DOMENICA 19 APRILE 2015, 008:01, IN TERRIS

DA RADIO LONDRA A RADIO BETLEMME

Nel campo profughi Dhisheh il prossimo mese sarà lanciata Shoruq Radio Online.

MATTIA SHERIDAN
DA RADIO LONDRA A RADIO BETLEMME
DA RADIO LONDRA A RADIO BETLEMME
La radio come forma di riscatto per i giovani palestinesi. Accade a Dheisheh, campo profughi alle porte di Betlemme, in Cisgiordania, un 'inferno' dove 15.000 persone vivono assiepate in un chilometro quadrato. Qui il prossimo mese vedrà la luce Shoruq Radio Online, un progetto portato avanti da tre ragazzi e tre ragazze per raccontare la vita nel campo e che darà voce ai suoi abitanti "in tutta la Cisgiordania e anche oltre i suoi confini", come racconta il coordinatore Hisham al-Alham. A raccontarlo è Adn Kronos, con uno speciale sull'iniziativa.

Così come Radio Londra rappresentò a partire dal 27 settembre 1938 un modo per contrastare la propaganda nazifascista, con programmi trasmessi dall'inglese BBC e indirizzati alle popolazioni europee continentali, l'esperimento palestinese può essere una maniera per cementare un popolo nel suo sforzo di riconoscimento.

La radio, finanziata da 'Mecca Production' (società con sede in California) e Undp, nasce da una costola del gruppo Shoruq, organizzazione creata nel 2012 a Dheisheh con l'obiettivo di "difendere e proteggere i diritti inalienabili dei palestinesi" attraverso una seria di programmi, uno dei quali è legato ai media, come si legge sul sito del gruppo.

"Il nome della radio forse potrebbe cambiare, per ora è Shoruq, comunque siamo pronti per iniziare le trasmissioni", spiega il 25enne al-Alham ad Aki-Adnkronos International nell'edificio che ospita l'emittente. Ogni cosa appare al suo posto, dai mixer allo studio di registrazione. "L'obiettivo della radio? Vogliamo comunicare come è la vita nei campi profughi e tutti i problemi politici e sociali", prosegue il giovane.

Anche il palinsesto è già stato definito. Il programma del mattino ospiterà gli anziani che racconteranno come vivevano prima della Nakba (Catastrofe) del 1948, quando circa 700.000 palestinesi furono costretti a lasciare le loro case e ad uscire dai confini del neonato Stato d'Israele.

"Ci saranno poi dei notiziari, con informazioni raccolte da tutti i campi profughi della Cisgiordania, e programmi per i più piccoli, ma anche spazi per discutere di attualità e politica", prosegue al-Alham, il cui sogno è di guidare un giorno "una tv o un giornale".

"Vogliamo far sentire la voce dei palestinesi, ma certo non possiamo ignorare la politica in questo paese", aggiunge il direttore del gruppo Shoruq, Hazem al-Qassas, parlando a pochi metri dai locali dove nascerà la nuova emittente. Al-Qassas dice di non avere fiducia nei leader palestinesi attuali, ma il vero problema - dice - "è che non se ne vedono di nuovi all'orizzonte". La politica e le armi non risolvono i problemi dei palestinesi, conclude, ma "noi lavoriamo per cambiare il futuro".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
L'esondazione dell'Enza a Lentigione (ph Reggionline)
MALTEMPO

Esonda la Parma, allagata la Reggia di Colorno

Trovato senza vita sotto una valanga l'ex sindaco di Vogogna
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
La chiesa di San Giorgio restaurata
PIANA DI NINIVE

Riconsacrata la chiesa di Tellskuf

Profanata e semidistrutta dall'Isis, è stata restaurata con i soldi raccolti da Acs
New York, il capolinea attaccato
ATTACCO A NEW YORK

Arriva la condanna del Bangladesh

Dacca: "Tolleranza zero con i terroristi". Ullah era giunto negli Usa nel 2011
La Bibbia su smartphone
GERMANIA

In un'App la nuova traduzione della Bibbia

La versione in tedesco della Sacra Scrittura è gratuita per iOs e Android