MARTEDÌ 29 NOVEMBRE 2016, 002:00, IN TERRIS

Darfur: tre operatori dell'Unhcr sequestrati da ignoti a Um Shalaya

Le vittime del rapimento sono un sudanese e due nepalesi. Mobilitate le forze di sicurezza

REDAZIONE
Darfur: tre operatori dell'Unhcr sequestrati da ignoti a Um Shalaya
Darfur: tre operatori dell'Unhcr sequestrati da ignoti a Um Shalaya
Tre inviati dell'Alto commissariato Onu per i rifugiati (Unhcr) sono stati rapiti da uomini armati non identificati a El Geneina in Darfur. Lo scrive il sito del giornale Sudan Tribune, citando il portavoce del governo del West Darfur, Abdallah Mustafa Jarel-Nabi, precisando che i "tre sono stati sequestrati mentre rientravano da una missione".

Secondo un testimone i sequestratori - in tutto sei uomini - provenivano dall'area di Um Shalaya dove si trova un campo di rifugiati ciadiani. Jarel-Nabi ha aggiunto che il governo dello Stato ha adottato tutte le misure necessarie per ottenere la liberazione dei prigionieri nel più breve tempo possibile e ha inoltre escluso motivazioni politiche dietro il sequestro precisando che la banda armata mira ad ottenere il pagamento di un riscatto. Le vittime del sequestro sono un sudanese e due nepalesi. Le forze di sicurezza stanno battendo al territorio per trovarli e individuare i colpevoli.

La situazione in Darfur è sempre in bilico. Le tribù non arabe continuano a combattere il governo islamista di Karthoum, impegnato per acquisire il controllo delle zone rurali. Dall'inizio del conflitto, nel 2003, circa 300 mila persone sono state uccise, mentre, secondo le Nazioni Unite, i profughi sono 2,5 milioni. La Corte penale internazionale ha emesso mandati d'arresto contro il presidente sudanese Omar Hassan al-Bashir nel 2009 e nel 2010. Il capo di Stato è accusato di crimini di guerra e genocidio, commessi durante il suo governo nel tentativo di soffocare la rivolta.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
L'esondazione dell'Enza a Lentigione (ph Reggionline)
MALTEMPO

Esonda la Parma, allagata la Reggia di Colorno

Trovato senza vita sotto una valanga l'ex sindaco di Vogogna
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
Il Papa con alcuni migranti
CONVEGNO

Chiese unite contro la xenofobia

Da domani vertice ecumenico in Vaticano