MARTEDÌ 05 MAGGIO 2015, 19:30, IN TERRIS

DALLA TURCHIA ALLA SIRIA IL COMMERCIO DI FERTILIZZANTE PER LE BOMBE DEL CALIFFATO

Centinaia di sacchi di nitrato di ammonio partono ogni giorno da Ankara per raggiungere Tal Abyad, sotto il controllo dello Stato Islamico

HORTENSIA HONORATI
DALLA TURCHIA ALLA SIRIA IL COMMERCIO DI FERTILIZZANTE PER LE BOMBE DEL CALIFFATO
DALLA TURCHIA ALLA SIRIA IL COMMERCIO DI FERTILIZZANTE PER LE BOMBE DEL CALIFFATO
Dalla Turchia alla Siria ogni giorno materiale utilizzato dall'Isis per realizzare ordigni esplosivi, passa la frontiere senza alcun problema. Si tratta di sacchi e sacchi di fertilizzante agricolo come rivela il New York Times, e sono una parte consistente dell'economia di guerra del villaggio di Akcakale.

Secondo il reportage del giornale americano, in questi giorni decine di camion carichi di nitrato di ammonio, un composto chimico che può essere impiegato sia come fertilizzante che per la costruzione di bombe, hanno oltrepassato il confine siriano per consegnare il materiale nella cittadina siriana di Tal Abyad, attualmente sotto il controllo del Califfato. Non ci sono dubbi sul reale utilizzo di questa merce: "Non è per l'agricoltura, serve per le bombe", ha chiarito al quotidiano statunitense Mehmet Ayhan, un politico dell'opposizione locale, in corsa per un posto in parlamento. Ma fino a che i cittadini turchi dai traffici ci guadagnano, tutti sembrano disposti a chiudere un occhio.

Sebbene nelle ultime settimane Ankara abbia rinforzato i controlli alle frontiere per evitare il passaggio dei foreign fighters, il commercio destinato ai territori conquistati dall'Isis viene ancora tollerato. John Goodpaster, perito chimico consulato dal New York Times, ha spiegato come con 90 kg di nitrato di ammonio sia possibile equipaggiare un'autobomba, 9 kg invece basterebbero a far esplodere un kamikaze. Sui camion rintracciati sono stati trovati almeno 25 tonnellate di fertilizzanti, adatti per il rifornimento di una vere e propria guerra degli uomini di al Baghdadi.

Quella della Turchia sembra ormai la via più semplice per raggiungere la Siria, tanto che gli stessi jihadisti nelle proprie conversazioni online invitano le nuove reclute a raggiungere Istanbul per poter oltrepassare il confine senza eccessivi problemi.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Polizia
ORRORE A FOGGIA

Violenta la figlia davanti alla nipotina

Arrestato il padre di 48 anni per i reati di violenza sessuale aggravata e atti persecutori
Banca Etruria
BANCA ETRURIA

Consob: "Taciute criticità ai risparmiatori"

Il vice dg della Consob Giuseppe D'Agostino in audizione alla commissione d'inchiesta sulle banche
LINKIN PARK

"One More Light Live", l'album in cui rivive Chester

Il 15 dicembre esce la nuova raccolta dedicata al cantante scomparso
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"
La navetta Soyuz
MISSIONE VITA

Rientrata la Soyuz con a bordo Paolo Nespoli

La navetta è atterrata nella steppa del Kazakistan dopo 139 giorni nello spazio
Valeria Fedeli

La ministra

La ministra dell'Istruzione, in un'intervista al ‘Mattino’ di Napoli, ha annunciato che...
Il ministro Mohamed Taher Siala
MIGRANTI

Tripoli replica ad Amnesty: "Rapporto esagerato"

Il ministro libico degli Esteri: "L'Italia ci sta aiutando. Abusi? C'è una commissione al lavoro"
Jorge Glas
CASO ODEBRECHT

Condannato il vicepresidente dell'Ecuador

Sei anni a Jorge Glas, già sospeso dalle funzioni: avrebbe intascato 14 milioni di dollari in tangenti