MARTEDÌ 09 GIUGNO 2015, 18:51, IN TERRIS

DALL'EUROPA UN NUOVO ATTACCO ALLA FAMIGLIA NATURALE

Il Parlamento di Strasburgo invita ora tutti gli Stati membri a prendere atto delle famiglie monoparentali e omogenitoriali

CLAUDIA GENNARI
DALL'EUROPA UN NUOVO ATTACCO ALLA FAMIGLIA NATURALE
DALL'EUROPA UN NUOVO ATTACCO ALLA FAMIGLIA NATURALE
Continua a veloci falcate il riconoscimento delle unioni omosessuali: dopo il referendum irlandese che ha dato il via libera verso i matrimoni dello stesso sesso, adesso altri segnali arrivano anche dalle istituzioni europee, che già si erano espresse sul tema. Il Parlamento europeo di Strasburgo ha approvato a larga maggioranza un rapporto sull’uguaglianza di genere in Europa in cui si parla – per la prima volta in maniera così esplicita – di “famiglia gay”. “Il Parlamento – si legge nel testo – prende atto dell’evolversi della definizione di famiglia”.

Ancora più significativo un secondo passaggio del testo in cui il Parlamento raccomanda “che le norma in quell’ambito compresi i risvolti in ambito lavorativo come i congedi) tengano in considerazione fenomeni come le famiglie monoparentali e l’omogenitorialità”. Tutto sommato non è il primo pronunciamento in questo senso del Parlamento di Strasburgo: già a marzo l’Europarlamento aveva votato a larga maggioranza a favore del riconoscimento delle unioni civili e del matrimonio tra persone dello stesso sesso, considerandolo come un “diritto umano”.

Con un referendum la cattolicissima Irlanda è diventato nella primavera scorsa il 14.mo Paese dell’Unione europea a dire sì ai matrimoni tra omosessuali. Nel mondo sono complessivamente più di 20 gli Stati che riconoscono le nozze gay. In altri sono legali le unioni civili, mentre i Paesi europei che fino ad oggi non hanno previsto alcun tipo di tutela per le coppie omosessuali restano nove: Italia, Grecia, Cipro, Lituania, Lettonia, Polonia, Slovacchia, Bulgaria e Romania.

In esultanza le associazioni omosessuali e le lobby lgbt. Per Aurelio Mancuso, presidente di Equality, si tratta di “notizie confortanti”. Il leader di Sel, Nichi Vendola, parla su Twitter di “un altro passo avanti in Europa sui diritti delle persone”. Diversa la reazione di Giuseppe Mariniello, presidente della Commissione Ambiente di Palazzo Madama: “Sarò in piazza a Roma il 20 giugno per difendere il diritto dei bambini ad avere una mamma e un papà e dire sì alla famiglia fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Incidente stradale a Lecce
OMICIDIO STRADALE

Ubriaco al volante travolge uno scooter: un morto

Il conducente della Bmw 320 è un 35enne di nazionalità bulgara
Auto travolge passanti ai Mercatini di Natale di Sondrio
AUTO CONTRO MERCATINO DI NATALE

Sondrio, il conducente è accusato di strage

Il 27enne ha agito sotto l'effetto di alcol e cannabinoidi
La Cattedrale di Londra imbiancata dalla neve
MALTEMPO

Freddo e neve gelano il Nord Europa

Fiocca anche a Milano e Torino. Disagi su tutto l'arco alpino
Matteo Renzi
VERSO IL VOTO

Renzi: "Berlusconi? Niente intese con mr Spread"

L'ex premier: "Silvio fa le stesse promesse del 1994 che non ha mai mantenuto"
DIRITTO DI REPLICA

Annullato l'arresto per il sindaco Caliandro

Il primo cittadino di Villa Castelli era stato coivolto in un'inchiesta su presunte tangenti
L'esultanza del Milan al termine del match contro il Bologna
CALCIO | SERIE A

Frenano Roma e Napoli, sorride il Milan

Giallorossi e partenopei fermati sullo 0-0 da Chievo e Fiorentina. Primo successo per Gattuso, ok Udinese e Sassuolo