticità ai risparmiatori"

Il vice dg della Consob Giuseppe D'Agostino in audizione alla commissione d'inchiesta sulle banche
Senato
SENATO

Il Biotestamento è legge

Applausi in Aula dopo il voto. I contrari: "Introdotta eutanasia omissiva"